La giovinezza di Bastianich fra hot dog e baci proibiti

Il giudice italo-americano di Masterchef si racconta nel libro di ricette semi-autobiografiche "Te la do io l'America": e ci scappa una confessione piccante

È un Joe Bastianich intimo, quello che emerge dall'autobiografia gastronomica "Te la do io l'America" che il giudice di Masterchef Usa e Italia ha appena pubblicato per Rizzoli.

Un tour di ricette rigorosamente a stelle e strisce tutte legate alle esperienze newyorkesi di mr Bastianich, amatissimo dal pubblico italiano proprio per questa sua vena "yankee".

" Farete colazione con l’Avocado Toast, come le casalinghe salutiste dei quartieri di lusso - promette Joe - e assaggerete le strepitose Deviled Eggs; scoprirete che la vera ricetta della Caesar Salad l’ha inventata un italiano fuggito in Messico durante il proibizionismo e che, se tornate a casa un po’ brilli, la cura perfetta è un panino Meatball Grinder."

Ma l'assaggio più gustoso arriva dal profilo Facebook del ristoratore e giudice italo-americano: "quando ero al liceo, nel Bronx, ci piaceva andare allo Yankee Stadium e rimpinzarci di hot dog prima di fare tappa al bar del quartiere dove con pochi dollari potevi ordinarti un cocktail. Ecco perché gli hot dog sono legati ai miei ricordi più belli, come limonare con le mie compagne di scuola irlandesi ubriache..."