Santoro e Al Jazeerasbarcano su La7?

Al Jazeera sarebbe interessata all'acquisto di La7. E il gruppo TI Media avrebbe fatto una maxi offerta a Santoro. Che però temporeggia

C'è aria di cambiamento a La7. Da un parte il possibile approdo di Santoro, dall'altro il possibile arrivo di Al Jazeera. Oggi è prevista la scadenza per le manifestazioni d'interesse preliminari sulle attività di Telecom Italia Media.

Come anticipato dal Sole24 ore, "Mediobanca e Citigroup – i due advisor scelti dall'azionista Telecom Italia che hanno inviato nelle scorse settimane ai potenziali interessati i "teaser", cioè i documenti con le informazioni di base della società – dovrebbero ricevere infatti entro oggi la disponibiltà a valutare l'operazione".

Insomma, è il giorno della verità. Oggi forse si capirà quale azionista è disposto seriamente a considerare l'operazione di acquisto. Tra quelli potenzialmente interessati ci sono Sky Italia, la controllata italiana dell'impero del magnate australiano Rupert Murdoch, Discovery Channel, ma anche Al-Jazeera, la Cnn del mondo arabo vicina a Tarak Ben Ammar, l'uomo d'affari franco-tunisino e presente nel Cda di Telecom Italia. 

La vendita della controllata di Telecom Italia non sembra però cosa semplice. Perché ci sono in gioco anche aspetti di tipo politico ed economico, in vista delle prossime elezioni politiche.

L'altro tema che tiene banco in questi giorni è l'eventuale approdo del conduttore di Annozero. Secondo indiscrezioni, TI Media avrebbe fatto a Santoro un'offerta che non si può rifiutare e lui si sarebbe lasciato ammaliare. L’azienda, guidata da Giovanni Stella, avrebbe messo sul piatto una cifra notevole, strappando un accordo verbale al giornalista, ma la firma non ci sarebbe ancora e i contatti con Sky non sarebbero stati interrotti.

Santoro fornirebbe un programma prodotto dalla sua Zerostudiòs, che si alternerebbe il giovedì sera con Piazzapulita di Corrado Formigli. I dettagli verranno resi noti il 5 luglio, giorno della presentazione dei palinsesti di La7.

Al momento però manca la firma. E non è escluso che Santoro voglia ancora considerare la possibilità di tornare alla Rai, approfittando della casella ancora libera il giovedì sera su Rai2. Le trattative, in vista del voto di martedì prossimo in Commissione di Vigilanza Rai per il rinnovo del cda, sono in corso.

Insomma, con Santoro non si può dar nulla di scontato. Così come non è improbabile che il conduttore di Annozero, prima di prendere una decisione irrevocabile, stia al palo a vedere chi saranno i soggetti che compreranno La7.

Commenti
Ritratto di Mario Galaverna

Mario Galaverna

Ven, 22/06/2012 - 14:02

La7: o Santoro o Al Jazeera, o tutti e due. Chissà perchè non mi sorprende. Trattasi di affinità elettive.

yula

Ven, 22/06/2012 - 15:21

bella accopiata, sarebbe il max per santoro ahhhhhhhhhhhhhhhh

giuliana

Ven, 22/06/2012 - 15:45

Tutto quanto puzza di islam mi disgusta per cui sarà questo il motivo per il quale cambierò gestore della linea telefonica. I seguaci di maometto arrivano qui come morti di fame e i governi italiano ed europeo ci costringono a mantenerli. Perchè noi e non i paesi arabi, visto che i soldi per le moschee e per i canali satellitari non mancano? Quanti immigrati pagano il canone rai all'Italia pur possedendo televisori?

c12c34c

Ven, 22/06/2012 - 16:09

Santoro+Al-jazeera? Sarebbe un capolavoro. Michele un giornalista di assalto e Al-jazeera non mette limite di liberta'

Ritratto di marforio

marforio

Ven, 22/06/2012 - 16:28

Ormai questo demente puo interessare solo ai beduini,mamelucchi, berberi, e nomadi del sahara. Anche se penso a qualche connetion gia negli anni passati. Non conosco un sinistroide che da giovane non fosse magari amico di al Fatah.Meglio sarebbe se prende possesso una oasi e ci rimane.

routier

Ven, 22/06/2012 - 18:29

E, quando avverrà, io cancellerò "La 7" dal decoder invitando parenti,amici e conoscenti a fare altrettanto.

baio57

Ven, 22/06/2012 - 18:30

L'inquisitore ossigenato una volta fatta crescere la barba , con la kefiah sul capo ,eccolo diventare un perfetto " mullah ", pronto per le sue requisitorie su Al -jazeera contro l'occidente , la chiesa e......naturalmente il miscredente infedele Berlusca .

FRANCO1

Ven, 22/06/2012 - 20:04

Un matrimonio perfetto!!! Ora avremo una vera TV mullah.....chissà come andrà a finire con gli arabi quando gli verrà in mente di dirne male!!!!

prodomoitalia

Ven, 22/06/2012 - 20:05

Magari sant'oro ed al-jazeera sbarcassero sulla luna ....e ci restassero ! Andrei ad accendere un mega cero nella moschea più vicina ! No, non ridete! Per me.......... un grandissimo rischio ! Chi mi accompagna ???

andrea24

Ven, 22/06/2012 - 21:05

Al Jazeera è il peggio,è una televisione di popolo,di propaganda,uno strumento di sovversione,tanto da beffare persino la tv di Stato cinese. Arriverebbero per "Sant'oro" anche i petrodollari dell'oro nero.

c12c34c

Ven, 22/06/2012 - 22:17

Come mai i giornalisti di sinistra si spostano facilmente da tv e giornali ad altri tv e giornali? Come mai i giornalisti di sinistra non hanno mai problemi a trovare lavoro? Come mai i giornalisti di sinistra sono strapagati? Certo che se invece Berlusca molla i suoi servi li troveremo tutti i giorni alla stazione di Milano e d'intorni.

Ritratto di Runasimi

Runasimi

Sab, 23/06/2012 - 01:40

Di una cosa non si sono ancora resi conto i proprietari delle TV sinistreggianti. I vari programmi come quelli di Santoro sono in calo di interesse e la loro ripetitività ha ormai stufato. E' un fenomeno solo italiano perché da noi ci sono ancora un sacco di trinariciuti che hanno bisogno di avere la certezza di sentirsi intelligenti. Cosa che realizzano appunto guardando quei programmi. Il successo dei grillini è la campana da morto per la noia inconcludente di quei programmi.

Frank Perone

Sab, 23/06/2012 - 08:23

Sicuramente meglio,Santoro e AL Jazeera,che mafia e corruzione