Red carpet coatto per "Grimsby", l'ultimo film di Sacha Baron Cohen

Sacha Baron Cohen, Il “papà" di alcuni dei personaggi più assurdi del cinema moderno ha stupito tutti presentandosi sul red carpet dell'anteprima del suo ultimo film in mutande e dolcevita

Slip e dolcevita, accappatoio e ciabatte, pistola giocattolo e cibo spazzatura. Sacha Baron Cohen, 45 anni il prossimo 13 di ottobre, si è presentato così al debutto mondiale del suo ultimo film, “Grimsby”, presentato in anteprima assoluta a Londra. L'attore britannico – il padre appartiene ad una famiglia di ebrei della Lituania, la madre è di origini israeliane – ha messo così in scena una delle sfilate sul red carpet più eccentriche e trash di sempre.

Non che ci sia di che stupirsi, considerando a quanto ci ha abituato Sacha Baron Cohen con i suoi personaggi più celebri del passato. Da Borat a Brüno – entrambi giornalisti, kazako il primo e austriaco il secondo – passando per Ali G e Hafez Aladeen – un aspirante gangsta-rapper e il Dittatore del fittizio Stato di Wadiya – l'attore britannico è stato più volte al centro dell'attenzione per l'animo grottesco e coatto delle sue maschere. Con “Grimsby”, infatti, Sacha Baron Cohen si riconferma un abilissimo interprete dei personaggi più assurdi; Nel suo ultimo film, l'attore britannico si cala nei panni appunto di Norman "Nobby" Grimsby, un ottuso hooligan che viene coinvolto dal fratello – un agente segreto – in un delicato incarico.

Sul red carpet della prima mondiale di “Grimsby”, seppur con abiti ben più consoni, ha sfilato con Sacha Baron Cohen anche la moglie e attrice Isla Fisher. Arrivati alle nozze nel 2010 dopo un fidanzamento di quasi 6 anni, la coppia ha avuto tre figli.