Kertesz: talento e istinto

Scampare alla decimazione della propria famiglia ad Auschwitz; diplomarsi e ascendere i vertici professionali essendo di casa a Londra, Vienna e Tel Aviv e poi annegare a 43 anni sulla spiaggia di Herzliya (Israele), è il tragico destino di Istvan Kertesz, eclettico talento della grande scuola magiara. Negli anni londinesi incise mirabilmente Kodály, Respighi, Bartók, le serenate di Brahms, i concerti per corno di R. Strauss e la sublime Musica funebre massonica Mozart.