Il pop fatto con l'iPhone

Lui si chiama Filippo Zironi ma qui è Be a Bear e il suo disco Push-e-bah è assai particolare perché è stato inciso con l'ausilio di un iPhone. Non pensate a stravaganze non commestibili. Nei dieci brani, molti dei quali senza parti vocali, ci sono atmosfere che discendono dal rock ma entrano nei ritmi tribali e nelle atmosfere medio-orientali con un garbo e una inventiva che meritano un ascolto sincero e senza pregiudizi. Time è onirica e lo sgocciolare ritmico di Accelerate potrebbe arrivare da dischi di compositori ben più celebrati. Insomma Push-e-bah non è il disco onanistico di chi sogna soltanto di mostrare le proprie elucubrazioni. È un esperimento di nicchia che porta la musica alla dimensione originaria: una creazione d'arte con mezzi semplici.