Pappano esalta Elgar

La musica di Edward Elgar, salvo le Variazioni Enigma e pochissimo altro, rimane lettera semimorta in Italia (soprattutto i tre oratori maggiori). un vuoto che potrebbe essere colamto da sir Antonio Pappano, visto il risultato stupendo raggiunto con l'Accademia di Santa cecilia nella Prima Sinfonia, dove la sincerità del fraseggio ha superato nel ricordo anche l'insigne elgariano, sir John Barbirolli. L'orchestra per solito iperrobusta nei «raddoppi» di Elgar, fluisce semplice: maestosa e nobile nell'attacco funebre, flessibile e mercuriale nello scherzo, commuovente nel fraseggio rubato e nei pianissimi dell'adagio. Speriamo sia l'inizio di un ciclo Elgar, frande artista che Santa Cecilia con i suoi complessi e il suo direttore stabile ha reso presenza viva.