Valeria Golino: "Chiara Ferragni? Tanto di cappello a chi fa soldi sulla vacuità"

Valeria Golino commenta la partecipazione di Chiara Ferragni al Festival del cinema di Venezia: "È stato sdoganato un comportamento che fino a pochi anni fa ritenevano tutti volgare"

Al Festival del Cinema di Venezia 2019 Valeria Golino è presente con tre film non in gara e, riguardo i presenti alla Mostra di questa stagione, ha qualcosa da dire, soprattutto quando si parla di Chiara Ferragni.

Unica attrice italiana ad aver vinto due volte la Coppa Volpi, Valeria Golino ha scelto di dedicarsi alla regia solo negli ultimi tempi per “un senso di inadeguatezza, per una sorta di auto-censura di noi donne, perché non mi ritenevo all’altezza”. Poi, però, ha sfoderato tutto il suo talento dietro la macchina da presa perché crede “nel talento e non nelle quote” e, alla fine, ha avuto ragione. Dopo tantissime esperienze, anni di gavetta in Italia e in America, la Golino è riuscita ad affermarsi e, oggi che sfila ancora una volta sul red carpet di Venezia, si trova ad essere circondata da qualcosa – o qualcuno – di cui proprio non riesce a comprendere la presenza in una determinata occasione.

Senza troppi giri di parole e frasi fatte, infatti, Valeria Golino ha commentato la partecipazione di Chiara Ferragni al Festival del cinema per la presentazione di “Chiara Unposted“, documentario diretto da Elisa Amoruso. Intervistata dal Corriere della Sera ha spiegato: “È un mondo a me sconosciuto, quello della influencer”. “Tanto di cappello a chi fa soldi sulla vacuità, ma non avendo né Instagram né Facebook, non so nemmeno come funziona ‘sto lavoro, non so cosa sia – ha continuato, sottolineando di non aver nulla a che fare col mondo social e di non capirne le dinamiche - . È stato sdoganato un comportamento che fino a pochi anni fa ritenevano tutti volgare. E ora ci sembra del tutto normale”.