Oscar a Sorrentino: da Renzi a De Magistris, l'orgoglio della politica

"La grande bellezza" trionfa e la politica italiana corre a mettere il cappello sulla vittoria

L'Italia di Paolo Sorrentino trionfa alla notte degli Oscar ed è già partita la corsa per salire sul carro del vincitore. Da Matteo Renzi a Nicola Zingaretti passando per Luigi De Magistris, il mondo della politica fa i complimenti al regista e mette il cappello sulla vittoria.

"In queste ore dobbiamo pensare ad altro e lo stiamo facendo. Ma il momento orgoglio italiano per Sorrentino e #LaGrandeBellezza ci sta tutto", cinguetta mattiniero su Twitter Matteo Renzi, mentre il ministro dei Beni culturalii, Dario Franceschini, ha parlato della vittoria come della "dimostrazione che se l’Italia crede in se stessa, ha fiducia nei propri mezzi e investe in quello straordinario patrimonio di creatività, intelligenza, bellezza, arte, storia e cultura che può vincere tutte le sfide che ha davanti. Bisogna investire su questo, crederci e il governo crede che questa sarà la sfida centrale per la propria azione".

Dal canto suo Giorgio Napolitano ha definito il premio "uno splendido riconoscimento ed una splendida vittoria per l’Italia": "Si è giustamente colto nel film di Sorrentino il senso della grande tradizione del cinema italiano e insieme una nuova capacità di rappresentazione creativa della realtà del costume del nostro tempo", ha sottolineato il Capo dello Stato.

"Felice e orgoglioso per La grande bellezza di Sorrentino e Servillo. È con la bellezza che si sconfigge la crisi morale e culturale", ha twittato poi Luigi De Magistris, mentre a nella Capitale - accantonate per un attimo le polemiche sul SalvaRoma - si brinda a quella che è una vetrina importante per il turismo. "È un’immensa felicità, mi verrebbe da dire una grande bellezza, il fatto che tornino all’improvviso queste grandi, grandi soddisfazioni", ha detto il presidente del Lazio, Nicola Zingaretti, "È l’ennesimo simbolo della
forza della cultura italiana che vince". "Non deludiamo quanti sulla suggestione del film di Sorrentino verranno a Roma, non sciupiamo questo straordinario spot e promozione della nostra città nel mondo", aggiunge il consigliere al Comune di Roma Athos De Luca (Pd), "Tutti coloro che lavorano colturismo sia no corretti e rispettino la nostra città che con le sue bellezzegli offre grandi opportunità. Suggerisco al sindaco di fare un logo e uno slogan del titolo del film La grande Bellezza che sia un impegno di tutti a promuoverla e rispettarla".

Commenti
Ritratto di CADAQUES

CADAQUES

Lun, 03/03/2014 - 13:47

NON PUÓ ESSERE CERTAMENTE RIFERITA A VOI LA CITAZIONE DI DOSTOYEVSKI CHE AFFERMA CHE "LA BELLEZZA SALVERÁ IL MONDO"... A voi del partito leninista della bassezza, della menzogna e della truffa per la sopraffazione dell´apparato statale mafioso sopra la pelle dei Lavoratori ... Parito da 25 anni caduto in tutto il mondo, anche nella Cina di Mao Mao, ma non in Italia dove il Muro senza vergogna é insieme al vostro partito ancora in piedi grazie ai metodi della diffamazione e della violenza dell´apparato poliziesco di Jagoda, Yezhov e Beria ... Si, noi siamo convinti che "la bellezza salverá il mondo" e che presto anche l´Italia, anche se con grave ritardo rispetto a tanti altri Paesi al mondo che sta pagando a carissimo prezzo, potrá essere liberata dal fetido arrivismo autoritario della vostra bassezza.

Ritratto di rinnocent637

rinnocent637

Lun, 03/03/2014 - 13:58

Molto bene cosi ora Renzi potrà sempre dire al dissocupato, al pensionato alla famiglia in miseria: Vedete Abbiamo un'Oscar,Dovete esserne orgogliosi,non si VIVE DI SOLO PANE.Detto questo resto vermante sbalordito come tutti i giorni sia la Stampa che le TV non parlino di Renzi cosa che non mi ricordo abbiamo mai fatto con gli altri presidenti del consiglio. Manca che ci dicano quante volte va alla Toelette e cosi siamo a posto. Ieri abbiamo visto che assediavano la sua villa portandole cesti di fiori, etc etc.e ancora non ha fatto niente di positivo per il paese, ma solo proclami.

Manuela1

Lun, 03/03/2014 - 14:03

Voi che parlate di salire sul carro dei vincitori. Siete veramente ridicoli. Solo venerdì vi hanno avvisato che il film era prodotto da Medusa, e da li avete smesso di stroncarlo, come avete fatto per mesi!!

pupism

Lun, 03/03/2014 - 14:15

Nessuno dice però che il film è finanziato e prodotto da Medusa (Fininvest);come al solito ci deve pensare il B. a tenere alto la considerazione delll'Italia nel mondo e che non è certamente rappresentata dal presidente del Napoli De L.... che fa solo Cinepanettoni con i soliti comici da strapazzo!!

Ritratto di giangilo

giangilo

Lun, 03/03/2014 - 14:22

Nessuno ricorda che se non fosse stato per MEDUSA MEDIASET, NON AVREBBERO NEMMENO GIRATO LA PRIMA della prima azione. Caro sorrentino, dedica pure a Fellini, Scorsese e Maradona, ma ricordati sempre che qualcuno ha messo i denari. Ora ditemi pure che non sono italiota.

mario massioli

Lun, 03/03/2014 - 14:27

cari politicanti fate bene a sorridere, perchè il popolo italiano non vi farà sorridere. OCCHIO. la misura si sta colmando.

Ritratto di liberopensiero77

liberopensiero77

Lun, 03/03/2014 - 14:44

Personalmente continuo a pensare quello che ho sempre pensato di questo film, e cioè che è noioso, angosciante e deprimente, e che dà una visione grottesca della classe dirigente italiana, che non può essere tutta assimilata a quella che si vede nel film. Sarà pure tecnicamente valido, e metterà pure in evidenza le bellezze della città di Roma (ma si facciamone uno spot per il turismo ...), ma non credo che ci sia da andare fieri se all'estero poi ci vedono così, con l'inevitabile stereotipo dell'italiano tutta pizza, mandolino, cultura mafiosa e, adesso, anche con tutti gli aspetti negativi messi in luce da Sorrentino (droga, corruzione, raccomandazioni, ecc.). Non basta secondo me un Oscar per fare di un brutto film un bel film. Anche Gomorra è stato premiato, ma era pure un brutto film, una sorta di Pulp fiction all'italiana, che oltretutto non spiegava (nè accennava minimamente) alle radici culturali della mafia. Sostanzialmente Sorrentino è riuscito in una gigantesca operazione di marketing pubblicitario (appoggiata trasversalmente sia da sinistra che da destra) arrivando a conquistare l'Oscar, ma non mi si venga a dire che è il nuovo Fellini ...

unosolo

Lun, 03/03/2014 - 14:51

nel mondo sanno chi ha permesso la nascita del film , grande la fiducia della Medusa che ha di fatto finanziato una bella regia e grandi attori , la fiducia ricompensa sempre se data a persone giuste e serie , FININVEST o mediaset o mediatrade lavorano e fanno lavorare molte famiglie , chi ci sarà dietro poi chi lo sa taccia.

Ritratto di woman

woman

Lun, 03/03/2014 - 14:55

Per delle combinazioni fortuite, quando in Italia è al governo la sinistra, vengono elargiti oscar, palmarès e nobel a militanti della sinistra italiana!

Cascais

Lun, 03/03/2014 - 15:03

Ma il merito non è di Berlusca?I complimenti a lui,no?

Ritratto di AlleXpert

AlleXpert

Lun, 03/03/2014 - 15:07

OPPORTUNISTI come sempre!

denint

Lun, 03/03/2014 - 15:14

La grande bellezza continua ad essere la grande boiata, anzi ora è diventata la grandissima boiata, visto che ha vinto l'oscar

Cinghiale

Lun, 03/03/2014 - 15:33

L'unico che deve esserne orgoglioso è Sorrentino, i politicanti debosciati hanno fatto niente, come Prodi che solleva la coppa del mondo del 2006. Ridicoli e populisti (visto che va di moda).

Ritratto di Luigi.Morettini

Luigi.Morettini

Lun, 03/03/2014 - 15:34

"Il mondo della politica cinematografica e mandolinara" non poteva non plaudire! Avranno in compenso biglietti omaggio per loro e le loro famiglie. Mi raccomando, ricordatevi di chiederne qualcuno anche per Uolter Veltroni. Lui è il capostipite di questa grande famiglia. Pensate poi se a produrre il film, anzichè la Medusa, fosse stato De Benedetti. Ma già, questo parassita di stato, crea solo società fallite prima di nascere!

esposito51

Lun, 03/03/2014 - 15:40

i soliti pagliacci e buffoni.

Ritratto di albauno

albauno

Lun, 03/03/2014 - 16:18

Ma come si fa a rallegrarsi con una persona che, oltre ad aver frodato lo stato italiano, ha condotto una vita dissoluta e, tra l'altro,non ha riconosciuto un figlio e se ne frega altamente di lui? Sorrentino merita l'oscar dell'insensibilità.

masaniello

Lun, 03/03/2014 - 16:21

"Oscar a Sorrentino: da (Napolitano) Renzi a De Magistris, l'orgoglio della politica "La grande bellezza" trionfa e la politica italiana corre a mettere il cappello sulla vittoria" Il bue arava il campo e le mosche sul suo capo dicevano: "come stiamo lavorando bene!" (Esopo e Fedro. Le favole).

Ritratto di albauno

albauno

Lun, 03/03/2014 - 16:29

A Berlusconi hanno dato 4 anni per la presunzione di aver frodato lo stato, a Sorrentino hanno dato onore, anche dopo che ha dedicato l'oscar a Maradona, frodatore dello stato e campione di immoralità!

Ritratto di frank.

frank.

Lun, 03/03/2014 - 16:36

Cadques, la ricreazione è finita, è ora di prendere le tue medicine...dai su...vieni...

Ritratto di frank.

frank.

Lun, 03/03/2014 - 16:40

Albauno...una persona che froda lo stato italiano e che ha condotto una vita dissoluta...non sapevo che Berlusconi avesse un figlio non riconosciuto!! :-)

Ritratto di wilegio

wilegio

Lun, 03/03/2014 - 17:34

Anche se renzi se ne attribuisce i meriti, mi sembra che l'unico a "investire" e a "crederci" sia stata la Medusa, del gruppo Mediaset, proprietà, guardacaso, del nemico pubblico n.1 Silvio Berlusconi. Piuttosto mi chiedo: cosa c'entra maradona, quell'uomo rivoltante, drogato marcio, evasore fiscale e grande amico di castro?

bruna.amorosi

Lun, 03/03/2014 - 17:37

FRANK quando parli di BERLUSCONI sciaquati la bocca ,non sei degno di nominarlo tu nomina un GRILLO assassino .e da oggi pluricondannato .

onurb

Lun, 03/03/2014 - 17:40

A tutti questi politici che si rallegrano è il caso di dire Ofelè fa el to mesté”. Invece di pavoneggiarsi per un riconoscimento dato all'Italia in un settore che non è di loro pertinenza, cerchino di guadagnarsi il proprio oscar, avviando la stagione delle riforme senza interporre indugi.

LAMBRO

Lun, 03/03/2014 - 19:05

LE VITTORIE HANNO MILLE PADRI ...... E TUTTI SI PAVONEGGIANO CON I SOLDI DEGLI ALTRI GUARDANDOSI BENE DAL CITARE CHI HA IL MERITO, OLTRE AGLI AUTORI, DI QUESTA PRODUZIONE CIO' E' MEDUSA MEDIASET !!! SAREBBE DOVUTO MA ..... PORCATA PIU' PORCATA MENO NON FA DIFFERENZA.

LAMBRO

Lun, 03/03/2014 - 19:05

LE VITTORIE HANNO MILLE PADRI ...... E TUTTI SI PAVONEGGIANO CON I SOLDI DEGLI ALTRI GUARDANDOSI BENE DAL CITARE CHI HA IL MERITO, OLTRE AGLI AUTORI, DI QUESTA PRODUZIONE CIO' E' MEDUSA MEDIASET !!! SAREBBE DOVUTO MA ..... PORCATA PIU' PORCATA MENO NON FA DIFFERENZA.

Anonimo (non verificato)