Naike Rivelli: "Uno choc non sapere chi sia mio padre"

Naike Rivelli ha rivelato, in occasione di un'intervista televisiva, un dettaglio particolare della sua vita: non conosce il nome di suo padre, l'ha scoperto sei anni fa

Naike Rivelli è uno dei personaggi più seguiti del Web negli ultimi anni. Merito di quello che pubblica sul suo profilo Instagram: non solo topless e nudità, ma anche commenti che inducono alla riflessione.

Stavolta, però, la figlia d'arte ha aperto il suo cuore in tv. E l'ha fatto parlando di un dettaglio della sua vita molto intimo: sei anni fa ha scoperto che l'uomo che ha sempre pensato fosse suo padre - José Luis Bermudez de Castro - in realtà non lo è. In quell'occasione, l'uomo chiese infatti l'esame del Dna, test che non ha evidenziato alcun legame di parentela fra i due. "Ho scoperto questa cosa sei anni fa ed è stato uno choc. Gli ho dato una ciocca dei capelli e, dopo aver fatto le analisi, abbiamo scoperto che non avevamo legami di parentela. Siamo rimasti tutti spiazzati, anche mio figlio", ha dichiarato al programma di Paola Perego "Non disturbare".

La showgirl ha spiegato di aver chiamato sempre papà Federico Fachinetti, il padre dei suoi fratelli Andrea e Carolina. Ma anche di essersi interrogata sulla propria identità dopo quell'esame di laboratorio, per poi riferire a mamma Ornella Muti di non voler sapere più nulla delle sue origini.

In questi giorni Naike ha anche pubblicato un video su Instagram per testimoniare quello che pensa in merito: Muti rappresenta per lei sua madre ma anche suo padre. Una grande attestazione di affetto e stima, in un filmato che riporta la didascalia: "Gli uomini? Padri? Chi li ha visti mai? Cosa è un uomo? Non saprei, la cosa più vicino ad un uomo che conosco? Mia madre! Una donna con le palle!".

Commenti

brasello

Mer, 04/07/2018 - 16:37

ma si, fatti un paio di foto con la patonza in vista e ti torna il buonumore.

umberto nordio

Gio, 05/07/2018 - 08:51

Quando non c'era l'esame del DNA regnava il principio " mater certa,pater semper incertus". Adesso ,con certe pratiche ,anche la "mater est incerta".