Lo Stato sociale decide per l'auto-censura: niente "cog....i"

Simpatica scelta della band che decide di autocensurarsi cambiando le lettere del testo di "Una vita in vacanza". Niente parolaccia per rispetto ai bambini dell'Antoniano

Simpatico gesto della band Lo Stato sociale che per il duetto con Paolo Rossi e il Piccolo Coro dell'Antoniano sceglie di autocensurarsi. La canzone che portano al Festival, "Una vita in vacanza", contiene infatti una parolaccia, l'unica di tutta la kermesse sanremese, "cogl....". Questo fatto aveva creato un certo imbarazzo nella band per la presenza sul palco dei bambini del Piccolo Coro dell'Antoniano. La band aveva deciso di edulcorarlo per non offendere i bimbi del Coro e così sul palco la frase incriminata è diventata "'nessuno che rompe i palloni". Una simpatica gag per il gruppo composto da Alberto Cazzola, Lodovico Guenzi, Alberto Guidetti, Enrico Roberto e Francesco Draicchio che hanno deciso di rallegare, ancora una volta, lo spettacolo del Festival.