È lite Annunziata-GilettiLei: "Non ospitare i politici"Lui: "Faccio come voglio"

Scontro tra divi della domenica pomeriggio. La giornalista si rivolge ai vertici aziendali contro <em>L’Arena</em>: fa concorrenza sleale al mio programma <em>In mezz’ora</em>

In Rai va in scena l’ultima guerra: tra Massimo Giletti e Lucia Annunziata. Che nella vita hanno una sola cosa in comune, andare in onda alla stessa ora: nel primo pomeriggio domenicale, il primo su Raiuno, la seconda su Raitre. Un diverbio che potrebbe sfociare anche in una decisione clamorosa da parte del conduttore, decisamente infuriato: lasciare il programma. Certo, solo come extrema (e molto improbabile) ratio. Che comunque per Raiuno sarebbe un fattore sconvolgente nonché devastante: L’arena di Domenica In è una delle trasmissioni più seguite e remunerative della Tv di Stato. Il caso - che cova da tempo - è scoppiato domenica scorsa. La giornalista è andata all’attacco con un intervento sul Corriere della sera e sulle agenzie di stampa. Secondo lei Giletti viola la regola aziendale di non concorrenza interna in quanto invita gli esponenti politici nella sua trasmissione (nata come «talk show d’intrattenimento»), cosa che invece competerebbe al suo programma d’informazione In 1/2 h. Sostiene: «Visto che a me è stato impedito di andare in onda alle 20,10 su Raitre per non danneggiare il Tg1, allora per la stessa regola anch’io dovrei essere protetta dalla concorrenza dell’Arena». Ma cosa è successo domenica scorsa? Giletti cavalcando lo scandalo della Lega, ha schierato i politici Bocchino, Alemanno, Salvini e realizzato uno share altissimo: 28 per cento con più di cinque milioni di spettatori. L’Annunziata che ospitava un grosso nome, il ministro dello Sviluppo Passera, ha totalizzato invece un onorevole 7 per cento. Inviperita, si è rivolta ai vertici aziendali. «Per la stessa logica - continua - le seconde serate di sperimentazione informativa, che erano uno dei grandi incubatori di Rai3 sono sparite dalla circolazione per non dare fastidio alle seconde serate informative di Raiuno (qui l’Annunziata si riferisce alla sua stessa trasmissione intitolata Potere, che comunque andò in onda per le puntate prefissate ma fece pochi ascolti, ndr)».
Ma Giletti non ha intenzione di darla vinta alla collega. «Combatterò per continuare ad avere ospiti politici - spiega - Li abbiamo avuti in passato e non capisco perché non dovremmo continuare ad averli. La nostra è una trasmissione d’attualità che tratta temi diversi e quando la politica chiama, come nel caso della Lega, non ci tiriamo indietro. Tra l’altro, la nostra trasmissione è cominciata molto prima della sua. E non capisco come si possa pensare di mettere dei freni a un prodotto che fa un grande successo e porta incassi pubblicitari».
La prossima domenica, per via del Gran premio di Formula 1, L’arena avrà uno spazio ridotto, quindi Giletti ha accettato di dedicarsi solo ai temi «leggeri», con uno speciale su Ugo Tognazzi, ma dalla domenica successiva promette battaglia. «Noi andiamo sulle barricate - ha detto a Un giorno da pecora su Radiodue -. Io trovo che in questo momento i politici abbiano bisogno di raccontare la verità in televisione, e non si può pensare che qualcuno possa ritenere di essere l’unico Dio che tiene i politici nel proprio programma. Io non mi arrogherei mai il diritto di chiedere ad un direttore generale che si metta il bavaglio a un altro conduttore».
Annunci
Altri articoli
Commenti

Izdubar

Ven, 20/04/2012 - 11:15

Lucy, perché te la prendi tanto? Dovresti essere contenta che la RAI aumenti gli ascolti. O vuoi essere sempre tu la prima donna?

Sapere Aude

Ven, 20/04/2012 - 12:27

Per essere una 'prima donna' non ha né l'aplomb (oversize) né l'allure (casereccia). Anche volendosi dimenticare degli effetti visivi, si fatica a seguirla per l'accento (marcato) e una dialettica aggressiva se l'interlocutore non è amico degli amici suoi. I sorrisi sono forzati. Vorrebbe piacere, ma non ci riesce. E questo lo sa, per cui se gli tieni testa si innervosisce quel tanto da farla sbottare come una lavandaia. Insomma, le origini sono quelle.

Loreno Bardelli

Ven, 20/04/2012 - 13:26

L'Annunziata dovrebbe accontentarsi di poter condurre ancora un programma come IN MEZZ'ORA che , a mio modesto parere , dovrebbe essere disertato dai politici non trinariciuti e potrebbe anche chiudere , considerata l'impostazione faziosa sempre voluta dalla conduttrice . Putroppo la spartizione della RAI fra i partiti dela prima repubblica non poteva che imporci reti come telekabul e direttrici come la Berlinguer e l'Annunziata .

vitali.vanna

Ven, 20/04/2012 - 13:55

Ztai calma,non prendertela e ringraZia chi ti dà ancora l'opportunità di ezzere interviztato da te.

agostino.vaccara

Ven, 20/04/2012 - 14:01

Ma perchè Giletti non dovrebbe invitare chi vuole? Se l'annunziata è così brava come crede di essere e come alcuni credono che sia, che problemi ci dovrebbero essere??? Il più bravo, fa più ascolti!!!

Ritratto di marforio

marforio

Ven, 20/04/2012 - 14:31

Due galli nel pollaio, due zero in cerca dell' uno. Di piu solo alla coop.