La RaiTre della Bignardi: ​"Così cambio i talk show"

Bignardi: "Raitre sarà la rete della realtà: e come tutte le reti Rai, forse di più, sarà profondamente di servizio pubblico, quindi dell’inclusione e della sperimentazione"

"Raitre sarà la rete della realtà: e come tutte le reti Rai, forse di più, sarà profondamente di servizio pubblico, quindi dell’inclusione e della sperimentazione. Il pubblico di Raitre è fedele, colto, esigente e, mi si passi il termine, “impegnato”. Ha sempre avuto molto e molto bisogna continuare a dargli con un’offerta viva". Daria Bignardi, in una intervista al Corriere della Sera, annuncia la sua rivoluzione e smentisce che RaiTre sia la rete "di riferimento" del Pd.

"Naturalmente non può esserci un’appartenenza diretta a un’area, soprattutto oggi che siamo usciti dalle divisioni manichee: le sembra facile indicare quali siano i valori esclusivi di un partito o dell’altro? Tutto è uscito dai vecchi confini rigidi e il racconto del Paese, e della politica, deve fluire liberamente...".

E sul cambio conduttore a Ballarò spiega: "Il talk show fiume di tre ore, che ingloba più e diversi temi, è una formula finita, lo disse per primo Michele Santoro che ne fu il fondatore. Massimo Giannini ha avuto il grande merito di tenere dritta la barra di Ballarò in un clima di emergenza. Ma ora occorre cambiare. Io ho avuto poco tempo per decidere. Studiare sperimentazioni richiede tempo, prove, valutazioni. Per rispetto della Rai dovevo andare sul sicuro. Semprini è una certezza professionale e umana. Guiderà una formula da 90 minuti agile, innovativa, in discontinuità coi vecchi talk show interminabili. Capisco l’obiezione di Freccero. Perderemo qualcosa in termini di share, a causa della lunghezza. Ma era tempo di cambiare rotta e credo che sia Rai3 a dover iniziare a farlo".

E sul futuro di Massimo Giannini dice: "Stiamo mettendo a punto una proposta in una collocazione prestigiosa. Credo che per una personalità come la sua possa e debba esserci spazio nella Raitre che ho in mente".

Cambiamenti anche per Fazio: "Tutti i cantieri di Raitre si stanno rinnovando, anche Fazio che lancerà il suo Rischiatutto del giovedì e proporrà una formula ripensata di Che tempo che fa la domenica sera con un ruolo nuovo per Luciana Littizzetto. Il sabato in prima serata arriverà Massimo Gramellini con una classifica delle dieci parole della settimana e un ospite in studio".

Infini sul programma di Gad Lerner "Islam Italia" nega il rischio polemiche politiche: "Sarà l’analisi sul campo di un Islam europeo e italiano in tutte le sue differenze. Altrimenti si parla di Islam solo a causa del terrorismo. Invece quel mondo ci riguarda e dobbiamo comprenderlo".

Commenti

giosafat

Dom, 26/06/2016 - 11:23

Brava, così si fa...e pensare che sui miei telecomandi i canali rai non sono nemmeno memorizzati. Ahi ahi, che mi perderò....

Kamen

Dom, 26/06/2016 - 11:42

Come era prevedibile i sinistri hanno progettato l'islamizzazione della Rai.

Charly51

Dom, 26/06/2016 - 13:17

Certo il pubblico di Rai tre e colto, esigente , impegnato e se mi permette un po comunista ,schierato con paraocchi inglobato . Giusto appunto per ascoltare i vari Fazio ,Lerner,Littizzetto,Annunziata e altri ,tutti a libro paga Rai con mega stipendi.Sempre sicuri di essere dalla parte giusta e con la verità in tasca.Gli altri, quelli che guardano altri canali, tutti stupidi vero...

pastiglia

Dom, 26/06/2016 - 13:56

Cara Bignardi io la RAI non la guardo mai. Quello che mi rode è doverti pagare lo stipendio.

antonmessina

Dom, 26/06/2016 - 15:45

e la sua pupilla nathania zevi e i suoi immondi twit? vogliamo parlarne?

rob.44

Dom, 26/06/2016 - 16:55

ma come si fa a sopportare..una persona simile?? è stato messo li..dal suo cav..quali meriti ha??mentre in rai ci sono tanti giornalisti con le palle...e noi dobbiamo pagare il canone per questi simili personaggi??vergogna infinita..

occhiotv

Dom, 26/06/2016 - 18:01

Sig.ra Bignardi, si ricordi il mio nome "occhiotv", Il suo flop e' gia' aver ripreso Gad Lerner, se lo ricordi!!!!

Ritratto di LANZI MAURIZIO BENITO

LANZI MAURIZIO ...

Dom, 26/06/2016 - 21:50

CHE IL PUBBLICO DI RAITRE MI SEMBRA COLTO E' ESAGERATO, ANZI DIREI CHE UNO CHE GUARDA LA LITTIZZETTO E' FELICE DI STARE NELLA SUA IGNORANZA. COMUNQUE SUL MIO TELECOMANDO HO TOLTO RAITRE COMUNISTA E RETEQUATTRO CON IL TG LETTO DA UN FINOCCHIO. IO SONO ALLERGICO AI COMUNISTI E AI FINOCCHI.

Ritratto di Runasimi

Runasimi

Lun, 27/06/2016 - 00:43

Mi pare che la giornalista Luisa De Montis ripeta una delle favole metropolitane più dure a morire. La storiella stantia che ci racconta del pubblico di RAI3 "colto, esigente e impegnato" è la più sfacciata panzana che i comunisti "democratici di sinistra" siano riusciti a diffondere. Quel che è peggio sono gli allocchi che hanno creduto ed ancora credono a queste favole COME QUELLA PENOSAMENTE RIDICOLA DELLA SUPERIORITÀ MORALE DELLA SINISTRA. Ma quand'è che gli italiani usciranno da questo torpore intellettuale diffuso dai trinariciuti?

Ritratto di pasquale.esposito

pasquale.esposito

Lun, 27/06/2016 - 10:04

UN; PUBBLICO "COLTO ESIGENTE E IMPEGNATO" NON GUARDERÁ MAI RAI3; PERCHE UN PUBBLICO CHE É COSI CAPISCE SUBITO IN CHE DIREZIONE VÁ UN PROGRAMMA DI QUESTO CANALE; É IO HO VISTO 3 VOLTE ANNOZERO E 4 VOLTE BALLARÓ E MI É VENUTO LA VOGLIA DI VOMITARE VEDENDO QUANTA PROPAGANDA KOMUNISTA C;ERA IN QUESTI PROGRAMMI CHE CRITICAVANO BERLUSCONI É SI "DIMENTICAVANO" GLI SCANDALI COLOSSALI DEL PDPCI!É IO NON CREDO CHE LA RAI POSSA CAMBIARE DIREZIONE POLITICA É DIVENTARE UNA TV DI STATO EQUA E NEUTRALE; PERCHE I PADRONI CAMBIANO IERI C;ERANO D;ALEMA E BERSANI; É OGGI CI SONO RENZI; BOLDRINI;BOSCHI E GRASSO A DETTARE LEGGE!.