"Quarto grado" cambia: Sottile lascia Mediaset e da La7 arriverà Nuzzi

Il giornalista chiude in polemica vent'anni di lavoro al Biscione: "Certo, mi aspettavo ben altre scelte..."

Salvo Sottile, l'uomo della cronaca nera televisiva, della prova scientifica, degli omicidi e dei misteri, lascia Mediaset. Dimissioni irrevocabili arrivate ieri mattina, proprio nelle ore in cui a Cologno si stavano mettendo a punto i preparativi per la serata di gala per presentare i nuovi palinsesti della prossima stagione autunno-inverno. Al suo posto, da settembre, arriva Gianluigi Nuzzi, giornalista d'inchiesta, noto per i libri best-seller sul Vaticano, già volto de La7 e, prima, a Libero e al Giornale. Poche ore dopo l'annuncio improvviso (non lo si aspettava proprio ieri) di Sottile, Mediaset ha risposto ufficializzando l'accordo con Nuzzi: entra al Biscione con il ruolo di vice direttore di Videonews, la struttura Mediaset che si occupa dei programmi d'approfondimento. Il suo compito sarà dare una svolta a Quarto Grado, meno cronaca e più investigazione, anche a livello internazionale.

Dunque, il rapporto tra l'azienda di Cologno e Sottile si chiude male. Il giornalista siciliano che ha portato al successo Quarto Grado, lascia l'azienda in polemica, anche se «si dice sereno». In sostanza il conduttore non ha gradito le scelte dei vertici sui cambi di conduzione. Ovviamente lui non ne fa cenno, ma - viste le ottime performance dei suoi programmi - si aspettava un naturale avanzamento professionale, come poteva essere la conduzione di Matrix, il programma di seconda serata di Canale 5 creato da Mentana e poi chiuso dopo l'esperienza di Alessio Vinci. Invece, l'azienda per questo ruolo sta trattando con Luca Telese: anche lui in uscita da La7 (resterà nella rete di Cairo per l'estate al posto di Lilli Gruber) passerà al Biscione a settembre con un contratto quadro, che, forse, prevederà anche Matrix. Dunque, telemercato in fibrillazione: per due volti in uscita da La7 (Nuzzi e Telese), uno lascia Mediaset (Sottile) alla volta della stessa La7, dove potrebbe condurre un nuovo programma di cronaca al mercoledì sera (e Pier Silvio Berlusconi, commentando la vicenda, ieri sera s'è lasciato sfuggire la battuta: «Così Sottile si Parodizza», alludendo alle due sorelle passate da Mediaset a La7).

«Lascio con dolore un'azienda e degli amici - spiega Sottile - che mi hanno dato tanto e ai quali sono e resterò legato, ma credo che nella vita, quando si esaurisce un percorso, bisogna provare altre sfide. Un saluto e un ringraziamento a Fedele Confalonieri, Pier Silvio Berlusconi e Giuliano Adreani per il sostegno avuto in questi anni». Ma non è un po' perfido comunicare la decisione nel giorno dei palinsesti? «Mi sembrava corretto visto che altrimenti avrebbero dovuto annunciare la mia presenza a Quarto Grado, quando invece non ci sarò». In un comunicato, Mediaset dà «il più caldo benvenuto» a Nuzzi, nessun saluto o ringraziamento a Sottile.

Il giornalista siciliano, 40 anni, era entrato a Mediaset a 19 anni: per vent'anni, tranne una parentesi a SkyTg24, nel Biscione ha fatto di tutto, da corrispondente dalla Sicilia alla conduzione del Tg5. Da tre anni presentava Quarto Grado: con le sue ciglie folte, la voce pesante, aveva fatta breccia nel pubblico attratto dalle storiacce di cronaca nera. La particolarità del programma è l'insistenza sulle prove scientifiche e documentali. Ora le provette passano in mano a Nuzzi, che nei programmi d'inchiesta ha già dato ottima prova su La7.

Commenti

Maria Teresa Pi...

Mer, 03/07/2013 - 14:45

Mi spiace molto che Salvo Sottile non conduca più Quarto Grado dal settembre prossimo. Lo vedrei bene a Matrix, è un volto familiare, che ispira fiducia. Non mi piace per nulla Telese. Ha un'aria falsa e da l'impressione di essere il classico tipo che, cambiando datore di lavoro, cambi anche opinione politica...una banderuola al vento alla Casini, tanto per intenderci...