È l'uomo giusto per uno show «pop» in televisione. Come SanremoTrattativa a distanza tra lui e Fazio

Senza troppi giri di parole, Jovanotti è ideale per uno show pop in televisione. Lui è pop. Le sue canzoni, piacciano o no, sono la colonna sonora del nostro pop. Gli stessi titoli sono entrati nella vulgata (È qui la festa, Penso positivo, L'ombelico del mondo) persino per indicare i programmi tv: l'ultimo show di Fiorello ha mutuato, cambiandolo di poco, Il più grande spettacolo dopo il big bang. Perciò il «minuetto» tra Jovanotti che si dice possibilista a uno sbarco in tv da conduttore («Sanremo? Potrebbe anche essere divertente ma ne parliamo a settembre») e Fazio che a stretto giro risponde di sì a Tv Talk («Sento affinità con lui, mi piacerebbe fare qualcosa insieme in tv») potrà sorprendere qualcuno ma era in fondo nell'aria. Già Fabrizio Del Noce, direttore di Raiuno, anni fa aveva fatto intendere che gli sarebbe piaciuto Lorenzo all'Ariston. E da allora l'ipotesi era ciclicamente saltata fuori. Stavolta è abbastanza improbabile che si concretizzi in pianta stabile: insomma è difficile che Jovanotti co-conduca il Festival prossimo venturo, anche se nessuno si stupirebbe di una sua ospitata. Ma che Lorenzo Cherubini sbarchi in tv a nome proprio, con un programma su misura, è nell'ordine delle cose. Giusto questione di tempo.