Gf Vip, Predolin su Instagram: "Ci sono i gay intelligenti e quelli frustrati"

Una volta uscito dalla casa del Gf Vip, il conduttore ha voluto togliersi qualche sassolino dalle scarpe: "Senza di me e Carmen questo reality è una rottura"

La squalifica di Marco Predolin dalla casa del Gf Vip ha fatto parecchio parlare sia i concorrenti ancora in gioco sia fuori dal reality.

A pochi giorni dall'eliminazione, Marco Predolin ha deciso di togliersi qualche sassolino dalle scarpe. Così, con una diretta su Instagram ha presentato la sua famiglia e ha chiarito una volta per tutte cosa è successo all'interno della casa del Gf Vip. "Per prima cosa - dice il conduttore - voglio salutare i gay intelligenti, per quelli frustrati non posso farci niente. Da questa storia la mia famiglia ha ricevuto una bella batosta. Non faccio marcia indietro. Se posso aver offeso qualcuno chiedo scusa, non era mia intenzione offendere nessuno sia per quanto riguarda la religione che per quanto riguarda i gay".

Marco Predolin, poi, interagisce con i suoi fan e continua: "Voglio che anche voi non siate incazzati perché piano piano mi riprenderò tutto quello che mi è stato tolto dai coglioni e dai frustrati che si nascondono. Io ho rivisto quello che ho detto, ho fatto un'allegoria di dove mi trovavo. Chi ha inteso questo come 'bruciamo i gay in quanto gay' è fuori luogo. Con mannaggia la M..., intendevo la cantante. Non riuscirà a cantare più perché è vecchia. No sto scherzando, non volevo offendere nessuno".

Il conduttore procede con la sua lunga diretta e tranquillizza i fan, "sto bene". Ma dopo aver chiarito ancora una volta il suo punto di vista, si lascia andare a qualche considerazione in più: "Comunque fuori io dal Gf e fuori Carmen che rottura di coglioni il Gf perché manca qualcosa che noi mettevamo. Sono orgoglioso di aver fatto un reality mostrando quello che sono. Gli altri stanno recitando, quello con gli occhiali e la cosa su... (il riferimento è a Cristiano Malgioglio, ndr)".

E ancora: "Un'altra cosa che mi fa incazzare. Molte categorie vengono attaccate ma mai nessuno si è offeso. Però biogna stare attenti a non offendere i gay. Ci sono i gay intelligenti e i gay coglioni. Come ci sono gli etero intelligenti e quelli coglioni. Non abbiamo fobie in italia, siamo un popolo meraviglioso...".

Commenti

COSIMODEBARI

Gio, 05/10/2017 - 14:38

Io sto con Predolin quando classifica i gay e gli etero, aggiungo a questa suddivisione anche le lesbiche e i trans. Poi per il "mannaggia san cipollina rossa di tropea", beh nessuno di noi ha chiesto di essere battezzato, tanto meno di prendere la prima comunione, perchè neonati e minorenni. E' solo un business inventato dalla Chiesa di quel Cristo che si fece battezzare a ben 29 anni. Poi mi chiedo, come mai, quei saputoni del non si dice "mannaggia santa cipolla di Tropea," non fanno licenziano dalle scuole quei presidi che tolgono il crocifisso in presenza di qualcuno che professa altra religione?

occhiotv

Gio, 05/10/2017 - 14:53

Hai perfettamente ragione, hai solo dimenticato che ci sono anche i gay raccomandati e quelli sono i peggiori di tutti!

precisino54

Gio, 05/10/2017 - 15:12

È indubbio che ci siano gay intelligenti e gay c. Il guaio è che a stare sempre in mezzo a sputare sentenze ci siano maggiormente i gay c. che tra l'altro, con loro modo tutt'altro che lieve di porsi, fanno più male loro stessi alla integrazione del mondo gay autoghettizzando la categoria come quelle del movimento LGBT. Se vuoi essere accolto non devi pretendere territori protetti né trattamenti "di favore". Incredibilmente in un mondo in cui le libertà sarebbero tutte concesse qualcuna da fastidio, per cui se un etero snocciola l'elenco delle sue "conquiste" allora è visto come sessista e spregevole per la "scarsa" valutazione indiretta dell'universo femminile; se un LGBT da sfogo plateale delle sue inclinazioni tutto va bene, anzi deve orgogliosamente essere esibito: machismo no; "gaysmo" si!!

precisino54

Gio, 05/10/2017 - 15:15

La prurigine puritana, sempre pronta a bacchettare chi non si allinea, sta portando a mettere in bocca dell'avversario temi e posizioni ritenuti, dal politiclmente corretto, sbagliate così censurando non solo le idee ma pure la possibilità altrui di esprimersi. Una volta c'era la caccia all'untore o alle streghe, con cui si faceva fuori chi intralciava il "macchinista", oggi bastano poche parole: omofobia e razzismo tra tutte per togliere al "disturbatore" ogni possibilità.

precisino54

Gio, 05/10/2017 - 15:22

X occhiotv; purtroppo in tanti settori essere gay è "titolo di merito" per avere spazi che agli etero non sarebbero, non dico concessi, ma neanche pensati. Ma si sa: un no ad un gay scatena prontamente la canea della ghettizzazione e della esclusione.

DADDY

Gio, 05/10/2017 - 15:58

Piena solidarietà a Predolin che ha dimostrato solo molta simpatia, mi spiace che sia stato escluso così ingiustamente. Certamente il programma ne risentirà. Spero che affidino a Marco qualche programma televisivo in cui farsi apprezzare.

massmil

Gio, 05/10/2017 - 16:14

Caro Predolin, le persone intelligenti ti hanno capito sia sulla religione sia sui gay, ma oggi il nostro Paese è popolato da sempre più imbecilli che lo sono di natura o per convenienza. Oggi tolgono il crocifisso dalle aule di scuola o cancellano i presepi, cosa ben più grave di quanto attribuiscono a te, ma la gente se ne fotte, nessuno ha interesse a difendere il povero Gesù, e nessuno preside viene squalificato per questo.

mariod6

Gio, 05/10/2017 - 16:45

La bestemmia più oscena la pronunciano quei politically correct che calando le braghe (oddio !!!!) davanti ai mussulmani fanno togliere i crocifissi dalle scuole, fanno cancellare le ore di religione e fanno togliere dalle mense scolastiche i prodotti a base di maiale. Se ai caproni non gli sta bene il crocifisso in classe se ne tornino a casa loro che nessuno munito di cervello ne sentirà la mancanza.

precisino54

Gio, 05/10/2017 - 18:16

X DADDY; ahimè sono pressoché certo che a Predolin non affideranno mai un programma che magari lo risarcisca della cattiveria, ed imbecillità, di quanti lo buttarono fuori dai palinsesti televisivi. Probabilmente non è omologato e non ha ancora abbracciato le tesi dominanti caldeggiate nei salotti che contano. Al tempo venne fatto fuori perché "malato terminale" di AIDS e ben pochi volevano averlo tra i piedi, non faceva "spettacolo" portare il dolore, lo stesso oggi usato in nome dell'auditel, sugli schermi. Probabilmente quello fu il sistema per estrometterlo e fare posto a qualcuno meno scomodo da trattare. È per lo meno incredibile che quanto spesso, nei pistolotti di qualcuno, si sente dire, ovvero di quanto possano fare male certe parole, Predolin di una certa campagna e modo di fare è stato vittima, oggi e si è colta l'occasione per reiterare su di lui certi comportamenti.

precisino54

Gio, 05/10/2017 - 18:21

Mi chiedo comunque se sia più blasfema la sua imprecazione, sconosciuta ai più nell'intrinseco significato, che tanti atteggiamenti volti a disconoscere, o cancellare, la nostra cultura cattolica. Se si analizzasse con lo stesso rigore vittoriano tutto quanto viene detto in tv i palinsesti subirebbero pesanti tagli, ma evidentemente alcune cose sono diventate tabù altre continuo oggetto di preferenza. Altro aspetto è poi quello di indulgere su fumo ed alcol, il cui abuso è di certo pericoloso per la salute.

Ritratto di elkid

Anonimo (non verificato)

Anonimo (non verificato)

gluca72

Gio, 05/10/2017 - 20:42

Non parlate di gay, sessualità,veganismo,femminismo, sulle vostre idee potrebbero esserci le solite speculazioni sul politicamente corretto. Sorridete sempre comportatevi con educazione e rispetto ma fate e pensate quello che preferite. Siate in poche parole degli ipocriti va tanto di moda.

Ritratto di faustopaolo

faustopaolo

Gio, 05/10/2017 - 20:47

Piena solidarietà a Marco. Ma che dico piena: pienissima !!

Ritratto di bonoitalianoma

bonoitalianoma

Gio, 05/10/2017 - 22:50

Ormai la trasmissione GF intesa come G_rande F_ratello non la guarderà più nessuno e allora per incentivare la platea degli spettatori si dovrà reinventare il testo della trasmissione con il G_ay F_rocio.