I fanta-fumetti di Bonelli sbarcano in televisione

«Le cose per bene sappiamo farle anche in Italia, quando ci mettiamo i muscoli». E la testa e il cuore. Emiliano Mammucari, creatore insieme a Roberto Recchioni di Orfani , il fumetto fantascientifico cult della Sergio Bonelli Editore, è orgoglioso. Da domani su Rai 4, ogni sabato alle 14 e in replica il venerdì in seconda serata, andrà in onda il suo Orfani che è diventato un «motion comics» prodotto dalla casa editrice milanese e Rai Com. Il primo in assoluto a essere trasmesso in tv. Dieci episodi, di 20 minuti ciascuno, che raccontano di una Terra sotto attacco da parte degli alieni, di un mondo in cui tutte le convenzioni sono andate distrutte insieme all'Europa e in cui gli orfani di guerra vengono addestrati per diventare i soldati del futuro. . Non si tratterà di un semplice cartone animato: la tecnica del «motion comics», usata tantissimo da colossi come la Marvel e la DC Comic, consiste infatti nella combinazione di immagini fisse e piccole animazioni. Un «motion comics» all'italiana, perché per scelta del regista Armando Traverso le bocche dei personaggi non si muoveranno. «Volevamo rispettare la linea del disegno e il lavoro dei creatori - spiega -; abbiamo cercato attori con timbri da adolescenti e da adulti, così da dare massima continuità alla storia. I due piani temporali del fumetto sono stati fusi: quello che era passato diventa il presente nella serie tv, con salti nel futuro». Un'operazione lucida e rivoluzionaria, sperando che Orfani sia la testa d'ariete che apra nuovi mercati e nuove possibilità.