Lorella Cuccarini e la lite con Raffaella Carrà

"Non ci siamo più sentite. Raffaella Carrà è tuttora il mio mito ma non mi sono pentita della lettera che ho scritto"

Non smetterà mai di essere la più amata dagli italiani e a 50 anni appena compiuti Lorella Cuccarini ha dimostrato ancora una volta di non essere solo una semplice soubrette. Ospite di Silvia Toffanin a Verissimo, l'attrice ha parlato della sua carriera e della maternità senza evitare un argomento difficile come i figli in provetta che non mancherà di scatenare una polemica fra gli spettatori.

“A cinquant’anni rivendico la possibilità di esprimere il mio punto di vista. Sono sempre stata favorevole alle unioni civili, ma per quanta riguarda i figli sono contraria alla maternità surrogata sia per le coppie etero che per le coppie omosessuali. I figli non sono un diritto ma un dono. Devono poter conoscere i propri genitori e con l’utero in affitto questo non è possibile. Inoltre, con l’affitto dell’utero si apre un mercato inaccettabile di donne che, per necessità economica, accettano di affittare il proprio utero” ha detto Lorella Cuccarini su Canale 5 dichiarandosi quindi contraria alla maternità surrogata e ai figli in provetta.

Un'affermazione forte che da subito ha scatenato un polverone sui social fra favorevoli e contrari alle parole della showgirl su un argomento che difficilmente troverà un'opinione univoca. Fra le altre cose, la Cuccarini ha parlato anche del rapporto finito con la collega Raffaella Carrà dopo qualche dichiarazione critica verso il suo operato: “Non ci siamo più sentite. Raffaella Carrà è tuttora il mio mito ma non mi sono pentita della lettera che ho scritto. Mi sono sentita ferita e ho voluto condividere il mio stato d’animo con il pubblico, non pensando di creare tutto quel caos” ha detto la showgirl riguardo la sua esclusione dai giudici di Forte forte forte.