Lite a Domenica Live: Diaco e Cito se ne vanno

L'ex deputato Giancarlo Cito ha scelto la trasmissione sbagliata per difendere il suo diritto al vitalizio e attaccare i diritti degli omosessuali

Studio infuocato oggi quello di Domenica Live, dove a scaldare gli animi e infiammare gli ospiti è stato il tanto criticato vitalizio.

A scatenare la furia dei presenti nel salotto di Barbara D'Urso è stato l’ex deputato Giancarlo Cito che di fronte ai giornalisti Mario Giordano e Pierluigi Diaco, parlando dell'eventualità di ridurre o rinunciare a questo provilegio ha risposto: “La legge me lo consente”.

A questo punto Pierluigi Diaco ricorda la lunga storia processuale di Cito e l’ex deputato controbatte alludendo ad alcune dichiarazioni rilasciate dal giornalista durante una puntata di Forum. Diaco chiede di sapere cosa avrebbe detto in quella trasmissione, ma Cito non risponde. A questo punto la polemica è innescata. Diaco esce dallo studio, Cito alza la voce: “Sono io che vengo insultato”. E ancora: “Lei sta dando la possibilità agli altri di offendermi - dice rivolto alla D’Urso - a me non me ne frega niente se Diaco sta qui o no”.

Mario Giordano, interviene a difesa del collega, strillando all’ex-deputato: “Lei è un quaquaraqua. Io sono per l’abolizione totale del vitalizio. Io quello che penso, lo dico. Lei quello che pensa non ha il coraggio di dirlo”. L’ex-deputato rilancia: “Devo chiedere a Barbara D’Urso di invitarmi nella sede, e poi voglio vedere se lei ha il coraggio di ripetere queste affermazioni. Io non ho niente da nascondere”.

Diaco a questo punto rientra e la padrona di casa insiste per sapere quali siano le frasi alle quali ha fatto riferimento Cito, perché "È l’Italia che se lo chiede!”. Cito la attacca: “Se non mi fa parlare, chiuda la trasmissione! Lei non mi fa parlare”.

A spiegare l’accaduto, così, è Diaco. “Speravo trovasse il coraggio di dirlo, ma Cito si sta riferendo ad una puntata di Forum in cui ho parlato dei diritti delle coppie gay facendo riferimento anche al mio orientamento sessuale. Lei in questo collegamento ha dimostrato di essere omofobico e di essere una persona non mi faccia dire cosa”. Cito fa chiudere il collegamento.

La conclusione è della D'Urso: “Caro Cito lei purtroppo ha sbagliato trasmissione. Io sono la prima paladina dei diritti civili delle coppie omosessuali”.