Lino Banfi e la figlia Rosanna polemizzano: "Devi avere un cancro per lavorare"

Lino e Rosanna Banfi, ospiti di Domenica In, hanno raccontato a Mara Venier il duro periodo vissuto dall'attrice che scoprì a 45 anni di avere un tumore al seno

In occasione della festa del papà, Mara Venier ha invitato a Domenica In Lino Banfi e la figlia Rosanna, che sono tornati a parlare del cancro che colpì l’attrice anni fa.

Oggi completamente guarita, Rosanna Banfi ha lottato contro un tumore al seno che l’ha costretta ad affrontare una serie di sedute di chemioterapia. Un calvario che la figlia dell’attore pugliese ha affrontato anche grazie all’aiuto e alla vicinanza della famiglia. Proprio di quel particolare periodo i due hanno parlato con Mara Venier, raccontando come la malattia sia coincisa con una serie di contatti da parte del mondo dello spettacolo. È stato proprio quando Rosanna Banfi ha svelato di essere malata di cancro, infatti, che il suo telefono ha iniziato a squillare: dall’altra parte del cavo c’erano testate giornalistiche e non che la cercavano per interviste.

Fare questo lavoro è molto difficile. Non è facile trovare un giornale che ti dia spazio e ti faccia un servizio – ha detto in tono polemico - . Si combatte, ma quando mio padre ha detto questa cosa, il mio telefono ha cominciato a squillare”. L’annuncio della malattia di Rosanna venne dato dal padre Lino Banfi a La Vita in diretta e, da quel momento, l’attrice ricevette numerosissime telefonate. “Ma ti deve venire un cancro per andare in tv ed essere chiamata a lavorare? – ha tuonato la Banfi - .Da un lato ricevere tutta questa attenzione è stato importante per il tema e per l'aiuto psicologico, dall'altro in quanto attrice avevo sempre combattuto per avere una foto sul giornale”.

Commenti

maurizio-macold

Lun, 18/03/2019 - 12:56

Si puo' cercare anche un lavoro diverso da quello di attrice, e magari lo si trova. Certo e' piu' facile trovare lavoro nel mondo del cinema/tv quando il papa' si chiama Lino Banfi.

Ritratto di cangrande17

cangrande17

Lun, 18/03/2019 - 13:00

Che discorso del menga. Dovrebbe ringraziare chi l'ha contattata per aiutarla. Evidentemente come artista valeva pochino se nessuno la contattava da "sana".