Mediaset fa il botto di ascolti: oltre il 36% di share per La grande bellezza

Ieri sera il film di Sorrentino, fresco vincitore dell'Oscar, è andato in onda in prima serata in esclusiva su Canale 5: quasi nove milioni di spettatori sintonizzati

Dopo il cinema, numeri da record anche sul piccolo schermo per La Grande Bellezza: fresco vincitore dell'Oscar, il film di Sorrentino è andato in onda ieri sera in esclusiva su Canale 5 in prima serata. 8,86 milioni di spettatori, per uno share del 36%. Nella prima parte si è avuta una media dle 35,45%, con 10.279.000 spettatori, mentre nella seconda il dato è salito al 37,52%, con 6.937.000 spettatori.

Canale 5 ieri sera ha così trionfato su "Un giudice meschino", fiction in onda su Rai1, che ha ottenuto il 19,86% di share, mentre "Ballarò", su Rai3, è stato seguito da 2 milioni di spettatori, per il 7,74% di share. Un successo, quello di Mediaset, che bissa la vittoria ottenuta dalla Medusa Film, e che conferma come il verdetto di Hollywood sia condiviso anche dal pubblico di casa nostra.

Commenti

Salvatore1950

Mer, 05/03/2014 - 11:27

la curiosita" era tanta e ho cominciato a guardarlo...ma poi confesso mi sono addormentato

meverix

Mer, 05/03/2014 - 11:27

Film bruttissimo (mia opinione ovviamente), recitato male, audio a volte scadente, senza nè capo nè coda. Ma come hanno fatto a premiarlo con l'oscar?

Ritratto di cangrande17

cangrande17

Mer, 05/03/2014 - 11:29

Grandi Silvio e Piersilvio! Non avrei mai scucito un centesimo per andare a vedre al cinema l'odiosa coppia Sorrentino-Servillo, mentre ieri ho visto il film comodamente seduto sul mio divano. Non certo un capolavoro, ma comunque un film al di sopra delle mie aspettative che mai, comunque, ripeto, avrei visto a pagamento. Grande vittoria strategica a livello televisivo contro lo scorretto concorrente (quella RAI infame che intasca sia i soldi del contribuente sia quelli della pubblicità, una vergogna).

Ritratto di libere

libere

Mer, 05/03/2014 - 11:31

Anche se non ci vedo i segni del capolavoro, pur essendo un film film indiscutibilmente bello e godibile, tutto ciò che finisce per andare in c**o a Ballarò è ben fatto.

APG

Mer, 05/03/2014 - 11:32

Ho visto il film su Canale 5 in PRIMA ASSOLUTA !!! Più che "La grande bellezza" lo intitolerei "La grande cagata". Se questo è il massimo della cinematografia italiana, preferisco vedere in eterno la versione integrale de "La corazzata Potemkin".

Ritratto di bobirons

bobirons

Mer, 05/03/2014 - 11:37

Potenza della pubblicità. Io l'avevo già visto, e mi son guardato bene da riperdere tempo. Mia moglie, che voleva tanto vederlo, a metà ha cambiato canale con la motivazione di noioso. Non c'entra essere di destra o sinistrato, il film è e rimane una ciofeca.

Ritratto di Memphis35

Memphis35

Mer, 05/03/2014 - 11:38

Nessun dato disponibile circa il numero di telespettatori giunti, svegli, alla fine della trasmissione?

bruna.amorosi

Mer, 05/03/2014 - 11:38

a me è piaciuto perchè l'ho visto con gli occhi della realtà di oggi .

Ritratto di SCACIOSO

SCACIOSO

Mer, 05/03/2014 - 11:46

Ahahaha, kompagni scrocconi .

tzilighelta

Mer, 05/03/2014 - 11:49

Così imparate bananas! Volevate il merito adesso prendetevelo, la grande boiata che siete stai costretti a vedere ieri sera è la punizione che vi siete meritati! Ma che cavolo ne capite voi di cinema, al pensiero che ieri avete voluto guardare la grande opera prodotta da Silvio c'è da scompisciarsi dalle risate!

Ritratto di roberta martini

roberta martini

Mer, 05/03/2014 - 11:51

Mi dispiace, ma mi sembra di ritornare a certi film pesanti ed incomprensibili di qualche anno fa, intellettualoidi e pallosi. Lo sapete perchè ha preso tanti premi? Perché la gente non ci capisce quasi nulla. E' come la pittura di Picasso, che pur essendo un grande pittore, si divertiva a prendere in giro la gente e nessuno osava dire che i suoi quadri erano sgorbi, per paura di passare per sempliciotta e cafoncella. No, il film non mi dice niente, due vedute di Roma, dialoghi fumosi e presa in giro della sinistra. Tutto qui. Ho preferito "Don Camillo". In una delle ultime scene, quella della campana suonata per il militante di sinistra morto nei tumulti, c'é un mare di umanità e di dolcezza, che, purtroppo abbiamo perso.

umbe65it

Mer, 05/03/2014 - 11:55

Ho voluto guardarlo fino alla fine solo per potere esprimere un giudizio con cognizione di causa. Dopo questa fatica, perchè di fatica si è trattato, mi domando cosa dovessero farsi perdonare gli americani per dare un oscar ad un film del genere, e mi rifiuto di credere che non ci fosse pellicola straniera più meritevole di questa.

Ritratto di gzorzi

gzorzi

Mer, 05/03/2014 - 11:57

Mi sono addormentato ancor prima che cominciasse, mi son perso qualche cosa? A veder i commenti di chi l'ha visto non sembra.

Pazz84

Mer, 05/03/2014 - 11:58

Non l'ho visto e mai lo vedrei sulle reti rai e mediaset. Quello trasmesso ieri sera non era un film da oscar, era un susseguirsi di pubblicità con un pò di film negli intervalli. Aspetto che lo diano su Sky, almeno li posso seguire un film dall'inizio alla fine

BlackMen

Mer, 05/03/2014 - 12:00

cangrande17: verissimo....così come è vero che ieri per vederlo gratis ci siamo dovuti sorbire ben 6 interruzioni pubblicitarie...in RAI per i film normalmente fanno una sola interruzione tra primo e secondo tempo...giusto per completezza di informazione

gneo58

Mer, 05/03/2014 - 12:00

saro' di mente e vedute limitate ma dopo un'ora di visione ho girato non ne potevo piu' - sarei curioso di sapere cosa ci hanno visto quelli che gli hanno dato l'oscar - per me sono al pari dei critici d'arte moderna che esprimono giudizi su un pezzo di tela letteralmente imbrattato con qualche colore o peggio ancora tagliuzzato -

Ritratto di Vendetta

Vendetta

Mer, 05/03/2014 - 12:13

Ci credo che ha fatto il botto ci avete massacrato i cosidetti da quando questo film e uscito. Io ho visto solo degli spezzoni ma per me e per altri che hanno visto tutto il film e solo una grande c....a !!!!

mar75

Mer, 05/03/2014 - 12:14

Avete guardato un film diretto da un regista "comunista", attori "comunisti", che ha ricevuto un finanziamento pubblico di 1,1 milioni e tutto per non fare un dispetto al vostro idolo? Tutte le vostre aspre critiche sui film fatti da "comunisti, sui finanziamenti pubblici ai film dei "comunisti" sono svaniti nel nulla perché il film è coprodotto da una azienda del vostro faro divino. Che esempio di coerenza di idee.... Io non l'ho guardato perché avevo altro da fare ed inoltre non l'avrei guardato ugualmente perché non mi interessa guardare pubblicità interrotta da alcuni minuti di film.

nasturzio

Mer, 05/03/2014 - 12:24

comunque al B. bisogna dar atto di una cosa... ha ottenuto due risultati ieri sera: 1, si e' fatto passare per quello che "regala" film in anteprima "aggratis" ( tralasciamo l'oretta di spot)... e 2, ha fatto vedere a tutti che il regista "sinistroide" ha fatto un film di m... 2 piccioni con una fava..

hectorre

Mer, 05/03/2014 - 12:27

ahahah....il grande rag. fantozzi ugo avrebbe sentenziato..."per me è una cagata pazzesca".....ed io mi associo!!!.....c'è una bellissima gag.."aldo,giovanni e gacomo museo d'arte moderna"...youtube,guardatela....vale più di mille parole.

gneo58

Mer, 05/03/2014 - 12:27

pe4r BLACKMEN - e vorrei vedere, non dovrebbero fare neppure quella....col furto legalizzato del canone non dovrebbero proprio farne, MAI

soldellavvenire

Mer, 05/03/2014 - 12:27

ahahahahahahahahahah quanti materassi venduti tra le 22 e le 22,15 (quarto intermezzo pubblicitario da 10 minuti di otto)? è un dato che manca

mzee3

Mer, 05/03/2014 - 12:31

Beh, era evidente che avrebbe fatto questa performance, la curiosità ha spinto molti. La mia domanda è stata: ma come mai questo film giustamente tanto publicizzato e che ha vinto l'Oscar è stato messo nel circuito televisivo solo qualche giorno dopo la sua uscita nelle sale, cosa assolutamente inusuale? Fermo restando che sono contento dell'Oscar dato ad un film italiano, la mia risposta è molto semplice: è la brutta, orrenda copia de La dolce vita! Quello che ha fotografato il regista altro non è che la triste realtà in cui gravita una ristretta compagine di persone della nostra depravata società. Quella che probabilmente detiene il 10% della ricchezza italiana. Gente inutile, dannosa e idiota. Quella citata da Berlusconi suo grande mentore.

maurizio@rbbox.de

Mer, 05/03/2014 - 12:32

L'ho visto anch'io. Posto che si muove tutto sulla vita "lenta" di un 65enne è chiaro che non può essere un film "veloce". E poi lo stile di Sorrentino è quello. Presente il Divo? La Grande bellezza l'ho trovato godibile, a tratti divertente, a tratti un po' noioso, a tratti commovente.... È chiaro che per giudicare l'oscar bisogna vedere gli altri film in concorso... Ad ogni modo è Roma la grandissima protagonista del film. Bella bellissima, bellissimissima. Gli americani direbbero MINDBLOWING! È chiaro che ogni altro film in concorso non aveva quella Roma protagonista. Quindi... non potendo dare l'Oscar per attrice protagonista alla città di Roma (non c'è il premio per il film straniero) è chiaro che il film tutto è stato premiato. Il Protagonista Toni Servillo e Verdone e Buccirosso molto bravi.

Ritratto di bobirons

bobirons

Mer, 05/03/2014 - 12:35

@ BlackMen - Mer, 05/03/2014 - 12:00 E per ulteriore "completezza di informazione" Mediaset ricava le sue entrate, e fa dei profitti, dalla pubblicità mentre la RAI, che fa altrettanta pubblicità, fa pagare un canone ed è sempre in deficit. Sembra che lo slogan dell'Azienda di Stato sia "mangia tu che mangio anch'io". Con buona pace degli assatanati che vedono la paglia negli occhi altrui e non la trave nel proprio.

Il giusto

Mer, 05/03/2014 - 12:43

Dopo la riunione sono tornato a casa e...la mia compagna dormiva sul divano!Era sintonizzata su questo"oscar"e allora ho deciso di vedere la seconda parte!Devo dire che non mi è piaciuto perché lento e noioso.Poi il fatto che sia stato visto da 9 milioni non mi sembra un gran risultato:come una delle puntate flop di Sanremo!Con tutto il traino pubblicitario fatto,con l'oscar appena vinto mi aspettavo molto di più!Mah...

Boxster65

Mer, 05/03/2014 - 12:43

Film immondo. L'ho visto per pura curiosità. E' una pessima copiatura dello stile Felliniano. Gli amricani si confermano dei pessimi intenditori di cinema.

Ritratto di Luigi.Morettini

Luigi.Morettini

Mer, 05/03/2014 - 12:46

Circa 9 milioni di telespettatori all'inizio del film, 7 milioni dopo mezz'ora, 4 milioni dopo 40 minuti, 3 milioni dopo 50 minuti. Il resto che è rimasto sintonizzato si è addormentato lasciando il televisore acceso. Una "gagata pazzesca" degna di un Fantozzi qualsiasi!

BlackMen

Mer, 05/03/2014 - 12:48

nasturzio: quali sono gli elementi che le fanno sostenere che Sorrentino sia sinistroide...giusto per curiosità

mar75

Mer, 05/03/2014 - 12:57

@bobirons: per completezza d'informazione, la RAI non fa la stessa pubblicità che fanno sulle reti mediaset, visto che sarebbe un reato e mediaset sarebbe la prima a lamentarsi portando la RAI in tribunale. Inoltre i conti di mediaset sono in rosso, aggiornatevi, magari leggendo altri giornali più neutrali.

Rinaldo49

Mer, 05/03/2014 - 12:58

Mi piacerebbe sapere quanti telespettatori hanno capito che cosa il film volesse raccontare. Certo, non sono e non pretendo di essere un critico ma se un film vince un Oscar qualche cosa dovrebbe trasmettere e non solo annoiare chi cerca (con estrema difficoltà) di capirci qualcosa.

mar75

Mer, 05/03/2014 - 13:00

Certo che se volevano veramente fare un regalo agli italiani potevano trasmetterlo con meno spot pubblicitari, "non si interrompe così un'emozione" (cit.). I gestori di cinema sono stati contentissimi della scelta di trasmetterlo subito in tv....

Ritratto di cokieIII

cokieIII

Mer, 05/03/2014 - 13:04

@ersola: vedi? era meglio se stavi zitto...

francescoud

Mer, 05/03/2014 - 13:04

Anche io ero curioso di vedere sto "capolavoro" ma non sono riuscito ad andare oltre il primo tempo e poi ho visto la fine. Brutto noiosissimo e si capiva anche poco di quello che diceva il protagonista. Uno schifo!!! Mi spiace solo che l' abbia prodotto Medusa e che al botteghino farà magri affari mi sa.

illary

Mer, 05/03/2014 - 13:27

E' proprio vero che tutti fanno due lavori: il loro e quello di critico crinematografico. Gente che non ha mai visto altro che Fantozzi (e guardate che la Corazzta Potiomkin è davvero uno dei film più importanti della storia del cinema), Checco Zalone e Steven Segal parla di un film complesso e intelligente con concetti a base di "mi sono addormentato" ed "era lento". Così come è vero che le opinioni sono come il buco del c., ognuno ha il proprio ma non è indispensabile metterlo in pubblico. Infine: per chi si stupisce che il film sia andato "in anteprima" prima che uscisse nelle sale, faccio sapere che il film nelle sale ci è andato lo scorso anno e ha incassato una ventina di milioni in tutto il mondo. L'"anteprima" era solo televisiva, nel senso che non era mai andato sulla Rai o su Sky

Ritratto di ersola

ersola

Mer, 05/03/2014 - 13:31

Ritratto di ersola ersola Mar, 04/03/2014 - 18:01 "comunque voglio dire a tutti quelli che esultano per il grande talento di silvio berlusconi di vedersi stasera il capolavoro e poi ne riparliamo domani. ahhaahaah che creduloni sti soggetti." il mio commento di ieri .

Luigi Fassone

Mer, 05/03/2014 - 13:36

Ne ho visto circa un terzo,poi mi sono stufato.Troppo complicato per le anime semplici. Di palla in frasca,la musica ricorrente (che non è certo paragonabile a quella di "C'era una volta in America"),senza trama comprensibile,forse un film per chi ha nel cervello un numero di neuroni molto superiore alla media..Mi metto da solo nella lista di quelli che non l'hanno capito,e,ovvio,non lo possono avere apprezzato.

Mario-64

Mer, 05/03/2014 - 13:37

Non sono fra quelli. Ho provato ,dietro insistenza di mia moglie ,ma poi...dopo un quarto d'ora abbiamo capitolato e cambiato canale . Film di rara "pesantezza", senza senso , e mi fermo qui. Comunque se hanno vinto l'oscar meglio per loro.

Soldato

Mer, 05/03/2014 - 13:47

Guarda come rosicano i rossi! Se non c'era Berlusconi di mnezzo ancora piangevano per la commozione dinanzi al capolavoro! Ma che poveri di spirito, per non dire altro... mar75, saputello, aggiornati! nei primi 9 mesi del 2013 Mediaset a livello di consolidato ha un risultato operativo di 109, 6 milioni di euro. Rosicate rossi, rosicate che a noi fa bene!!

Albaba19

Mer, 05/03/2014 - 13:50

lo facciano rivedere un'altra volta, solo li si vede a chi è piaciuto, mi sa che lo share sarebbe intorno allo zero......io non ne capisco di cinema ma mi sarei annoiato meno se guardavo la corrazzata Potiompkin (spero si dica così). saluti

Paul Bearer

Mer, 05/03/2014 - 13:57

Non si capisce per quale ragione sia stato premiato. Bastavano i primi 5 minuti per capire la bojata che era. Altro che Fellini!

Ritratto di pipporm

pipporm

Mer, 05/03/2014 - 14:08

Esultazioni per lo share, ma gli incassi in italia sono stati esigui. Pochi sono andati al cinema a vederlo. Ed anche in questo caso si sale sul carro del vincitore

berserker2

Mer, 05/03/2014 - 14:09

9 milioni di spettatori (non dice però chi sveglio e chi dormiente con la tele accesa....), la maggior parte di sinistrati costretta a guardarsi la TV di Berlusconi.... comprensiva di materassi, pentole, lassativi e lozioni antiforfora. Ahahahaha! Io l'avevo già visto il film (aggratis alla prima, perchè i soldi difficilmente glieli avrei dati pur apprezzando alcuni film precedenti di Sorrentino), e pertanto ogni tanto giravo canale e guardavo le scene che più mi piacevano. La migliore è quella della umiliazione pubblica della intellettuale sinistrata, che l'ha data al segretario del Partito e ne ha ottenuto benefici! Ma anche la scena di quando Servillo ritorna giovane con la memoria sull'isola è molto bella e poetica. Per il resto al di là di una splendida fotografia, un filmetto abbastanza lento e noioso, ma questo già ve l'avevo detto.

schiacciarayban

Mer, 05/03/2014 - 14:12

E' la seconda volta che lo vedo, la prima volta ho smesso a metà, ieri sera mi sono addormentato. Ce l'ho messa tutta per apprezzarlo, ma l'ho trovato semplicemente un Fellini di serie B.

aquiladellanotte55

Mer, 05/03/2014 - 14:13

Premetto che i film italiani non mi piacciono (la commedia all'italiana la trovo una furbata per registi con poca fantasia e niente voglia di lavorare), l'ultimo che ho visto con piacere fu "cinema paradiso". Bene ieri sera ho visto "la grande Bellezza" e ho visto una fotografia eccezionale, una rappresentazione di Roma assolutamente fuori dagli schemi vista da una posizione di privilegio assolutamente unica. Ma anche la storia non è per nulla banale, anche se i protagonisti banali lo sono, eccome! Per chi critica la lentezza del film, bastava girare canale e c'era un bel film d'azione "duello all'OK Korall"

abacon

Mer, 05/03/2014 - 14:15

Se devo essere sincero, per me il film e una grande cagata tutto qua'.Mi sono addormentato, scadente noioso come quasi tutti i film italiani non capisco come hanno fatto a premiarlo con l'oscar.E una mia opinione, ma vedo che quasi tutti la pensano come me. Un film cosi non vale la pena di andare al cinema , son soldi buttati via.

Massimo Bocci

Mer, 05/03/2014 - 14:16

Bel film,diretto mirabilmente,con personaggi che rappresentano uno spaccato veritiero,di un REGIME DI MARCI CORROTTI!!! Veri INUTILI PASASSITI!!! In una società a regime di amicale di: corrotti, parassiti,intellettualoidi,SNOB!!!  MARCI FINO AL MIDOLLO !!!!! Che si grogilano e beano, protetti da un regime,ANTIDEMOCRATICO, VESSATORIO,ASOCIALE  (Bolscevico- Papalino, due delle piaghe bibliche che abbiano mai ammorbato e infestato l'umanità Italiana e mondiale) Gentaglia (inutili), che fa da 65 anni della truffa,la mistificazione ,aggiottaggio e del raggiro del popolo l'unica mission ISTITUZIONALE per i propri agi di CASTA!!!! E che non perde occasione di mostrare chi veramente sono,dando sfoggio, delle loro nullità celebro intellettualoidi di corrotti,con carriere per corrotti fatte in un regime di corrotti, scimmiottano i passati fasti di borghesie corrotte parassitarie, di cui INETTI!!! Si sentono i depositari,ma cui tapini,possono copiare il solo l'aspetto a loro più congeniale e famigliare, CONFORME ALLA LORO INDOLE, di LADRI e  PARASSITI!!! ASOCIALI!!!!

Damiano Guerra

Mer, 05/03/2014 - 14:20

Premetto che sono da sempre di sinistra, so che questo film è diretto e recitato da gente di sinistra, ciò non toglie che Sorrentino nel tentativo di prendere in giro un certo tipo di sinistra radical chic ci confeziona un film che a sua volta è radical chic all'ennesima potenza. Per onestà intellettuale devo dire che bene hanno fatto Mediaset e Medusa a proporlo ora incassando il frutto dei soldi da loro investiti nel momento più adeguato, non c'è niente di sbagliato in questo. Per il resto, nonostante le antipatie politiche che molti qui hanno contro Benigni non credo proprio che costoro possano dire di avere passato una serata migliore guardando "la Grande Bellezza" rispetto a "La vita è bella".

simonbri

Mer, 05/03/2014 - 14:47

Mi associo ai commenti negativi per questo film...visto solo per la curiosità visto nel primo tentativo di vederlo qualche mese fa mi aveva fatto solo andare a dormire in tempi brevissimi dopo 20 minuti...quindi mi sono detto...che gran film mi sono perso? risposta di ieri sera detta alla fantozzi "una cagata pazzesca"; Mai e dico MAI si può paragonare questo film con il capolavoro de "La vita è bella" ultimo film ad aver vinto un oscar.

lorenzovan

Mer, 05/03/2014 - 14:50

dolce vita 1960...grande bellezza 2014 ho rivisto la mano e lo spirito di Fellini...anche sin troppo...direi..visto che questo film segue nelle grandi linee il capolavoro di fellini la differenza sta nello spirito dei romani e italiani in generale descritti.. se quelli di Fellini erano giovani..dubbiosi ma ansisosi di scoprire.affamati di vivere..come era lecito dopo la guerra e il boom economico.. ipersonagg d sorrentino sono vecchi...copme e' ormai vecchio il paese...non hanno speranze..ma solo passato..non ricercano il piacere in maniera infantile..ma la perversione in maniera senile esullo sfondo la stessa Roma di Fellini..le fontane antiche..la presenza continua ossessiva delle autorita' religiose... in comune eimmutabile il disprezzo per i salotti chic autoreferenziati....per gli opportunisti di turno..tutta quella fauna che orbita da sempre a Roma( gia le familiae romane importanti avevano la loro "gens") intorno alla ricchezza... la differenza a mio avviso sta nllo spirito..in Fellini malgrado tutto c'era la speranza nel futuro..in Sorrentino la delusione del presente e basta

Graziano1948

Mer, 05/03/2014 - 14:50

Dopo 10 minuti di visione ho scelto di passare ad altro canale, per non sentirmi preso in giro da questi pseudoartisti da oscar.

gneo58

Mer, 05/03/2014 - 14:51

per tutti quelli che hanno voluto in tutti i modi accendere la solita diatriba Dx/Sx - siete proprio malati mentali - e' possibile esprimere il proprio pensiero e/o gradimento limitandosi al solo film ? si e' possibile, puo' essere stato noioso, puo' essere stato bello, capito, non capito ecc ecc ma tant'e' avete voluto tirare fuori Berlusconi - finche' ci sara' gente come voi andremo sempre peggio !

Nadia Vouch

Mer, 05/03/2014 - 14:56

Film orribile, con dialoghi volgarissimi e spesso offensivi. Audio pessimo. Stracolmo di luoghi comuni e di offese e allusioni verso persone, anche di rilievo. Un'immagine dell'Italia e degli italiani pessima. Una recitazione da parte di taluni attori assente. Inesistente l'uso della lingua italiana. Molti i momenti di totale assenza di rispetto verso il pubblico. Mi sono registrata dei passaggi a mio avviso altamente offensivi e contrari a principi universalmente riconosciuti, ma troppi ne dovrei riportare qui. Concordo con gli altri Lettori: è vergognoso che una schifezza simile, così dannosa per l'immagine e la cultura italiana, sia stata premiata con l'Oscar.

Ritratto di Luigi.Morettini

Luigi.Morettini

Mer, 05/03/2014 - 14:58

Bravo Berlusconi! Ancora una volta il Cavaliere ha ridicolizzato la sinistra italiota, quella culturalmente superiore. Ha contribuito alla produzione del film che ha ottenuto l'Oscar (del ridicolo), lo ha trasmesso in esclusiva TV in prima assoluta ed inzeppato di spot molto remunerativi guadagnando bei soldoni. La stragrande maggioranza di tutti coloro che lo hanno visto hanno sentenziato che trattasi di una "gagata stellare". Risultato: ad andarlo a vedere nelle sale cinematografiche andranno, FORSE, soltanto i familiari di Sorrentino e compagni e, naturalmente Uolter Veltroni. Incassi ridicoli!!! Quello che si meritano arroganti sinistrati che, pur non avendo nulla da dire o raccontare, si continuano a spacciare per grandi pensatori ed intellettuali!

sphinx

Mer, 05/03/2014 - 15:00

Leggo tanti che si affannano a dire che il film è una brutta copia del film di Fellini: ma qualcuno si rende conto che è la Roma di adesso, degradata e snaturata, una brutta copia della Roma di Fellini? Anch'io ho fatto fatica a seguire l'inizio del film, ma poi mi sono reso conto che è proprio questo che La grande bellezza vuole denunciare: il vuoto, la nullità, la miseria di questa gente, un tempo orgoglio e vanto di Roma, che ormai vive solo di nostalgie travisate, di maschere, di espedienti morali, di droga, di menzogne. Non a caso, gli unici personaggi che ancora conservano un minimo di umanità, e lo pagano caro, sono quello di Verdone e la povera Santa, ridotta anch'essa a lustrino da appuntarsi sul vestito.

Ritratto di woman

woman

Mer, 05/03/2014 - 15:01

La Grande Bellezza è una Dolce Vita opaca e disorganica, senza l'afflato della poesia e lo splendore del genio.

82masso

Mer, 05/03/2014 - 15:05

Soldato... Vero! E dall'inizio dei governi di larga intesa (2011) Mediaset +135%, dura è scegliere tra propaganda e profitto!

Ritratto di Jaspar44

Jaspar44

Mer, 05/03/2014 - 15:07

Sorrentino è un regista "felliniano" e Sevillo un grande attore. Il film non ammette giudizi parziali: o piace o non piace. Fotografia e sceneggiatura artisticamente "sconcertante" oltre ad uno "stile" cinematografico che tratta - per immagini - un difficile argomento quasi ... evanescente. A me il film è piaciuto ... da Oscar! Voglio solo dire - ancora una volta - che Toni Servillo è veramente un grande attore che mette - malgrado la sua volontà - in secondo piano tutti i suoi colleghi ... per questo coraggiosi a lavorare al suo fianco.

baio57

Mer, 05/03/2014 - 15:07

Mediocre documentario sulle bellezze artistiche di Roma . I protagonisti penosi,amen.

Ritratto di ALESSANDRO DI PROSPERO

ALESSANDRO DI P...

Mer, 05/03/2014 - 15:09

Un FILM completamente immorale. Io lo chiamerai il Film delle PAROLACCE che nulla insegna ai giovani. Non rispecchia la vita della grande maggioranza degli Italiani e soprattutto dei giovani. Non so come fa Mediaset ad elogiarlo tanto e non so come fanno gli Americani o meglio quelli della Giuria, a portarlo agli "onori". Evidentemente la Giuria era composta da persone della "Dolce Vita senza Lavorare" come l'attore o gli attori principali nonchè il Regista.Ahimè, ahimè ! come si è ridotta l'Italia nella sua "Grande Cultura". Certo , Mediaset e solo Lei può osannarlo e solo per fini di grande lucro e della sua pubblicità massacrante, come solito, per gli ignari utenti che come "vittime" degli scienziati IMBONITORI PROPAGANDISTICI Mediaset, vengono attratti giornalmente e di più ogni sera,dalla "TRAPPOLA PUBBLICITARIA".Una TECNICA altamente specializzata per la pubblicità MEdiaset che certamente non fa affatto onore al Berlusconi Politico che dichiara sempre di amare il popolo. Ormai però è noto a tutti quello che succede ogni sera su Mediaset in tema di PUBBLICITA'. L'ingenuo videoascoltatore. anche non volendo viene quasi iptonizzato da una alta tecnica psicologica a vedere un determinato Film , Puntata o Programma e cade inesorabilmente nella "rete" SOLO PUBBLICITARIA fino alle ore 23 ed oltre. Ma il lavoratore ad un certo punto sa che alle ore 5 o 6 deve svegliarsi per andare al lavoro e abbandona tutto anche perchè il suo CONTATORE ENEL gira impietosamente per vedere SOLO PUBBLICITA'. Questo E' Troppo! Nel Film in argomento non compare la vita dei lavoratori o delle famiglie italiane ma solo un Gruppo di scrittori che per vari motivi hanno avuto fortuna, gloria ed anche molti Euro.(A spese sempre del Popolo). L'Attore principale poi afferma che fin da giovane si è recato a Roma per entrare nella vita MONDANA. Si vede che è arrivato a Roma anche col PORTAFOGLIO PIENO. Non "Beato Lui" ma povero Lui per certi propositi effimeri e di vita non reale. Forse, compreso anche il Regista del Film, non si è mai scontrato con la realtà. Tu, Governo, dagli anche molti Euro, per realizzare simili STRONZATE !

gianrico45

Mer, 05/03/2014 - 15:11

Grande film,mettendo in contrasto la grande bellezza con la nostra odierna grande bruttezza, ci ha fatto vedere cosa siamo diventati.Invece di criticare sarebbe meglio vergognarsi.

Ritratto di El Presidente

El Presidente

Mer, 05/03/2014 - 15:12

Sono curioso, l'ho registrato e penso di provare a vederlo stasera, con il fast forward le "millemila" interruzioni pubblicitarie non saranno un grosso problema .......

linoalo1

Mer, 05/03/2014 - 15:13

Normalmente un Film viene giudicato dal numero di spettatori paganti che vanno a vederlo al Cinema!In questo caso,non è possibile un giudizio reale perché bisognerebbe valutare anche le variabili!La prima e,forse,la più importante,è la concorrenza che è stata fatta o meno,nella stessa fascia oraria dai vari canali TV!Lino.

ortensia

Mer, 05/03/2014 - 15:18

Molto Felliniano, belle immagini ma soporifero. Anch'io, come Salvatore 1950, ho finito per addormentarmi.

lorenzovan

Mer, 05/03/2014 - 15:20

vedo con piacere che ..qualcuno...tipo sphinx...sebra aver capito il film.. la maggior part dei commentatori specie quelli che continuano la saga berlusconi si...berlusconi no...sarebbero state buone comparse nella "populace" descritta nel film

biricc

Mer, 05/03/2014 - 15:25

Mi allineo alla maggior parte dei commenti, dopo quindici minuti mi è preso l'abbiocco e dire che nonostante la mia età resisto bene anche fino a mezzanotte.

evidio

Mer, 05/03/2014 - 15:30

Ringraziamo Mediaset, per tutta l'immondizia che produce e ci propina e per i rarissimi bijoux che ogni tanto, chissà come, chissà perché, vi si trovano dentro. Se si riesce ad astrarre dalla tanta merda pubblicitaria che li avvolge, possono talvolta risultare vagamente gradevoli.

gneo58

Mer, 05/03/2014 - 15:31

per Nadia Vouch, e' stato fatto apposta cosi' - saluti

Ritratto di PELOBICI

PELOBICI

Mer, 05/03/2014 - 15:35

Controedine compagni il film fa schifo, se però poi viene fuori che non l'ha prodotto Medusa allora ricontrordine è bellissimo: Premetto a me non è piacuito

Ritratto di Luigi.Morettini

Luigi.Morettini

Mer, 05/03/2014 - 15:41

La Roma di adesso non è affatto cambiata da quella passata, non ha mai avuto "gente" da considerare con "orgoglio" e "vanto", almeno nel secolo appena trascorso. Quello iniziato, poi, è solo una ulteriore conferma della degradazione della miseria, del vuoto, e del nulla miserabile che la circonda e quindi non bisognevole di autoreferenziali registi "impegnati" per ricordarcelo, oltretutto arrivando a ringraziare persino uno spregevole essere di nome Maradona!

evidio

Mer, 05/03/2014 - 15:41

Non ho visto il film, ma certifico sul fatto che Servillo è un grandissimo attore, così come tanti altri nel cast, primo fra tutti il fantastico Roberto Herlitzka. Stupisce però vedere tali professionisti accostati alla Ferilli, che notoriamente come attrice non vale un fico secco.

Ritratto di SEXYBOMB

SEXYBOMB

Mer, 05/03/2014 - 15:48

........Chapeau ai Signori BERLUSCONI.....molte grazie.

ilpaladino

Mer, 05/03/2014 - 15:49

Solo una parte è stata (per me) interessante: quando il protagonista ha criticato senza remore la romanziera di sinistra impegnata civilmente, che l'ha data al suo capo per favori, madre fallita e sposata con un marito omosessuale. Lei alla fine si alza senza proferire parole e si allontana. Da rivedere (solo quella scena). Spero di trovarla presto su youtube!

Nadia Vouch

Mer, 05/03/2014 - 15:58

@gneo58. Che significa è stato fatto apposta così? Le pare una recitazione quella di una Ferilli? Le pare una battuta "Perché non usi i braccioli?" da parte del protagonista, e quella gli risponde:"Perché mi irritano le ascelle"? Oppure, definire gli italiani "paese di debosciati"? Festini orgiastici e poi la comparsa di quella povera bimba, che di nome non a caso fa Francesca, che si comporta da psicopatica? O la banalità della donnona che tira cocaina e poi piange mentre osserva nel cielo le scie bianche tracciate da aerei in volo? Eppoi, sentire un Verdone, che a Roma ci ha sempre vissuto e lavorato, dire che va via perché la città lo ha molto deluso, se permette, è una grande presa per i fondelli da parte di questi pseudo-artisti. In Italia c'è gente che lavora e produce, seriamente, con sacrifici, e c'era anche quando questi signori facevano sempre e soltanto i registi o gli attori o entrambi, ricevendo spesso finanziamenti pubblici per le loro "opere". Potrei continuare, ma per ora stop. Saluti.

Ritratto di rinnocent637

rinnocent637

Mer, 05/03/2014 - 16:06

Veramente devo critico su questo FILM, per il sottoscritto e per altri che abbiamo visto questo PREMIO OSCAR non lo meritava, non è piaciuto, e non conta qui la politica, noi che lo abbiamo visto apparteniamo tutti a Forza Italia, ma per noi un Film poco comprensivo nei suoi contenuti, molte donne nude, ma dialoghi incomprensibili, che non lasciano comprenderne l'intreccio. No Begnini a conquistatol'OSCAR con LA VITA E' BELLA, ma meritato

Ritratto di cangrande17

cangrande17

Mer, 05/03/2014 - 16:09

Il fatto che sia una brutta copia di Fellini ha salvato il film. A chiunque mi dice di apprezzare i film di Fellini, infatti, rispondo sempre con una grossa pernacchia.

gedeone@libero.it

Mer, 05/03/2014 - 16:21

I sinistri non si sono divertiti perché il film critica sottilmente e ferocemente il modo di agire dei loro dante causa, i radical-scik di cui sono gli zerbini...

Ritratto di gianky53

gianky53

Mer, 05/03/2014 - 16:27

Mi ero predisposto al vedere un film lento nel ritmo, da molti definito noioso, ma la curiosità era tanta. La grande bellezza ha come protagonista una bellissima Roma, mai mostrata con una così splendida fotografia, che da sola giustifica la visione del film. Sulla lentezza, non trattandosi di un film d'azione, inutile lamentarsi, è un collage di spot e riflessioni che mettono in mostra in maniera sfavillante la decadenza della nostra attuale società radical chic marcia fino al midollo. Innegabile il sottinteso paragone con la Dolce vita di Fellini, sono due epoche agli antipodi. Quella del 1960 in pieno boom economico protesa alle speranze che il futuro annunciava, l'attuale dove il futuro non c'è, la speranza è morta e rimane soltanto il ricordo e la disillusione. Grande film e meritato l'Oscar. Complimenti a Mediaset per il tempismo della programmazione, nelle sale è già passato e gli incassi li andrà a fare in America.

Ritratto di ramon

ramon

Mer, 05/03/2014 - 16:42

Sicuramente non è un film per gente superficiale, che reputo una qualità per vivere meglio, e altrettanto sicuramente non è un film proponibile dopo una giornata di lavoro con farcitura di pubblicità allegata. Però la profondità che questo film emana, "ai molti" risuona silenzio o addirittura imbarazzo...ma "ai pochi", armonia di sinfonie che lambiscono l'anima. Leggo molti che lo definiscono noioso, e in definitiva lo penso anch'io, però credo anche che la noia sia proprio la sensazione che questo film debba provocare. Racconta un mondo mediocre, di ricchi nullafacenti, monotono, con solo "sparuti ed incostanti sprazzi di bellezza", questo può portare solo alla noia, alla disperazione e al crollo di tutte le certezze che uno si costruisce nella sua inutile vita. E per quello che mi riguarda credo che il messaggio sia arrivato forte e chiaro.

BlackMen

Mer, 05/03/2014 - 16:42

gedeone@libero.it: dove a letto che i sinistri non si sono divertiti??? Mi manda il link della notizia per favore? Glielo chiedo perchè sono sinistro ed il film mi è piaciuto. E consultando altri amici sinistri come me ho potuto constatare come sia piaciuto anche a loro. Attendo sue. Grazie

emi77

Mer, 05/03/2014 - 16:47

Io me lo sono visto sul PC senza pubblicità, in contemporanea con gli italiani che ancora hanno la TV e pagano il canone. Film felliniano al 100%, originalità minima, grande Roma. Un film contro i radical-chic che piace ai radical chic. Incomprensibile l'Oscar.

Max Devilman

Mer, 05/03/2014 - 16:53

Non ho visto il film, per scelta non guardo la televisione, vado ogni settimana al cinema, a parte questo, vorrei soffermarmi sui commenti relativi al numero di spettatori. La domanda non è quanti spettatori ha fatto questo film, ma su quanti spettatori fa Sanremo, il grande fratello, il calcio: QUESTE SONO VERE BOIATE per gente senza neuroni. Il film può piacere o meno, sono gusti.

roseg

Mer, 05/03/2014 - 17:10

Me so addormito quattro volte,il grande FELLINI si rivolterà nella tomba.

Ritratto di bobirons

bobirons

Mer, 05/03/2014 - 17:17

@ mar75 - Mer, 05/03/2014 - 12:57- La RAI fra pubblicità diretta e riceve sponsorizzazioni (chi crede che paghi parte delle "vincite" ai vari concorsi quiz a premio ?) pertanto ha di che sostenersi, se riduce gli sprechi. Mediaset: non conosco il bilancio d'esercizio, se ce l'ha mi mandi copia. Ma poco importerebbe perchè il deficit di Mediaset lo pagano i suoi azionisti, non io che non ho azioni di quella società. La Rai invece i suoi deficit li fa pagare a tutti gli italiani, per un'informazione che, a dir poco, è alquanto orientata e non rispecchia quella neutralità che ci si aspetterebbe da un organismo pubblico.

roseg

Mer, 05/03/2014 - 17:28

@ Max Devilman--Sicuramente non sono un raffinato intenditore a me non è piaciuto,a parte le varie inquadrature della magnifica e stupenda ROMA, sono d'accordo con il tuo giudizio,cosa vuoi fare la mamma degli imbecilli è sempre in .....

Ritratto di ilvillacastellano

ilvillacastellano

Mer, 05/03/2014 - 17:33

Ho seguito solo per una mezz'oretta il film, facendo violenza a me stesso, poiché volevo cambiare canale già dopo i primi cinque minuti. Quindi, io non parlerei di condivisione da parte del pubblico del "verdetto di Hollywood", anche perché nella seconda parte gli spettatori sono diminuiti sensibilmente, nonostante lo share. La grande partecipazione di pubblico, secondo me, si è verificata, nonostante tutto, a causa di un bombardamento pubblicitario che ha fatto vedere "lucciole per lanterne" del film. Non c'è che dire. Il film è davvero una "Grande schifezza", come qualcuno giustamente l'ha re-intitolato qualche giorno prima.

MEFEL68

Mer, 05/03/2014 - 18:01

Le sale cinematografiche sono piene di film spazzatura che vengono osannati da critici di sinistra. Il film di ieri, pur non essendo degno di un oscar, non merita tutta questa avversione che, se non fosse stato prodotto da Mediaset, non avrebbe avuto. Pertanto, sono convinto che se il film fosse stato trasmesso da RAI3 e prodotto da qualche cinematografaro rosso, male male che andava, sarebbe passato inosservato. Colpire il film per colpire Mediaset che l'ha prodotto con i suoi soldi, è il solito modo di fare dei sinistrati che si infiltrano in luoghi non loro per colpire e nascondere la mano.

Ritratto di Euterpe

Euterpe

Mer, 05/03/2014 - 18:03

E' un film bellissimo e avrei voluto che non finisse mai. Mi lasciano indifferente tutte le polemiche che non hanno nessuna attinenza con la qualità del film.

ingenuo39

Mer, 05/03/2014 - 18:14

Ieri sera dopo molti colpi di sonno sono riuscito a vederlo tutto. Il mio pensiero e stato uguale a quello del Rag. Ugo Fantozzi commentando il film "la corazzata potemkin" durante la proiezione aziendale e non credo essere il solo a pensarla così.

ingenuo39

Mer, 05/03/2014 - 18:14

Ieri sera dopo molti colpi di sonno sono riuscito a vederlo tutto. Il mio pensiero e stato uguale a quello del Rag. Ugo Fantozzi commentando il film "la corazzata potemkin" durante la proiezione aziendale e non credo essere il solo a pensarla così.

Ritratto di Giano

Giano

Mer, 05/03/2014 - 18:19

Questo è oggi il mondo dell’arte, della musica, del cinema, della letteratura. Prove di intellettualismo ipertrofico ed autocompiacente che si nutre di idee confuse, appena abbozzate, indefinite, incompiute o, spesso, abortite. Raccogliere pietosamente questi feti artistici ed esporli in bella mostra, a beneficio di cineasti, editori, mercanti d’arte e radical-chic annoiati, diventa un lucroso gioco di società per chi, non riuscendo a dare un senso alla vita, gioca a fare l’artista e scambia per talento artistico e profonda introspezione il proprio autoerotismo mentale. Ma questa macabra mostra permanente di aborti del pensiero umano non è arte, è solo necrofilia intellettuale.

michele lascaro

Mer, 05/03/2014 - 18:23

Salvatore 1950, anch'io mi sono addormentato, sotto l'imperversare di tanta pubblicità. Quando impareranno a iniziare i programmi alle 20,15, come si fa in Germania? Non discuto sul film, non visto, ma concordo con la descrizione che hanno fatto Stenio Solinas, ieri, e Marcello Veneziani, oggi. La sinistra, come al solito ha visto lucciole per lanterne. Quando si accorgerà dell'errore si autoschiaffeggerà.

Nonmimandanessuno

Mer, 05/03/2014 - 18:42

Renzi: "E' la prova che non dobbiamo aver paura ad allargare le nostre ambizioni", (chi se lo aspettava da lui così schivo); Franceschini, ministro della Cultura:"Se l'Italia crede in se stessa, ha fiducia e investe nei propri mezzi può vincere"; Vendola: "ringrazia tutti coloro che hanno reso possibile questa magnifica opera"; Boldrini: "il cinema è risorsa fondamentale per la cultura"; Napolitano - ripeto Napolitano- " una grande vittoria per l'Italia"; Vassiliiou,ministra europea per la Cultura: " Fantastica Italia". E poi,come si evince da questi commenti,solo per continuare ad offendere direttamente o indirettamente Berlusconi, ci si atteggia a critici d'arte, dando ragione a Stenio Solinas che ieri scriveva che questi pseudo intellettuali di sinistra,salendo al volo su questo carro, o non hanno capito niente, o fingono di non capire. Secondo me, non fingono, tant'è che contraddicono questi loro illustri compagni di...lotta dura e senza paura. Poveretti!

lorenzovan

Mer, 05/03/2014 - 18:46

x mefel....sei piu' ubriaco del solito...le critiche piu' feroci vengono dai berlusconiani duri e puri...lolololol..senza dimenticare gli alleati fratelli (e sorelle...) d'Italia... a me il film e' piaciuto...e non sono certo un fedele della setta del arcoriana...lolololol...

Nonmimandanessuno

Mer, 05/03/2014 - 18:46

Però sono d'accordo sul fatto che le interruzioni pubblicitarie sono state troppe. E a BlackMan che dice che in RAI per i film normalmente fanno una sola interruzione tra primo e secondo tempo, ricordo che lì, si paga il canone. Ma penso che sia inutile perdere tempo con tali soggetti. Il film era lì, gratis, se non piaceva potevano cambiare canale visto che c'era pure Ballarò, oppure andare a letto vista la propensione ad addormentarsi quando non c'èra la Litizzetto!

gurgone giuseppe

Mer, 05/03/2014 - 18:54

Non ho visto il film. Avrei voluto vederlo ma non ho potuto. Vedo molti commenti contrari, addirittura di gente che si è addormentata. Ho il sospetto che gli oscar dati dagli americani ai films stranieri abbiano sempre una motivazione politica. Così è stato per "La vita è bella; film non certo trascendendale che gli americani allora premiarono (presumibilmente) perchè l'allora governo D'alema consentì agli americani l'utilizzo delle basi Italiane per bombardare la ex Jugoslavia. Mi sembrerebbe strano che abbiano premiato un film prodotto in parte da Berlusconi, visto che l'hanno osteggiato ferocente. Comunque aspetto di vederlo per farmene un'idea.

vale.1958

Mer, 05/03/2014 - 18:54

E' BELLISSIMO LEGGERE I COMMENTI SUL FILM...CI SONO I SOLITI RINCOGLIONITI CHE A PRESCINDERE CRITICANO ,VEDI ERSOLA UN PENSIONATO CHE NON HA UN CAXXO DA FARE, TUTTO QUELLO CHE ORBITA INTORNO A BERLUSCONI,MI VIENE IL DUBBIO CHE BERLUSCA GLI ABBIA SCOPA...TO LA MOGLIE A ERSOLA, POI CI SONO QUELLI CHE SCRIVONO VERVANDO DI ARGOMENTARE SULLA BELLEZZA O NO DEL FILM E POI QUELLI PRO BERLUSCONI A PRESCINDERE,IO OPTO PER LE ILTIME DUE CATEGORIE DI LEGGERE COMMENTI DEI SOLITI RINCOGLIONOTI NON NE POSSO PIU'...

antisallusti

Mer, 05/03/2014 - 19:04

Visto. Una purga!! Che cagata di film...confezionato apposta per gli americani. Business da paura. Tenta di copiare malamente Fellini, ma quasi non si può guardare.

cirociro

Mer, 05/03/2014 - 19:09

Incuriosito dal battage pubblicitario scatenatosi a seguito della vincita dell’Oscar da parte de “La Grande Bellezza” di Sorrentino, ho approfittato della messa in onda del film da parte di Canale5 per visionare questa meravigliosa opera. Dopo dieci minuti ho dovuto cambiare canale e dopo alcuni tentativi di vederne ancora qualche spezzone ho desistito e mi è venuto in mente la famosa scena di Fantozzi rivisitata ed adattata per l’occasione: “La Grande Bellezza” è un cagata pazzesca! “The Great Beauty” ovverosia “The Great Bullshit”

scipione

Mer, 05/03/2014 - 19:16

Ho visto il film su canale 5: Un capolavoro.Un grazie a Sorrentino,agli attori e a Mediset.Questa e' la vera cultura che fa onore all'Italia.

Ritratto di Gimand

Gimand

Mer, 05/03/2014 - 19:28

Film alquanto noiosetto, anzi: palloso. Nel film di Sorrentino i comprimari che ruotano intorno al protagonista non fanno altro che autoincensarsi: pseudoborghesi, nobili decaduti, parassiti assortiti ecc.ecc. E tutti, rigorosamente, de sinistra; tutti tipetti del “fate quel che dico e non quel che faccio”. La Roma felliniana de “La dolce vita”, sì, ma con 50 anni di ritardo. Se vogliamo, uno spaccato dell’Italia odierna: quella che, appunto, è saltata per tempo sul carro del (presunto) vincitore di cinquant’anni fa e, da allora, continua a fingere che il vincitore sia ancora lo stesso di mezzo secolo prima. Anche e soprattutto perché costoro, a differenza di quelli di 50 anni prima, sono ormai "arrivati" ed incistati con il potere, lo stato, le prebende e le sovvenzioni. Nessuno ha trovato ancora il coraggio di dir loro che sono, appunto, in ritardo di 50 anni. E con loro, tutta l’Italia. Vien quasi da pensare sia vero quel che si racconta dei premi Oscar, cioè che ogni anno si svolga un’estrazione a sorte della Nazione a cui assegnare il premio al Miglior film Straniero! Quest’anno la sorte ci ha favorito. Sorrentino, nel ricevere il premio, ha detto:“Spero che questo film e questa vittoria siano una porta aperta affinché il cinema italiano diventi più cinema per il mercato internazionale”. Roba da matti! Un "sinistro" che inneggia al Mercato, all'Economia, ai Soldi, in definitiva: al Business. Mercato, economia, soldi, business…Amerikani: quello che appunto gli americani vedono e dicono di noi. E Sorrentino li ha accontentati e, naturalmente, s’è guardato bene dal ringraziare il produttore del film…sì, il pregiudicato, il caimano, il padrone di “Medusa” cinematografica: sarebbe stato di cattivo gusto, meglio ringraziare Maradona. Anche perché il buon Sorrentino mica poteva inneggiare alle sovvenzioni statali, alle prebende ed agli intellettuali organici proprio in USA. Sapeva di rivolgersi ad un pubblico e ad un mercato completamente diverso da quello italiano ed europeo, che di sovvenzioni e prebende ed intellettualoidi impegnati (ed organici) campa e campa anche bene, alla faccia di Pantalone. Pubblico e mercato che hanno premiato e (spera) andranno a vedere il suo film. Mica e scemo: sa benissimo che il pubblico americano, al contrario di quello italiano, ha la memoria lunga (ed il portafoglio a destra).

piertrim

Mer, 05/03/2014 - 19:47

L'attesa era grande per l'Oscar ed il battage pubblicitario, ma a me francamente non è piaciuto per nulla e per nulla paragonabile alla Dolce Vita.

citano39

Mer, 05/03/2014 - 19:49

Meverix ti posso rispondere solo così: Mboh!

citano39

Mer, 05/03/2014 - 19:55

Mi è piaciuta la musica e la presa per il c..o dei radical schick di sinistra. Sul secondo punto Sorrentino è stato grande. Tutto il resto è noiaaaaaaa, no non ho detto gioiaaaaa. Però scommetto che le sale cinematografiche faranno il pieno. Bel colpo Silvio!

citano39

Mer, 05/03/2014 - 19:59

mar75 guarda Ballarò.

citano39

Mer, 05/03/2014 - 20:08

Caro Verdone, sei un grande, grandissimo attore. Ma nel film di Sorrentino con un'attrice moglie come quella mi ricordi qualcuno:chi eri? che facevi? da dove venivi? dove andavi? dove sei finito?. Ma chi te lo ha fatto fare, lo avevi letto il copione?

gandalf8

Mer, 05/03/2014 - 20:15

Godo nel vedere rosicare sinistri disperati per il successo di un film che li presenta quali sono veramente!!! GODO!!!

fedele50

Mer, 05/03/2014 - 20:25

ho visto il film, ma da semplice cittadino è stato di una noia pazzesca , du palle , e poi che messaggio co sto tizio che si spara le pose, fumando come un turco,lasciamo stare l'oscar,al botteghino comanda il pubblico. una fetecchia di film.

Aristofane etneo

Mer, 05/03/2014 - 21:02

Se il tema è la noia, il cinismo disperato di chi osserva negli altri con disincanto quell'arrabattarsi senza senso ... beh! non credo che alla tram si confacessero il ritmo e la colonna musicale alla Indiana Iones ne "I predatori dell'arca perduta". Ciò detto spero che gli Statunitensi e quanti nel mondo andranno a vedere il film credano che noi Italiani si sia tutti così. Gli stereotipi fanno strani scherzi a volte. Come quando studente universitario, me ne stavo abbracciato ad una studentessa statunitense e aspettavamo l'alba in piazza S. Marco e alla vista di una gondola, presa da sovrabbondante turbamento mi supplicò di cantarle "O sole mio". Cantai "o sole mio" e me ne vergogno un po' ancora adesso ma a lei ha fatto tanto piacere.

Ritratto di SCACIOSO

SCACIOSO

Mer, 05/03/2014 - 21:18

Kompagni, quando sarete grandi capirete ' forse ' che il Silvietto ,o il nano ve lo ha posto ...Indovina indovinello...Lui e' un grande imprenditore e voi le comparse che servono per la crescita. Cucu'

antiom

Mer, 05/03/2014 - 21:25

La comprensione della "grande bellezza" non è alla portata di tutti, anche per la costanza di vederlo fino alla fine. Io non sono un intellettuale: ho travato il film bellissimo, per il messaggio reale che trasmette, circa i vizi dei ricchi parassiti, che sostanzialmente sono la palla al piede al paese, responsabili del disfacimento della nazione. In un mondo in cui è obbligatorio essere fighetti di sinistra: trovo estremamente coraggioso la denunzia di tal mondo di questo bravo regista, e bravura dell'attore principale.

Ritratto di Runasimi

Runasimi

Gio, 06/03/2014 - 01:35

A giudicare dai commenti dei trinariciuti e degli ignoranti loro affiliati constatiamo che la cecità non è solo un difetto degli occhi ma anche e soprattutto un grave difetto che ottenebra la mente di chi guarda.

Hammurabi

Gio, 06/03/2014 - 07:42

"La grande noia" è farcito di luoghi comuni già trattati decenni fa in altri film...Non credo di mancare di sensibilità o di essere un ignorante come cercano di fare credere alcune persone. Per fortuna che è piaciuto a qualcuno, se no non si capirebbe davvero 'sto premio. Nell'articolo non si dice quante persone erano ancora davanti al televisore al termine del film!

epesce098

Gio, 06/03/2014 - 08:35

Se questo film lo avesse visto Ugo Fantozzi, avrebbe esclamato "E' UNA CAGATA PAZZESCA". L'ho guardato per circa mezz'ora, poi sono stato costretto a cambiare canale, sembrava un'imitazione di BLOB.

Perry

Gio, 06/03/2014 - 19:31

Quello da noi è sporcizia, degrado materiale e morale... spesso per gli anglossassoni è "pittoresco". Solo così posso spiegarmi l'oscar. Il film è di una vacuità assoluta che si vuol riempire di altrettanta vacuità e passività. Se questa è l'immagine che si vuol dare alla nostra capitale e alla sua società...

Perry

Gio, 06/03/2014 - 19:41

Il film è di una vacuità e una passività spaventose che si tenta di riempire con altrettana vacuità e passività! E' una vergogna e un danno per la nostra immagine all'estero! Chi lo ha ha prodotto e finanziato dovrebbe andarsene in esilio!

dona0041

Ven, 07/03/2014 - 08:22

Io penso che a volte c’è gente che confonde la noia con arte…quando ero molto giovane amavo i film d’azione, quelli che ti prendono, ti incollano allo schermo e non riesci più a muoverti nemmeno per andare in bagno; poi crescendo mi è anche capitato di trovarmi per PURO CASO a guardare dei film (magari passati a tarda ora) a volte pachistani, indiani, svizzeri… che all’inizio sembrano noiosi e senza senso……poi alla fine ti accorgi di aver visto dei veri capolavori e ti dici, meno male non ho cambiato canale. Perciò. Con “La grande bellezza” ho resistito alla tentazione, già dopo 5 minuti di cambiare canale, mi son detta: se ha vinto un oscar ci sarà un perché? Appunto PERCHÉ??? Da quello che ho capito io poi (colpi di sonno permettendo: almeno 14 - ma ho un sistema tv che mi permette di tornare indietro e anche “saltare” la pubblicità) Sorrentino intendeva dire che la VERA grande bellezza è la giovinezza, quando ci si innammora, si è ancora puri e pieni di aspettative mentre poi tutto diventa noia, cinismo, decadimento e disillusione INSOMMA NA GRAN PALLA come ‘sto film…