Red Ronnie: "A Sanremo il vincitore si decide prima"

"Perché uno vinca Sanremo dipende dai giochi che ci sono dietro, da quanto uno investe, hai tutti questi giri dove si decide prima chi deve vincere"

Dopo circa un mese dalla fine di Sanremo, c'è chi punta ancora il dito contro la kermesse canora. E a farlo è Red Ronnie che in un'intervista a Fanpage.it attacca il mondo della musica e quello del Festival che pesca spesso i suoi cantanti dai talent show: "I talent uccidono la musica, o meglio la soffocano, impedendo ai talenti veri di andare avanti". Red Ronnie è convinto che artisti come De Andrè, Battisti e Gino Paoli, oggi non troverebbe spazio. "Si tratta di un business televisivo", continua, "il talent è il modo più comodo per sfruttare i ragazzi e farci i soldi sopra e se vogliono avere successo devono cantare i brani che gli dai tu".

Prosegue lo showman: "Ora si tende a fare l'artista usa e getta per non dargli la possibilità di crescere perché se cresce rompe i coglioni. Hanno sostituito gli idoli creando dei nuovi idoli vuoti". "Se vuoi fare musica si spengono tutti i riflettori", sostiene l'intervistato e su Sanremo rivela: "Perché uno vinca Sanremo dipende dai giochi che ci sono dietro, da quanto uno investe, hai tutti questi giri dove si decide prima chi deve vincere".

Commenti

joecivitanova

Gio, 17/03/2016 - 19:05

Esatto. Hai tutti questi robot, inventati e costruiti a tavolino prima ed in studio di registrazione poi, con i più sofisticati mezzi elettronici oggi disponibili, che vengono messi sul mercato come e quando lo dice il produttore e tolti o fatti sparire allo stesso modo. 'Nuovi angeli senz'anima'..!! G.