"Lissner? Il peggiore mai passato di qui"

Il critico Paolo Isotta interviene sul momento difficile della Scala. "Il francese è incapace". E gli altri?

Paolo Isotta, critico principe del Corriere della sera: ieri il sovrintendente Stèphane Lissner, facendo il bilancio della sua esperienza alla Scala, ha detto che non si è pentito di averti negato l'accredito, e lo rifarebbe.
«Me l'hanno detto».

Ha detto anche: «il razzismo non ha posto nel mio teatro», alludendo alle tue critiche a Daniel Barenboim.
«Cito gli anacoreti della Tebaide: Vana vanidici fictio. Una vana invenzione di un bugiardo. Lissner, ancorché da noi locupletatissimo è un disperato senza arte né parte, pure se ora andrà dirigere l'Opéra di Parigi. Si attacca a qualunque escogitazione pur di evitare di scendere sul fatto. E sul fatto che sia stato espulso dalla Scala, c'è da dire che in realtà la cosa si è girata nel modo più favorevole per me, perché io da sempre avrei preferito entrare a teatro col biglietto pagato e non offerto. Soltanto che però la cosa deve essere la scelta unilaterale del mio giornale, non la decisione di un soggetto che gestisce un teatro pubblico come fosse una casa privata. E poi io non me la prendo neppure con Lissner, ma con chi glielo ha permesso. Il presidente della Fondazione della Scala, il sindaco Pisapia, non si nemmeno scomodato. E mi ha sorpreso anche l'assenza di reazione di Franceschini».

Però Barenboim l'hai attaccato.
«Non perché è ebreo. Ma perché è un cattivo direttore e un cattivo pianista. Se al posto suo ci fosse stato Vladimir Davidovich Ashkenazy, avrei detto che è un grande direttore e un grande pianista, anche se è più ebreo di Barenboim».

Cosa pensi di Lissner?
«Il peggiore sovrintendente di tutta la storia della Scala».

Perché?
«Non si è mai vista una concentrazione d cattivi direttori d'orchestra come nella sua gestione. Né delle regie così efferate e cervellotiche».

E di Pereira, cosa pensi?
«Non entro nello scandalo che lo ha visto protagonista. Però le sue scelte artistiche mi sembrano fallaci quanto quelle di Lissner. Solo un esempio: uno degli spettacoli comprati è gli efferati Maestri Cantori diretti da Daniele Gatti, che a Salisburgo non vogliono più. Dopo La traviata inaugurale di quest'anno, sarebbe bene che Gatti per alquanti decenni non tornasse più alla Scala».

Oggi La Scala ha deciso di tenere Pereira per un anno.
«Sono dei menomati».

C'è molta confusione.
«In questo momento La Scala è un danno spaventoso all'immagine della nostra patria. E dico Patria, non Paese».

Chi ci vedresti bene alla Scala
«Un italiano».

Commenti

astarte

Lun, 03/04/2017 - 01:03

Uno sproloquio a ruota libera. Barenboim cattivo direttore e cattivo pianista? Si vede che il mondo aspetta ancora in Isotta il suo profeta, in assenza nessuno capisce nulla. L'ebraismo, comunque, in bene o in male, non c'entra un fico secco, e quindi non si vede perché tirarlo in ballo, a meno di cercare l'alterco gratuitamente... Sui Meistersinger, forse meglio aspettare di vederli; e su Gatti, per fortuna alla Scala ci è passato ancora, con buona pace di Isotta. Ognuno ha il megafono che si merita.