Terrore per Giorgio Mastrota: "Mia figlia era in Nepal durante il terremoto"

Natalia Mastrota al momento della scossa si trovava sull'Himalaya. La figlia di Giorgio, avuta dal matrimonio con Natalia Estrada, ha 19 anni ed è una scialpinista

Dopo la paura lo sfogo. Giorgio Mastrota parla di sua figlia che ha rischiato la vita durante il terremoto che ha colpito il Nepal. Natalia Mastrota al momento della scossa si trovava sull'Himalaya. La figlia di Giorgio, avuta dal matrimonio con Natalia Estrada, ha 19 anni ed è una scialpinista.

La ragazza era partita per una spedizione , poi la grande paura per il sisma. Così il padre adesso parla della paura vissuta a casa quando cominciavano ad arrivare le prime notizie dal Nepal: "E' stata mia figlia a telefonarmi prima ancora che la notizia venisse diffusa dai telegiornali - racconta Mastrota a Top - Mi ha chiamato per dirmi quello che stava succedendo, ma anche per rassicurarmi sul suo stato di salute. Fortunatamente, per lei non c'è stata nessuna conseguenza, ma tanta angoscia. Ora sta bene, ma naturalmente è sconvolta per quello che vede intorno. C'è distruzione ovunque, le case si sono sbriciolate come burro e poi lì si usa bruciare i cadaveri: ci sono pire di corpi bruciati per strada e non è certo una bella esperienza da vivere. Natalia era lì per partecipare ad una spedizione italiana sul Lothse, la quarta montagna più alta della Terra. E' una grande appassionata di scialpinismo e pochi giorni prima del sisma ha scalato i suoi primi settemila. Fino a due giorni prima era al campo base, poi è scesa a Lukle, la cittadina a metà strada tra l’Everest e Kathmandu, e lì è rimasta fino all’arrivo dei soccorsi. Ora aspetto che mi dicano quando partirà in aereo per tornare in Italia. Non vedo l’ora di andare a prenderla all'aeroporto appena torna a casa. Ho provato molta ansia, ma ora sono rassicurato dal fatto che sono arrivati là molti soccorritori italiani, tra cui alcuni amici".