La Netrebko esalta Verdi

Giovanna D'Arco si liberò della maglia nera fra le opere del primo Verdi grazie a due grandissime cantanti, Renata Tebaldi e Montserrat Caballé. Ora l'umile ragazza che sente le voci di dentro ha lo «strumento» sontuoso di Anna Netrebko, coadiuvata da complessi artistici intonati e precisi (Orchestra di Radio Monaco e Coro Philharmonia di Vienna), dall'affidabile tenore Francesco Meli e dal carismatico Placido Domingo, un artista che conosce sempre il peso specifico della parola in Verdi.