Leggio d'Oro: l'Oscar della Voce premia John Belushi e il mago Casanova

Alghero consegna il premio ai migliori doppiatori dell'anno. Sul palco le voci dei divi: da Francesco Pezzulli (Leonardo Di Caprio)a Roberta Pellini (Charlize Theron). Tra gli ospiti Pippo Franco e il mimo Simone Barbato; tra i premiati Maurizio Nichetti e Roberta Giarrusso
oooo

Ci saranno Leonardo Di Caprio, Charlize Theron, Whoopi Goldberg, Robert Pattinson, America Ferrera, Bob Hoskins. E incredibile a dirsi John Belushi. Alghero chiude gli occhi e ascolta le voci, stasera sarà Hollywood e sarà festa. É qui che il Leggio d'Oro, l'Oscar delle Voci ideato da Vittorio Vatteroni, presieduto da Lorenzo Beccati, voce del Gabibbo, e organizzato dall'Endas premierà i migliori doppiatori dell'anno in una serata presentata nel suo Gala da Moreno Morello e Laura Freddi. I premi verranno consegnati a Roberta Pellini, Charlize Theron in «Monster» e Cate Blanchett in «Elizabeth» (Miglior Interpretazione Femminile) per il film «Broken City»: Francesco Pezzulli, Leonardo Di Caprio in «Titanic» (Miglior interpretazione Maschile) per «Django» e «Il Grande Gatsby»; Sonia Scotti, Whoopi Goldberg in «Sister Act» (Miglior voce femminile dell'anno); Stefano Crescentini (Miglior voce maschile): Massimo Giuliani, voce di John Belushi, (Miglior Direzione Doppiaggio) per «Hitchcock»; Maria Letizia Scifoni (Miglior voce telefilm); a Roberta Giarrusso andrà il premio Voce della Fiction e Carlo Reali che ha prestato la voce a Steve Martin, Eli Wallach, Bob Hoskins, Danny De Vito, Michael Keaton va il Premio alla Carriera. A Maurizio Nichetti, che dal 2005 è il direttore artistico del Trento Film Festival e ha alle spalle una carriera con un David di Donatello e tre Nastri d'Argento, il premio speciale Alberto Sordi. Menzione speciale Cartoon al mago Antonio Casanova per il doppiaggio de «Il Grande e Potente Oz». Ospiti d'onore della serata Pippo Franco, affiancato da Manlio Dovì e il comico e mimo di Zelig Simone Barbato.
Il Leggio d'Oro è nato nel 1995, l'anno in cui il cinema ha compiuto cento anni, per celebrare i doppiatori, o per meglio dire i «doppiattori». Il primo ad essere insignito di questa onorificenza é stato Alberto Sordi. Negli anni il Leggio d'Oro ha premiato tra gli altri Oreste Lionello, Johnny Dorelli, Francesco Pannofino, Luca Ward, Enzo Garinei, Adriano Giannini, Ambra Angiolini, Pino Insegno, Claudio Bisio e Fabrizio Frizzi.