HBO cancella Vinyl

Smentendo in toto le sue preliminari intenzioni, HBO ha deciso di far calare definitivamente il sipario sulla serie tv Vinyl, la cui regia era affidata a Martin Scorsese. A pesare sulla scelta dell'emittente statunitense possono essere stati l'elevato costo e la fredda accoglienza del pubblico

Nonostante gli importanti nomi che hanno collaborato e unito gli sforzi per la sua realizzazione, la serie tv Vinyl è stata cancellata dopo una sola stagione. Ad annunciarlo, attraverso un comunicato, è stata proprio l'emittente televisiva HBO, produttrice e distributrice dei primi - e unici -dieci episodi della serie diretta da Martin Scorsese. E al quale ha collaborato, in fase di scrittura, il frontman e leader dei Rolling Stones, Mick Jagger.

La seconda stagione, in un primo momento, era tuttavia già stata confermata praticamente in contemporanea con la messa in onda dell'episodio pilota, avvenuta negli States il 14 febbraio di quest'anno. Eppure, dopo solo dieci episodi, la Home Box Office è tornata sui suoi passi decretando la chiusura del sipario su Richie e Devon Finestra – rispettivamente interpretati da Bobby Cannavale e Olivia Wilde - e sui loro compagni di ventura.

Dopo un attento esame, abbiamo deciso di non procedere con ulteriori episodi di Vinyl. Ovviamente, non è stata una scelta facile: abbiamo un enorme rispetto per il team creativo, il quale si è dedicato con passione e dedizione a questo progetto”, è possibile leggere nelle poche righe diffuse da HBO.

Insomma, la cancellazione sembra davvero essere senza alcuna possibilità di appello. E a pesare sulla parola definitiva dell'emittente televisiva, molto probabilmente, è stata l'accoglienza fredda della critica nei confronti di Vinyl. Stroncatura, questa, che ha evidentemente mantenuto ben sotto le aspettative l'indice degli ascolti, non avendo quindi un sufficiente ritorno sul budget speso per la produzione, il cui ammontare per la prima stagione è stato di 100 milioni di dollari.