Modella si suicida dandosi fuoco: a 31 anni si sentiva troppo vecchia

La modella kazaka di 31 anni, Irina Livshun, si è data fuoco perché considerata troppo vecchia per sfilare

Irina Livshun era una modella kazaka di 31 anni, una vita spesa tra servizi fotografici e passerelle, la stessa vita che l’ha spinta alla morte perché alla sua età faticava a trovare lavoro.

Irina, con un gesto estremo, ha così deciso di darsi fuoco e quel poco che è rimasto del suo corpo da modella è stato trovato nel suo appartamento di Almaty, nel Kazakistan meridionale. Entrando in casa, la polizia ha trovato accanto al corpo carbonizzato una bombola di gas, usata probabilmente dalla Livshun per innescare il fuoco.

Gli amici di Irina hanno parlato di depressione rivelando che la modella negli ultimi tempi si era isolata da tutto e da tutti, a causa dei molti contratti che non le erano stati rinnovati e che l’avevano ridotta in ristrettezze economiche: “Irina è stata una modella piuttosto famosa e ha partecipato a molte sfilate - ha raccontato un suo amico - tuttavia, negli ultimi tempi aveva avuto grossi problemi con il suo lavoro”.

Alla notizia del suicidio, i familiari non sono rimasti sorpresi: negli ultimi tempi infatti la modella aveva già minacciato di suicidarsi: “Non riusciva ad accettare il fatto di essere ‘uscita di scena’ per colpa dell’età”. Irina non ha mai nascosto il suo profondo disagio, tanto da pubblicare sul suo profilo Instagram, frasi dal tono drammatico: “Non sei nato vincente; non sei nato perdente. Sei nato per scegliere” o “Qualche volta il tuo cuore ha bisogno di accettare quello che la tua mente già sa”.

Emblematica è anche la foto che ritrae uno specchio rotto con sopra la scritta: “Distruggi quello che ti distrugge”. Così la bella e bionda Irina ha deciso di distruggere se stessa scegliendo di morire avvolta dalle fiamme, cancellando così per sempre l’immagine di quel corpo che le ha regalo la notorietà, ma che allo stesso tempo l’ha resa schiava del tempo.