"È grasso come te, mettilo a dieta". Insulti choc ai figli di Tina Cipollari

Dopo aver postato una foto con i suoi figli in vacanza a Disneyland, Tina è stata sommersa dagli insulti rivolti per di più ad uno dei suoi ragazzi. Ma i suoi fan...

Per una come lei abituata sempre ad avere la parola “giusta” per tutti, rimanere senza parole non è una cosa da poco. Ma questa volta Tina Cipollari, ha ragione da vendere.

Gli haters l’hanno duramente attaccata su una delle cose che lei, come donna, artista e soprattutto mamma, ama di più al mondo: uno dei suoi figli. Qualche giorno fa, la beniamina di “Uomini e Donne” ha portato i suoi due figli a fare un viaggio a Disneyland Paris.

Come succede in queste situazioni Tina ha scattato una foto con i due ragazzi e l’ha postata sui suoi social. Da quel momento si è scatenato l’infermo con molti commenti estremamente cattivi soprattutto nei confronti del più piccolo dei due.

“Tuo figlio è grasso come te, mettilo a dieta” gli hanno scritti in molti, rovinando non solo un bel momento ma soprattutto offendendo un ragazzino senza averne minimamente nessun diritto.

La cosa assurda poi è che Tina così come il suo ex marito Kikò Nalli, sono sempre stati molto riservati sulla loro vita privata e non hanno mai mostrato i loro figli proprio per metterli al riparo da qualsiasi tipo di attacco.

E a quanto pare avevano fatto bene, visto che una delle poche volte che ha voluto condividere con i suoi fan un’immagine famigliare, ha subito questi attacchi. Per fortuna i fan di Tina sono tanti e anche molto agguerriti e hanno saputo ben difendere l’opinionista da questi leoni da tastiera. Ma lei come ha reagito? probabilmente nel migliore dei modi: non lasciando nessun commento.

Commenti

cgf

Sab, 23/02/2019 - 23:59

sarò all'antica, ma mi piace di più fotografare con gl'occhi ed archiviare nel cuore, non vedrete mai una foto mia su un social, non li frequento da 20anni, già dato in 501 ed ICQ, allora ci si divertiva davvero.

caren

Dom, 24/02/2019 - 12:59

La solita smania di mettere tutto in piazza è diventata ormai un'autentica dipendenza, e non solo in questo caso. Poi arrivano insulti, offese, sfottò pesanti, che non fanno piacere a nessuno. Quindi meglio pensarci bene prima di pubblicare.