Pupo scommette ancora: "Un milione di euro a chi dimostra che ho fatto il lifting"

Il conduttore lancia la sfida al sito Dagospia che lo aveva accusato di essere ricorso al bisturi

Si sa, il sito Dagospia ne dice tante. Ma stavolta a qualcuno non è piaciuto. Si tratta del conduttore e cantante Pupo che dopo aver letto le insinuazioni di Roberto D'Agostino su un suo ricorso ai bisturi per un intervento di lifting facciale, parte all'attacco e torna a scommettere.

"Sono molto felice di aver appreso che mi sarei rifatto e che la mia faccia sarebbe "mutilata dal bisturi" -scrive Pupo sul sito di D'Agostino- Ovviamente la prendo come una battuta non essendomi mai rifatto nulla in vita mia, neanche un millimetro di lifting, a parte la reputazione e un bel pò di patrimonio che ho perduto al tavolo verde. Poiché so che giustamente non ti fidi, anche se ho smesso di giocare, tornerei a farlo: sono pronto a scommettere un milione di euro se trovi una pur piccola prova che io abbia mai usato il bisturi per un lifting in vita mia. Se trovi una sola prova di lifting su di me, sono pronto a pagarti la scommessa perchè fortunatamente negli ultimi tempi ho guadagnato abbastanza bene. Se, invece, per te sono troppi soldi, vorrei almeno rifarmi del corrispettivo di 130 milioni di lire che persi nel 1984 a Saint Vincent da un industriale milanese e che ancora non ho digerito.

Siccome non voglio mandarti in rovina, però, ti dò un consiglio: non dimenticare che in realtà sono un Pupo e la pelle di un pupo è fresca anche a 60 anni. E per questo perderesti sicuramente la scommessa. Quindi -conclude lo showman- non giocare sulla pelle di un pupo".