TAGLI AGLI INCENTIVI FISCALI SUL CINEMA Agis e Anica: «Ridateci il tax credit o bloccheremo i festival»

«Il governo ha tagliato del 50% gli incentivi fiscali al cinema. Smentendo le sue affermazioni programmatiche e gli impegni pubblici presi personalmente dal Presidente del Consiglio, ha operato un taglio smisurato». La denuncia è di Anica, Agis, 100autori e Slc-Cgil, Uilcom-Uil, Fistel-Cisl. «Si ristabilisca il livello di finanziamento del tax credit o reagiremo con tutte le nostre forze e i nostri mezzi, incluso il blocco delle manifestazioni e dei festival». «Questo taglio si aggiunge a quello apportato al FUS che ha comportato nell'anno scorso la più bassa incidenza percentuale dei fondi pubblici a favore del cinema. Il risultato sarà un crollo della produzione: si realizzerà solo qualche commedia e un pò di film a basso costo. Con una perdita di posti di lavoro valutabile nell'immediato in 2.500 unità, più l'indotto, che è vastissimo», spiegano ancora Anica, Agis, 100 autori, e sindacati di settore.