La nuova moda dei docureality? Le trasmissioni sui nudisti

Il docureality ormai ci ha abituato più o meno a tutto. Dai sepolti in casa alle complicate vite familiari dei nani (vedi una delle trasmissioni più di successo di quest'anno Il nostro piccolo grande amore ). Ora però la serie del «lo famo strano» si è arricchita di una nuova categoria. Se tra i motociclisti infatti vanno di moda le moto naked (nude in quanto senza carena) ora è arrivata l'ora delle trasmissioni naked. Il format più gettonato si chiama Dating Naked e ha debuttato a luglio negli Stati Uniti. Nessuna complicazione nella trama adamitica. Ci si conosce nudi con una serie di possibili partner. Pruriginoso? Per i primi trenta secondi. Dopo tocca constatare, come recita una canzone che da nudi «si è tutti più brutti e più veri». La risposta spagnola invece è Adán y Eva . Un'altro dating con scarso spreco di vestiti di scena.

In Italia qualcosa è già arrivato su Real Time, sempre rapida ad acchiappare le nuove tendenze. Ha proposto Nudi a prima vista che altro non è che il Dating Naked americano doppiato (dal 15 novembre e ancora in programmazione il sabato). E hanno appena iniziato a mettere in onda (da ottobre) anche Nuda Proprietà che racconta le peripezie di una comunità di nudisti statunitensi in cerca di case adatte a loro, con l'aiuto dell'agente immobiliare Jackie Youngblood. La location è Pasco County, una ridente località della Florida ed ospita la più grande comunità di nudisti degli Stati Uniti e detiene, nella trasmissione ci tengono a dirlo, il poco utile titolo di «Capitale nudista d'America». Ma vi chiedete cosa debba avere di speciale una casa per nudisti? Non pensate alla privacy. Senza volervi levare il pathos della trasmissione ci tocca però dirvi che girando nudi è meglio che la casa sia priva di superfici ruvide, spigolose e via dicendo. Invece DMAX (preceduta da Discovery Channel) trasmette Nudi e Crudi dove un uomo e una donna vengono abbandonati senza nulla in zone “selvagge”. Per carità prove di sopravvivenza terribili tutte sopportate però con una troupe che ha cura di filmarli evitando di mostrare troppo le pudenda. Comunque la trasmissione più ghiotta sta per partire con la nuova stagione. Si tratta di Ed Stafford: duro a morire. Che andrà in onda a partire dal 16 dicembre sempre su DMAX (venerdì alle 21 e 10). Nudo è nudo, ma Stafford è sicuramente un esploratore serio. Tanto per dire è l'unico uomo ad aver percorso a piedi tutto il Rio delle Amazzoni. Abbiamo pensato di chiedergli perché sopravvivere in ambiente ostile con un gonnellino di paglia. «È stato un modo di spingermi oltre. È molto diverso dal farlo con l'attrezzatura. È una sfida seria. E ho appreso tutto dagli indios». Insomma in questo caso lo scopo non è star nudi, semmai sopravvivere nonostante il buffo gonnellino.