La Mannoia favoritissima. Bonolis o Fiorello per il 2018?

La 67° edizione del Festival di Sanremo non è ancora finita, ma già si scommette sul presentatore del prossimo anno

Questa edizione è quella del "vale tutto". Ogni ipotesi. Sia per la vittoria finale, sia per la conduzione futura. «Chiunque verrà lo farà benissimo. Comunque andrà, il Festival sarà in buone mani: ci sono tanti nomi. Soprattutto se fosse Bonolis o Fazio, non hanno da dimostrare niente, perché lo hanno già fatto e benissimo».

Come da rituale, a metà Festival inizia la sarabanda delle ipotesi e ieri in sala stampa Carlo Conti ha dovuto rispondere alle domande sul futuro di Sanremo: «Non è una cosa che mi riguarda, il prossimo direttore lo sceglierà il direttore di rete». Carlo Conti non si pronuncia su chi sarà a succedergli il prossimo anno nella conduzione del Festival di Sanremo, anzi, abbozza un elenco di conduttori più o meno vicini alla sua età che in linea teorica potrebbero essere al timone del futuro Festival. Da Fabrizio Frizzi a Tiberio Timperi, da Gerry Scotti ad Amadeus. E Fiorello? «Beh, sappiamo di chi parliamo...». E se il candidato più naturale resta Paolo Bonolis, rimane il dubbio (già smentito, ma rilanciato ieri anche da alcuni siti compreso Dagospia) sul possibile trasloco in Mediaset di Carlo Conti. Mediaset non ha smentito nulla e Dagospia rilancia le indiscrezioni su di una trattativa su Conti che a fine dicembre avrebbe reso euforico Silvio Berlusconi. Ma non ci sono altre novità.

Insomma vale tutto. Sui siti di scommesse online come SisalMatchpoint le quote cambiano in continuazione, a conferma di un verdetto mai così indeciso. Su Shazam, la app che aiuta a riconoscere i brani musicali ed è un termometro preciso dei gusti in evoluzione, i risultati delle ricerche nei primi due giorni del Festival danno un'idea chiara, ma non ovviamente definitiva. La canzone sanremese più «shazammata» è Che sia benedetta di Fiorella Mannoia, seguita da Fabrizio Moro con Portami via, poi Vedrai di Samuel, Tutta colpa mia di Elodie e Vietato morire di Ermal Meta. E attenzione: Shazam ha 23 milioni di utenti annuali soltanto in Italia. A buon intenditor...

Commenti

Fjr

Ven, 10/02/2017 - 12:11

Vabbe' abbiamo capito,vince la Mannoia e saltiamo direttamente a Lunedì,così evitiamo il dopofestival della domenica, forse per quelli che non l'hanno ancora capito ,non sempre chi vince il festival,spopola poi nelle classifiche di vendita,alla fine sono quelle che contano veramente