Sublime ironia di Beethoven

Le «nove» di Beethoven, paradigma del sinfonismo classico, hanno assunto nei secoli dimensioni titaniche. Giovanni Antonini con l'Orchestra da Camera di Basilea ci dimostra il contrario: bastano fantasia interpretativa, cura dell'intonazione, vigore ritmico. Antonini, direttore magnifico, ci mette farina del suo sacco, coniugando leggerezza e incisività, chiarezza e impeto, e sublime ironia, quella che a Beethoven scendeva da F.J.Haydn.