"Ho rinunciato a fare 50 sfumature. Per ora basta con le scene di nudo"

Emilia Clarke, nota per il suo ruolo nel Trono di spade, poteva essere la protagonista del film. Disse no, e non se ne pente

Emilia Clarke nei panni di Daenerys Targaryen nel Trono di spade

Poteva avere il ruolo della protagonista di 50 sfumature di grigio, il discusso film di Sam Taylor-Johnson tratto dalla trilogia di E L James. Emilia Clarke ha però preferito declinare l'offerta, per non doversi di nuovo spogliare sullo schermo.

L'attrice britannica, nota al grande pubblico per il ruolo di Daenerys Targaryen nella fortuna serie Il trono di spade, probabilmente ne aveva abbastanza di doversi spogliare davanti a una telecamera. Comprensibile, se si tiene conto che negli episodi di cui è protagonista scene di nudo - come di guerra - non ne sono mai mancate.

La Clarke ha raccontato a Marie Claire di aver deciso di rinunciare alla parte che le era stata proposta nonostante "volesse davvero lavorare con Sam Taylor-Johnson", regista che definisce "incredibilmente brillante". "Ma nel film c'è una quantità enorme di nudo".

Troppo, per lei. Per ora almeno. "Non dirò mai 'Non farò mai scene di nudo', anche perché ne ho già fatte, ma rischiavo di chiudermi da sola in un ruolo dal quale sarebbe stato poi difficile uscire". Al suo posto la produzione del film prese Dakota Johnson. E la Clarke ribadisce di non avere rimpianti.

Commenti

SanSilvioDaArcore

Gio, 28/05/2015 - 13:09

Una volta che l'hai fatta vedere al oianeta intero puoi farlo ancora... inutile chiudere la stalla dopo che i cavalli sono scappati...