Ma il «gorillone» non dà i frutti sperati

L'urlo di Tarzan più di quello del gorillone Cesare. Gli incassi di questo fine settimana sono stati meno favorevoli di quello che si poteva auspicare. Se, lo scorso anno, The Legend of Tarzan aveva collezionato, al debutto, 1.409.052 euro, in questo 2017 The War: Il Pianeta delle scimmie, ha esordito nelle sale con 1.155.464 euro, peggio, addirittura, di Spider-Man: Homecoming (1.285.526) ancora primo nella top ten nonostante sia già in circolo da qualche giorno. Insomma, il pur struggente atto finale della trilogia non ha richiamato il pubblico sperato. I paragoni sono sempre particolari e vanno analizzati con attenzione, però è innegabile che i precedenti L'alba del pianeta delle scimmie (1.253.524 euro, ma in soli tre giorni) e Apes Revolution (1.554.733 euro da giovedì a domenica) si presentarono al pubblico con un impatto migliore. E così, seppur di poco, anche il paragone del box office complessivo, con analogo dato 2016, è leggermente negativo (-1,1%), mentre impietoso è lo scontro con gli incassi dello scorso fine settimana (-19%). Insomma, questa era la seconda carta importante che la settima arte si giocava in questo mese di luglio e, per ora, lo spumante rimane ancora ben tappato in frigorifero. Per il resto, Black Butterfly, con Banderas improbabile scrittore in crisi, si è piazzato quinto con 85.672 euro. Una posizione più sotto per l'horror Wish Upon (75.911 euro, ma con soli 95 schermi e una discreta media di 799 euro). Infine, debutta al nono posto Cane mangia cane, strampalato thriller con Nicolas Cage (24.132 euro).