Leggerezza di Brahms

Le fotografie più diffuse di Johannes Brahms mostrano un austero uomo barbuto: ventre da gran bevitore, solenne campione dell'arte germanica. Pochi ricordano il compositore più giovane, folgorante e leonino, quasi uscito dalla penna di E.T.A. Hoffmann. La sua musica sinfonica è spesso andata verso un'ipertrofia di tempi e dinamiche, alla quale rimedia una corrente di pensiero, che mira ad «alleggerire» il tutto. A questa appartiene Rileggendo Brahms, dove le quattro sinfonie (in due DVD) sono eseguite con organici ridotti, tornando alle dimensioni cameristiche care all'Autore. Ne beneficiano gli impasti timbrici, la scrittura contrappuntistica e il fraseggio. Il non piccolo merito spetta a Markus Poschner e ai musicisti dell'OSI.