Un Raffaello (forse) ritrovato in Scozia

Gli esperti Bbc attribuiscono al genio di Urbino la «Madonna di Haddo»

Matteo Sacchi

Un quadro di pregio o un vero capolavoro? Sarà la critica a dircelo. Per il momento c'è il sospetto che sia stato ritrovato un nuovo Raffaello. Si tratta di un dipinto raffigurante una Madonna con l'aureola che sino ad ora era stato attribuito a Innocenzo da Imola (1490-1550), che dallo stile di Raffaello si fece abbondantemente influenzare. La tela è da moltissimo tempo custodita in un castello scozzese di proprietà statale, Haddo House, nella contea di Aberdeen. Adesso però un programma tv della Bbc, Britain's Lost Masterpieces («capolavori perduti») ha fatto esaminare il dipinto da due esperti inglesi, Bendor Grosvenor e Jacky Kleine, e ha annunciato l'attribuzione a Raffaello Sanzio (1483-1520).

La Madonna di Haddo, come è stata soprannominata, era stata acquistata per 20 sterline da George Hamilton-Gordon (1784-1860), quarto Duca di Aberdeen e Primo ministro del Regno Unito. All'epoca era in effetti attribuita proprio a Raffaello e, in questa veste, venne esposta insieme ad altre opere del genio del Rinascimento alla British Institution, a Londra, nel 1841. Se questa vecchia attribuzione venisse adesso riconfermata l'opera salirebbe enormemente di valore, attestandosi attorno ai 20 milioni di sterline. Sarebbe anche l'unica opera di Raffaello di proprietà pubblica in Scozia, con grande gioia dei responsabili dei musei scozzesi che sperano nei turisti. Ma nel corso del tempo quell'attribuzione era stata negata da vari esperti, che avevano ravvisato nel quadro la più modesta, ma abile, mano di Innocenzo.

A far cambiare di nuovo idea a Bendor Grosvenor (storico dell'arte esperto soprattutto di Van Dyck) e a Jacky Kleine (esperta soprattutto di arte contemporanea) è stato un recente restauro, svolto nel contesto della realizzazione del programma. «Abbiamo tolto strati di polvere e sporco ed è emerso un lavoro di una bellezza da togliere il fiato», ha detto Grosvenor. I dettagli dell'attribuzione al pittore di Urbino verranno però svelati solo nella trasmissione in onda oggi sulla Bbc. Per ora Grosvenor ha aggiunto solo che la modella, i tratti del volto, il profilo sono chiaramente «raffaelleschi». Ha però ammesso, parlando al Guardian, che: «Non c'è stato il tempo per consultare esperti di Raffaello in giro per l'Europa».

Però questo non è un dettaglio. È probabile che la discussione sull'attribuzione non si chiuda tanto presto. Perché, anche se lo dice la Bbc, prima di accreditare un nuovo Raffaello un po' di dibattito è il minimo...