Sanremo, buona la prima: ecco le pagelle dei big

Musicalmente il Festival passa la prima prova. E anche con voti (mediamente) alti. Sotto tono Renga, super Cristicchi e Arisa

Lasciate perdere le polemiche. Quando inizia la musica, il Festival di Sanremo diventa una parentesi nella cronaca e chissenefrega del resto. La prima serata di questa edizione numero sessantanove è stata musicalmente la più concentrata degli ultimi anni. Nessun super ospite hollywoodiano. Niente interventi di comici, a parte quelli dei due presentatori che, anche in versione Quartetto Cetra con Baglioni e Claudio Santamaria, hanno comunque fatto ruotare l’ironia intorno alle note. E anche i due ospiti sono stati inattaccabili. La ‘Fall on me’ di Andrea e Matteo Bocelli è stata intensa, in sostanza un riassunto del bel canto che rende l’Italia inconfondibile nel mondo. Mentre Giorgia, anche in duetto con Baglioni in Come saprei, è stata ciò che oggettivamente diventa un pezzo di musica da ricordare per questa edizione.

Poi ci sono i brani in gara. Qualcuno è sembrato sotto tono, ad esempio Francesco Renga che in ‘Aspetto che torni’ è stato il primo ma non ha convinto tutti, esattamente come Nek e la coppia Nino D’Angelo e Livio Cori, troppo disomogenea per sembrare convincente. E diciamo che non è stata la serata delle coppie. Federica Carta e Shade non sono andati oltre la sufficienza mentre Patty Pravo e Briga ne sono scesi ampiamente sotto, complice anche qualche problema tecnico e un’evidente distonia tra le loro voci. E’ un Sanremo per solisti. L’Argentovivo di Daniele Silvestri con Rancore è stato una vetta della serata, così come Ultimo (candidato alla vittoria e favoritissimo nelle quote Sisal) e l’imprevedibile Achille Lauro. Probabilmente a casa il pubblico di Raiuno sarà stato disorientato da un 28enne con il volto tatuato che canta Rolls Royce su di un riff di chitarra pop punk, ma questo potrebbe essere una delle sorprese di questa edizione. E se non è una sorpresa Simone Cristicchi, il suo ‘Abbi cura di me’ è praticamente una poesia recitata con una intensità da attore. Davvero super.

Anche Arisa ha alzato l’asticella visto che il suo ‘Mi sento bene’ è una reale dimostrazione di bravura con un inciso che, come conferma Mara Maionchi, potrebbe diventare anche un tormentone. Con un solo limite: è talmente difficile da interpretare che l’unica a poterlo fare è proprio Arisa. E dopotutto anche i Negrita sono unici nel loro rock tradizionale, nonostante ‘I ragazzi stanno bene’ abbia un testo significativo ma un ricamo musicale meno riuscito di altri loro classici, specialmente nella parte delle chitarre. ‘Cosa ti aspetti da me’ si è chiesta Loredana Bertè con un brano alla Vasco al quale lei non ha dato una interpretazione all’altezza delle aspettative: troppo lineare, poco teatrale, pochissimo Bertè. Invece la Tatangelo, piaccia o non piaccia, è stata la miglior Tatangelo di sempre a Sanremo, matura e consapevole nell’interpretazione (a proposito, la sua esibizione è stata la duemillesima nella storia del Festival).

E se Ghemon cresce ascolto dopo ascolto (occhio al ritornello ‘Rose viola’), Einar e Boomdabash non si staccano dai rispettivi cliché, così come gli Ex-Otago dimostrano di essere fuoriclasse destinati a un pubblico molto meno popolare di quello del Festival. Invece Mahmood e Il Volo lo fanno. Il primo (applaudito in sala stampa) intercetta con ‘Soldi’ un pubblico giovane, invece ‘Musica che resta’ piacerà soprattutto fuori dall’Italia. Infine, a tarda notte è passato Enrico Nigiotti con la sua voce sognante che forse l’arrangiamento non ha abbastanza valorizzato. Discorso a parte, infine, per Motta che gioca una gara a convincere il grande pubblico più che a vincere il Festival, e per Paola Turci, ormai calibrata nella propria dimensione ideale, quella di chi racconta storie autentiche. Per farla breve, musicalmente il Festival passa la prima prova. E anche con voti (mediamente) alti.

Commenti

francescacastaldo

Mer, 06/02/2019 - 01:59

Giordano ma cosa dici??? Bertè ha dato una interpretazione da brivido e molto Bertè, si parla bene di lei ovunque e tu dici che non è stata all'altezza delle aspettative??' Ma che ti sei fumato??'

senzaunalira

Mer, 06/02/2019 - 05:41

Una delle tante cose belle di San Remo è che distoglie l' attenzione dai problemi reali. Del resto gli spettacoli e lo sport salvano il mondo: Coppi salvò l' Italia dalla guerra civile dopo l' attentato a Togliatti e Orfeo ammansiva le bestie con la sua cetra. Il risultato è lo stesso ai nostri giorni.

Ritratto di Dario Maggiulli

Dario Maggiulli

Mer, 06/02/2019 - 06:49

Stupendi Virginia e Claudio. Vertiginoso look di Paola Turci. Tristissime le ultrasessantenni. Gianna Nannini grande assente. Fermiamoci qui. 6,49 - 6.2.2019

gio777

Mer, 06/02/2019 - 07:20

MAI GUARDATO SANREMO IN VITA MIA ah ah ah

tosco1

Mer, 06/02/2019 - 07:49

Guardo pochissima Tv ed il festival non fa eccezione.Per puro caso, ho sentito la canzone di Cristicchi.Mi e' preso un attacco di tristezza , ho spento tutto e sono andato a letto dalla disperazione.Ora leggo "super Cristicchi". Ed allora mi chiedo:e gli altri che sensazioni avranno dato.?Ma sicuramente dipende da me.

MOSTARDELLIS

Mer, 06/02/2019 - 08:45

Si vede che l'estensore di questo articolo ha visto un altro festival....

Ritratto di giangol

giangol

Mer, 06/02/2019 - 08:56

quanto dura 1 settimana? è un bene, si va a letto presto

montenotte

Mer, 06/02/2019 - 09:08

Alla 14^ canzone ho cambiato canale: sottotono rispetto all'edizione scorsa, troppi stacchi pubblicitari e un Bisio che sproloquia. No, decisamente non mi ha convinto. E le canzoni? Scarse nel complesso con poche eccezioni, molta retorica, troppo rapper poca poesia e armonia. Credo che, salvo poche eccezioni, i cantanti migliori li hanno lasciati a casa. E' il periodo che su altri canali trasmettono ottimi film.

Ritratto di do-ut-des

do-ut-des

Mer, 06/02/2019 - 09:11

Ma come mai i figli degli artisti hanno sempre una scorciatoia?

rudyger

Mer, 06/02/2019 - 09:12

già dalle prime immagini si è visto che Sanremo è tutto fumo e niente arrosto. poi quei due (uno seduto al tavolino) hanno cantato ? bestialità. credo che gli spettatori non abbiano sborsato una lira per assistere a questo spettacolo che offende gli Italiani, quelli veri. Un mese di strombazzate per tirare fuori questa vergogna !

aswini

Mer, 06/02/2019 - 09:15

senzauna lira, di storica memoria Andreotti che di fronte ad una cris, proponeva la nazionale di calcio Comunque spettacolo triste da anni non lo guardo più

Ritratto di Dreamer_66

Dreamer_66

Mer, 06/02/2019 - 09:32

senzaunalira: Coppi??? Era Bartali, non Coppi! E comunque fu Togliatti stesso a frenare l'insurrezione pochi minuti dopo l'attentato, rivolgendosi a Longo e Secchia e dicendo loro «Calmi, non fate sciocchezze».

JAWS2019

Mer, 06/02/2019 - 09:34

Spettacolo vergognoso. A partire dai problemi audio durati tutta la serata, passando per l'impaccio dei conduttori e alle gaffe della Raffaele, arrivando poi ai testi delle canzoni, banali, vuoti e tecnicamente male interpretati. Questo livello di musica e cantanti, è veramente imbarazzante. La chicca è stata vedere che tutti i testi delle canzoni, scorrevano su 3 megaschermi in fondo alla sala. Un professionista ha problemi nell'imparare a memoria un brano di circa 4 minuti? W il KaraSanremo!

giolio

Mer, 06/02/2019 - 09:36

dopo 3 canzoni e un paio di castronerie dei conduttori ho cambiato su You Tube e come dice il proverbio i gusti sono gusti

oracolodidelfo

Mer, 06/02/2019 - 10:41

Illustre Giordano, super Arisa? Ma cosa ha guardato e sentito? A parte i Bocelli, la prima serata è stata un flop colossale. Dai conduttori, ai disguidi tecnici ed ai ......giornalisti che commentano. Dov'è finita la melodia della canzone italiana? Ma levatevi di torno!

ben39

Mer, 06/02/2019 - 12:12

Concordo sul voto medio alto, promette bene contro tutte le aspettativo, sul palco si prova il filing...

cgf

Mer, 06/02/2019 - 13:37

imho vince a PIENI VOTI A GIORGIA, Baglioni poteva evitare di cantare e limitarsi a suonare (meglio).

frabelli1

Mer, 06/02/2019 - 14:15

Un Cristichi, secondo me, molto problematico e complessato. Mi ha fatto molta pena e la canzone, più che altro parlata, l'ho trovata noiosa. Arisa invece, è stat brava, simpatica gaia e briosa. La voce non le manca e l'interpretazione molto divertente.

oracolodidelfo

Mer, 06/02/2019 - 14:40

cgf 13,37 - Giorgia ha una voce meravigliosa, forse meglio di quella di Whitney Houston. Perde molto quando si lascia andare in inutili ed infelici "birignao" e leziosità, come ha fatto ieri sera, prima e durante il duetto con Baglioni, il quale, se stava zitto era meglio.

Ritratto di do-ut-des

do-ut-des

Mer, 06/02/2019 - 16:53

Ma si canta o si parla? Rep rep