L'errore della Netrebko alla prima della Tosca: ​lo supera con eleganza

Durante la prima al Teatro alla Scala di Milano, il soprano Anna Netrebko è inciampato in un errore che ne avrebbe potuto compromettere l'esibizione ma così non è stato; applausi a scena aperta per lei in teatro e grandi complimenti dal pubblico a casa

La prima del Teatro alla Scala di Milano è stata un successo. Sono stati numerosi i complimenti per l'allestimento della Tosca di Puccini del Maestro Riccardo Chailly e del regista Davide Livermore. Il pubblico in sala ha dedicato ben 16 minuti di applausi alla fine del terzo atto e anche le personalità presenti si sono dette entusiaste del risultato. Ovazione per Anna Netrebko, protagonista del melodramma, che ha ricevuto grandi onori nonostante una sbavatura sul finire del secondo atto.

Il soprano russo, naturalizzato austriaco, ha incantato il Teatro alla Scala con la sua eleganza e potenza vocale. Nel finale del secondo atto, dopo una delle più famose arie dell'opera pucciniana "Vissi d'arte", il pubblico non ha potuto fare a meno di concederle un lungo applauso. Gli artisti hanno dovuto attendere qualche minuto prima di riprendere la messa in scena. Ed è poco dopo che si consuma quello che, teatralmente parlando, sarebbe potuto essere un dramma. Anna Netrebko si deve rivolgere al perfido Scarpia e dirgli: "Voglio avvertirlo io stessa." Il soprano, però, si dimentica la battuta e ripete la frase precedente: "Chi m'assicura?" Una lieve sbavatura che avrebbe potuto compromettere l'intero spettacolo ma che, invece, quasi non è stata notata dalla platea, che le ha dedicato un altro lunghissimo applauso alla fine dell'atto.

Da casa l'errore è stato maggiormente apprezzato grazie alle telecamere della Rai che hanno coperto dell'evento. La lieve incertezza di Luca Salsi, il baritono che ha interpretato il perfido barone Scarpia, e la smorfia di Anna Netrebko non sono passati inosservati. Il cosiddetto “loggione” di Twitter non si è potuto esimere dal commentare l'errore ma senza condannare l'esibizione di Anna Netrebko, considerata suprema. "In quel momento mi sono sentita mancare per lei...", "L'eleganza di uscire dall'impaccio con due sguardi", "Errore perdonabilissimo, quasi trascurabile per la velocità e la relativa scioltezza con cui sono andati avanti", sono solo alcuni dei commenti ammirati per il soprano.

Anna Netrebko è considerata una delle ultime dive dell'opera mondiale e per lei quella di ieri era la quarta prima del Teatro alla Scala. Un palco difficile, un evento fortemente legato alla tradizione, sul quale si sono posati gli occhi del mondo intero. Il soprano è stato omaggiato e incensato per la sua interpretazione, nonostante la Tosca non sia uno dei suoi personaggi preferiti. "Sono felice e onorata: penso che quello di stasera sia stato un successo per tutti. Quindi congratulazioni Milano, congratulazioni alla Scala e congratulazioni a tutti", ha detto Anna Netrebko al termine dello spettacolo. La sua reticenza nei confronti della protagonista è emersa anche durante il colloquio con i giornalisti al termine della prima, quando ha rifiutato qualsiasi similitudine con Flora Tosca: "Sono un'attrice e ho cercato di interpretare. Non è un esempio una donna che uccide un uomo."

Commenti

giovanni235

Dom, 08/12/2019 - 10:36

Ho visto tutta la Tosca,nonostante lo spettacolo fosse un po' rovinato dalla presenza di Franceschini e Lamorgese.Ci fosse stato anche Fico avrei scelto di cambiar programma.

VittorioMar

Dom, 08/12/2019 - 11:07

..non e' stato un ERRORE ma una RIPETIZIONE e i MELOMANI HANNO APPREZZATO !!!...W PUCCINI...W GIACOSA e ILLICA..W l'ARTE E LA CULTURA ITALIANA NEL MONDO !!..e come dice TOSCA,VISSI d'ARTE VISSI d'AMORE almeno per un giorno parliamo di ARTE e CULTURA...!!

Ritratto di tomari

tomari

Dom, 08/12/2019 - 11:46

Ad Anna Netrebko, sembre bravissima, preferisco la mezzosoprano Elina Saranča...

Ritratto di alfredido2

alfredido2

Dom, 08/12/2019 - 11:54

Uno spettacolo emozionando : tutto perfetto .

Ritratto di dlux

dlux

Dom, 08/12/2019 - 15:38

Se vado controcorrente ve la prendete? Io ho trovato, al contrario, diverse pecche. Intanto, per fortuna, mi sono perso l'apertura con l'ovazione a Mattarella...Ho evitato di rovinare il TV con una scarpata. A voi, al di là della prestazione sufficiente dei lirici, l'allestimento scenografico è piaciuto? A me no, anzi. La scelta dei costumi è a dir poco discutibile, i colori, lo stile; il costume di Tosca inqualificabile per l'accostamento dei colori. L'ambientazione ha rovinato gli effetti della scena madre (e rilucevan le stelle), dove generalmente io ho minimo i brividi, e che stavolta non mi ha fatto né caldo né freddo. Patetica la scena finale. La gente ha applaudito, forse, in gran parte per ipocrita ignoranza o mancanza di preparazione o per giustificare la spesa sostenuta. Un po' quel che avviene agli spettacoli di Bocelli.

Kupo

Dom, 08/12/2019 - 17:09

In apertura...ovazione al presidente ZTL