Sergio Friscia imita Pino Daniele al "Tale e Quale Show": la rete insorge

L'imitazione di Se mi vuoi scatena asprissime critiche

Doveva essere un omaggio fatto in “punta di piedi” ma l'esibizione di Sergio Friscia nei panni di Pino Daniele, durante la trasmissione di Rai Uno "Tale e Quale Show”, ha alzato un polverone, soprattutto tra gli utenti di Twitter che non hanno accolto con benevolenza l'imitazione, messa in scena per il brano "Se mi vuoi" insieme a Elena Di Cioccio, per l'occasione nei panni di Irene Grandi.

Giudizio unanime da parte di Carlo Conti e della giuria: complimenti per le capacità a Friscia, con tanto di Gigi Proietti che cha commentato così la performance: «In qualche momento l'ha acchiappato proprio, vocalmente e dal punto di vista dell'espressione... straordinario!»; oltre agli applausi, lo scorso sabato Friscia ha portato a casa ben 60 punti conquistando il primo posto e la conseguente vittoria della seconda puntata dello spettacolo, battendo il Tiziano Ferro del comico Francesco Cicchella. Immediata è stata la replica da parte del popolo della rete: pareri fortemente discordanti rispetto alla classifica finale, hanno immediatamente fatto gridare allo scandalo per quella che da alcuni è stata addirittura etichettata come un'“indegna pantomima”, non all'altezza del ricordo ancora fresco e vivo del cantautore scomparso lo scorso 5 gennaio.

In pochi secondi, i commenti positivi sono stati coperti dalle grida di indignazione da parte dei tweet degli utenti; tanti sono stati i toni utilizzati, dai sarcastici appunti come «Una #IreneGrandi con i capelli non lavati e un #PinoDaniele stonato/castrato più del dovuto. Eresia!», fino ai cinguettii più diretti e accesi «Adesso va bene tutto… ma toccare Pino Daniele è un immenso colossale NO!» e «Pino Daniele si rivolta nella tomba», solo per citarne alcuni. Molti frequentatori della piattaforma dei 160 caratteri hanno inoltre evidenziato come fosse ancora troppo presto per poter, seppur in maniera bonaria e con i migliori intenti, ricordare l'artista con un'interpretazione in forma di imitazione, assegnandogli inoltre il primo posto al convincente Cicchella, coperto dall'ombra dell'indimenticato cantante e musicista partenopeo.

Commenti
Ritratto di mvasconi

mvasconi

Lun, 21/09/2015 - 14:43

Indipendentemete dal contenuto dell'articolo (di cui poco mi importa) segnalo al redatto che il superlativo assoluto di aspro non è asprissimo, bensí asperrimo... Mah!

Ritratto di gzorzi

gzorzi

Lun, 21/09/2015 - 15:07

Quanti cinguettii inutili dei soliti nullafacenti.

Ritratto di pipporm

pipporm

Lun, 21/09/2015 - 15:12

Mi piacerebbe sapere chi sono gli autori dei twitter (e non twitt). Eppure in passato ci sono state imitazioni/omaggio di artisti di ben altro calibro, basta citare Maria Callas e Whitney Houston, nonchè Joe Cocker nella stessa puntata. I soliti provinciali?

Ritratto di pipporm

pipporm

Lun, 21/09/2015 - 15:12

Mi piacerebbe sapere chi sono gli autori dei twitter (e non twitt). Eppure in passato ci sono state imitazioni/omaggio di artisti di ben altro calibro, basta citare Maria Callas e Whitney Houston, nonchè Joe Cocker nella stessa puntata. I soliti provinciali?!?

thelonesomewolf97

Lun, 21/09/2015 - 15:19

Segnalo al Mvasconi che dire asprissimo non è errore (v. Accademia della Crusca). Generalmente, questo aggettivo segue la forma latina (asperrimus)ma, ripeto, non c'é errore.

Totonno58

Lun, 21/09/2015 - 16:00

Pino è di tutti, piantatela di fare polemiche inutili..la sua ARTE IMMENSA sgorgava dalla sua profonda umiltà...sapete come risponderebbe a chi si scandalizza di un innocente omaggio?Così: https://www.youtube.com/watch?v=QQX3YgykSW8

diegom13

Lun, 21/09/2015 - 16:25

Il fatto che l'Accademia della Crusca ammetta forme ormai diffuse non esenta il giornalista dal dovere di scriver bene, evitando certi orrori. In una lingua eufonica come l'Italiano, l'orrore è peggio dell'errore.

Palladino

Lun, 21/09/2015 - 16:55

Una trasmissione di pessimo gusto. Sembra di entrare al museo delle cere.E poi sto Carlo Conti te lo ritrovi ovunque.Sarebbe ora di cambiare.

Anonimo (non verificato)