Nessuna pietà per il passato Così si vince il male nazista

Péter Gárdos, i cui genitori conobbero i lager, spiega perché non si debbano negare né dimenticare gli orrori della Storia

Péter Gárdos (Budapest, 1948) è un regista ungherese di film e documentari e autore del romanzo, uscito lo scorso anno, Febbre all'alba (Bombiani), storia dell'incontro dei suoi genitori, reduci dal lager nazista di Bergen-Belsen. Proprio il tema della memoria dei sopravvissuti all'Olocausto è al centro dell'intervento che anticipiamo in questa pagina e che Gárdos terrà questa sera, alle 21, al Piccolo Teatro Grassi a Milano nell'ambito del festival «La Milanesiana» ideata e diretta da Elisabetta Sgarbi. L'evento, in collaborazione con Fondazione Cariplo, vedrà la partecipazione anche di Antonio Gnoli, Elena Stancanelli e Moni Ovadia con la conduzione di Armando Besio.