Nelle sale due «biopic» sugli One DirectionIl primo sabato e domenica prossimi

E poi dicono che i talent tv non servono: all'industria musicale e agli adolescenti dal consumo disimpegnato e dalla naturale voglia di innamoramenti possibilmente romantico-ritmici certamente sì. Metti il fenomeno One Direction: Niall Horan, Zayn Malik, Liam Payne, Harry Styles e Louis Tomlinson scoperti nell'X Factor Uk 3 anni fa, non vinsero neppure, arrivarono terzi. Oggi per le strade di mezzo mondo non si vedono altro che ragazzotti dal ciuffo cotonato e spettinato: anche da quello si riconosce un Directioners, un fan della boy band britannica che ha scalato classifiche, riempito gli stadi, è oggetto di culto tra i 15enni ed è al centro di ben due film, uno su di loro, un altro sui loro fan, anche questo un piccolo record. This Is Us uscirà a fine agosto, ha la regia di Morgan Spurklock, un film in 3d in cui parlano gli stessi componenti della band. L'altro, I Love One Direction, arriva nelle 36 sale del circuito The Space sabato 4 e domenica 5 maggio con spettacoli pomeridiani e il 6, 7 e 8 maggio, prima dei concerti, già sold out da mesiche la band anglo-irlandese terrà in Italia all'Arena di Verona il 19 e al Forum di Milano il 20.