Pizza, acuti e conformismo È la sagra che ci meritiamo

Il Festival fotografa alla perfezione il carattere degli italiani. Ed è la sintesi delle mode politiche e ideologiche

Ricordo i primi Sanremo radiofonici, inizio anni Cinquanta. Li guidava Nunzio Filogamo che salutava così: «Cari amici vicini e lontani buonasera». Aveva un eloquio ricco e sciolto, sapeva l'italiano perfettamente e usava un linguaggio appropriato. La Crusca non avrebbe avuto nulla da obiettare. Grandi e piccini trascorrevano un paio di serate con l'orecchio appiccicato all'altoparlante. Gorgheggiava Nilla Pizzi, e vinceva. L'indomani, qualunque garzone di panettiere, pedalando alacremente per portare ai clienti la «michetta» fresca, ne cantava a squarciagola i ritornelli.Poi il Festival traslocò in televisione ma - mutatis mutandis - è rimasto sostanzialmente alle origini.

Non importano i contenuti, la qualità delle canzoni e della musica che sono solo pretesti per inscenare, una volta l'anno, uno spettacolo popolare, interclassista, ossia l'evoluzione anche tecnologica delle vecchie care sagre paesane. Le bocche non sputano fuoco, suscitando brividi nella gente, bensì note e voci più o meno intonate. L'appuntamento canoro è il prolungamento, riveduto e corretto, cioè aggiornato, dei concerti bandistici in onore del patrono. Parlarne male è la cosa più facile del mondo. In effetti i principali denigratori sono i cosiddetti intellettuali, specialmente di sinistra, che amano il popolo, però non sopportano la popolazione. Alla vigilia della puntata inaugurale avevano già schifato l'evento, ovviamente senza averlo valutato in concreto. Tutto ciò che ha successo di pubblico non piace a lorsignori per dovere d'ufficio. In loro domina il pregiudizio.Anche io in passato ho criticato la famosa kermesse, convinto che fosse un diversivo finalizzato a intontire i telespettatori. Sbagliavo. In fondo, Sanremo fotografa alla perfezione il carattere dei connazionali, i quali aspirano legittimamente a svagarsi, a pensare ad altro, anzi, a non pensare affatto, dato che tutto il resto, come intonava Califano, è noia.

Aveva ragione lui, il borgataro poeta che cercava nelle donne quanto non trovava negli uomini. I fanatici del trullallero trullallà hanno la stessa mentalità e la stessa sensibilità del Califfo, morto alcuni anni orsono: credono nella forza dei sentimenti interpretati dagli artisti che si sfidano sul palcoscenico dell'Ariston.D'altronde nei brani più azzeccati ciascuno identifica se stesso, rievoca le proprie esperienze amorose, le palpitazioni, le sofferenze «cardiache» patite in gioventù e anche dopo; l'amore non ha età. Dalle mie parti orobiche c'è un detto: «L'amur e la fam i la sent tucc i salam». Traduco: l'amore e la fame li sente qualsiasi salame. Nulla di più vero. È la spiegazione del fatto inequivocabile che un refrain è più efficace di un'opera letteraria romantica per esprimere i tormenti intimi provocati da un abbandono o dalle speranze di un'unione affettiva.In altre epoche, i fidanzati (anche solo in pectore) si recavano sotto le finestre della ragazza cui avevano messo gli occhi addosso e si prodigavano in serenate; oggi, semplificano, donando a essa un compact disc.

È mutata la forma, ma il messaggio è il medesimo. La tv è notoriamente lo specchio dei tempi e non poteva che trasformare il Festival in un'occasione ghiotta per soddisfare le moltitudini, che, difatti, hanno risposto con entusiasmo all'offerta musicale dei giorni scorsi, sintonizzandosi in massa su Raiuno, i cui indici di ascolto sono saliti a livelli impressionanti, altro che partite di calcio europeo, altro che Don Matteo.I numeri, crudeli e sinceri come sempre, dimostrano che Sanremo è seguito perfino da chi afferma ipocritamente di odiarlo. I detrattori dell'happening contribuiscono così, involontariamente, a renderlo impareggiabile sotto l'aspetto del gradimento. La realtà che emerge da questa constatazione è che l'Italia, per quanto abbia registrato stravolgimenti di costume, è ancora influenzata dalla propria tradizione mandolinara e, appunto, scanzonata. Canta che ti passa: sarà pure un luogo comune ma, come tutti i luoghi comuni, ha un valore indiscutibile, inalienabile. Gli elementi di unità nazionale sono pochi: il pallone, i jeans e le canzonette, nelle quali ci specchiamo con le nostre ansie, le tenerezze e le nostalgie.Anziani e giovani siamo tutti lì, inchiodati al teleschermo: per curiosità, per capire, per rimbambirci. Molti diffidano di Auditel e di altri misuratori analoghi di consenso, ma c'è poco da dubitare di essi: in misura non scientificamente accettata, le cifre non si possono contestare. Il Festival, trasmesso per ben cinque serate dall'ex monopolio, ottiene palesemente risultati che altri programmi nemmeno si sognano. Qualcosa vorrà pur dire. Niente di criptico.

Periodicamente, il Paese avverte il bisogno di tirare il fiato: vuole dimenticare i problemi della quotidianità enfatizzati dai media con i loro talk show ripetitivi e angosciosi; è stanco di chiacchiere petulanti e si rinfranca il morale accantonando la politica, la crisi delle banche, l'accoppiamento dei gay, gli uteri in affitto (tra poco avremo gli uteri in multiproprietà o gli uteri con la scritta «locasi»), lo spread eccetera. Nauseato dalle battaglie d'ogni dì, si tuffa in un mare di note, lasciandosi trasportare nelle pieghe recondite dell'anima. Perché non dovrebbe farlo, se questo è un modo sicuro per rilassarsi?Ogni Nazione ha le sue prerogative e le sue debolezze: la nostra strimpella. Alzi la mano chi la mattina non ha mai canticchiato nella doccia traendone benefici per l'umore. Spaghetti, pizza e acuti vanno d'accordo, si sposano e se non convivono felici, comunque ci trattengono dal suicidio. Accettiamoci per quel che siamo: un popolo che se la canta e se la suona senza illudersi di migliorare, avendo verificato che, chiunque gestisca il potere, il Paese non va avanti né indietro. Si inabissa.

Sanremo rivela il grado di benessere (e malessere) nazionale. Da oltre mezzo secolo, campiamo alla giornata: grazie ai progressisti, la sola cosa che progredisce è la precarietà. Una costante che fa a pugni con lo sviluppo.Si distingue Carlo Conti. È un notaio più che un conduttore. Annota, presenta, si dà un tono col piglio di un burocrate efficiente. È il simbolo della patria che mendica una settimana di ricreazione.

Inoltre, la maratona non è soltanto una gara che impegna le corde vocali; ha anche la pretesa di essere la sintesi delle mode politiche e ideologiche, una circostanza favorevole per portare alla ribalta le questioni più dibattute del momento. Stavolta, mentre infuriavano le discussioni sui matrimoni gay e roba simile, il teatro era un trionfo dell'arcobaleno, a dimostrazione che il festival è un'insalata russa in cui c'è posto per tutto, anche per le banalità spacciate per cose serie. Cosicché, alla fine, ogni edizione di Sanremo è la radiografia impietosa dei nostri poveri cervelli.

Video che ti potrebbero interessare di Spettacoli

Commenti

Marcobaggio

Dom, 14/02/2016 - 11:09

E sì caro Feltri, una radiografia di cervelli ormai fritti e abbrustoliti.Una impietosa dimostrazione di come gli italiani,e quindi anche lei,siano,credendo di non esserlo al fondo di un barile senza fondo,e giù sempre più giù fino al fondo che non c'è.Ma poi gli italiani si consolano,anche lei Feltri,pensando e scrivendo di essere i migliori del mondo e che tutti ci invidiano tutto.Ma quando mai,nessuno in giro per il mondo,invidia niente agli italiani,anzi c'è più compatimento di quanto non si creda. P.S. Mi sento italiano io? No,non più.

INGVDI

Dom, 14/02/2016 - 11:28

Sanremo 2016? Fa parte del panem et circenses, questa volta con salsa renziana.

al40

Dom, 14/02/2016 - 11:40

Una insopportabile melassa colma di retorica autoelogiativa.....come siamo belli,come siamo bravi.Conti grande professionista dell'ovvio,tutto straordinario,tutto meraviglioso,avrebbe decantato anche un cesso rotto.Si salvano solo Bosso e Panariello che finalmente ha avuto il "coraggio" di fare un po' di satira,anche se in punta di piedi,su Renzi.

Klotz1960

Dom, 14/02/2016 - 12:01

Canzonette stupide, arretrate e senza mercato, kermesse vuota, idiota, autoreferenziale e narcisista. Uno spettacolo deprimente, ogni anno sempre di piu'. Incredibile come presentatori e soubrettes ritengano di essere al centro del mondo. Altrettanto deprimente l'ampiezza sproporzionata della copertura giornalistica. Sembriamo un Paese di imbecilli, ed insorge il sospetto che sia la realta'.

Ritratto di robocop2000

robocop2000

Dom, 14/02/2016 - 12:17

TELA MERITI TU FELTRIO. IO NON L'HO VISTO E NON MI PIACE !!

adalberto49

Dom, 14/02/2016 - 12:38

E' ORA DI ABOLIRE IL FESTIVAL DI SAN REMO

Ritratto di bingo bongo

bingo bongo

Dom, 14/02/2016 - 13:02

E' la "via fiorentina" pagata con la tassa definita "canone" e con i debiti garantiti dallo stato italiano. nopecoroni.it

Ritratto di Jaspar44

Jaspar44

Dom, 14/02/2016 - 14:14

Una volta le canzoni erano il festival, mentre oggi sono solo un accessorio di un festival che festeggia se stesso.

joecivitanova

Dom, 14/02/2016 - 14:27

SEGUITO Oggi con Internet ed i vari facebook e company, con i commenti ed altri modi di comunicare virtuali (si, anche questi ed anche questo che io sto scrivendo), a tutti è data la possibilità di dire la sua opinione al 'mondo' (in teoria, in pratica, ma che poi, alla fine sono solo illusorie), o di far conoscere il suo pensiero, o meglio ancora di far pensare di capire cose più di qualche altro che crede di capire; così scrive la sua opinione o il suo commento o il suo..ehm.. 'articolo'; quindi, di conseguenza, per farlo, deve per forza assistere allo spettacolo..non è mica un critico..eh..!!.. G.

Ritratto di trebisonda

trebisonda

Dom, 14/02/2016 - 14:55

Klotz 1960 Non sembriamo un paese di imbecilli,lo siamo.Mi pare assurdo che si faccia ancora questa sagra paesana che è Sanremo.Troppo facile dire che in questo momento drammatico gli italiani hanno bisogno di distrarsi,di non pensare.Secondo me diamo un'immagine falsata dell'Italia,ed io mi vergogno di appartenere a questa italietta

Ritratto di deliziosagrc

deliziosagrc

Dom, 14/02/2016 - 15:09

Dici bene Feltri nel finale del tuo articolo: un'"insalata russa" anzi sovietica direi, dal momento che i compagni di questo Paese si son presi anche l'ex odiato Festival che da un po' di anni è rigorosamente politicamente corretto.

Fjr

Dom, 14/02/2016 - 16:04

Il festival per tradizione è una di quelle sagre, come abbiamo sentito dire dalla Fracci "clone", dove nessuno vorrebbe andare, ma per forza o per sfinimento alla fine tutti ci vanno, uno di quegli eventi che viene festeggiato quasi fosse una cambiale in scadenza, visto il costo, quello che è intollerabile l'utilizzo meramente politico fatto dello stesso , tutto questo finto buonismo con braccialettini e nastrini vari ti fa' più pensare a una delle contrade del Palio di Siena che a un'evento canoro .

Ritratto di Giano

Giano

Dom, 14/02/2016 - 18:02

Leggete questo: http://torredibabele.blog.tiscali.it/2016/02/11/sanremo-bazar-ce-di-tutto-anche-musica/