La morte di Prince e lo spettro dell'HIV

La popstar è morta a soli 57 anni nella sua abitazioni di Minneapolis, negli Stati Uniti

La morte di Prince ormai è stata confermata dai media di tutto il mondo e anche dal suo agente. La popstar era già stata male la settimana scorsa e l'aereo che lo stava trasportando è stato costretto ad un atterraggio di emergenza per portare il cantante in ospedale.

Sui social network, ma anche su alcune testate online, ora in tanti si chiedono quale sia la causa del suo decesso e cosa ci sia veramente dietro le "complicazioni per febbre", indiscrezione diffusa dopo l'ultimo ricovero dell'icona della musica.

A partire dagli anni '90, infatti, circola la voce che Prince abbia contratto il virus dell'HIV e che aver interrotto le cure per monitorare il virus lo abbia portato alla morte. Sono tanti su Twitter a chiamare in causa HIV e AIDS, creando anche confusione sui due stadi dell'immunodeficienza. La prima ricerca correllata alla sua morte, sui trending topic di Twitter, è proprio "prince hiv".

Non risulta chiara neanche l'indiscrezione secondo cui il cantante, per osservare gli obblighi del suo credo religioso - era testimone di Geova - , abbia deciso di smettere di curarsi, così da aggravare le sue condizioni di salute fino a morire.