Thomas Gibson allontanato dal set di "Criminal Minds" dopo una lite

La CBS, il canale televisivo che trasmette la serie negli Stati Uniti, è stata avvisata dall'agente del produttore, e ha deciso di punire l'attore

Guai per la nuova stagione di "Criminal Minds" che al momento ha perso il suo protagonista, l'attore Thomas Gibson, sospeso dal canale televisivo dopo una violenta rissa scoppiata sul set, proprio mentre si girava un episodio della prossima stagione.

L'attore, che è protagonista da dodici stagioni della serie di successo sulle menti criminali, è stato sospeso dallo show per almeno due episodi dopo un litigio con uno dei produttori.

Dalle notizie che sono trapelate dal set, l'attore, mentre ricopriva il doppio ruolo di attore e regista di un episodio della nuova stagione, abbia avuto una lite creativa con uno dei produttori. Ad un certo punto i toni del diverbio si sarebbero scaldati e la tensione è arrivata alla stelle fino a quando l'attore non ha colpito il produttore, dandogli un calcio.

La CBS, il canale televisivo che trasmette la serie negli Stati Uniti, è stata avvisata dall'agente del produttore, e ha deciso di punire Thomas Gibson, con una sospesione dal lavoro per almeno due settimane.

Inoltre, sempre da quanto di apprende, pare che all'attore sarà anche impedito di tornare alla regia nella nuova stagione.

L'attore ha cercato di difendersi, sostenendo di di aver reagito al comportamento aggressivo del produttore, "c'è stato un disaccordo creativo" ha dichiarato "mi dispiace per quanto è accaduto. Vogliamo lavorare tutti insieme come una squadra per fare di Criminal Minds il miglior show. Lo abbiamo sempre fatto e lo faremo sempre".