La verità sul caso Harry Quebert: amore e altri misteri

La verità sul caso Harry Quebert: Patrick Dempsey al centro di una storia d’amore proibita con omicidio

Nel genere crime delle serie tv c’è un nuovo titolo: La verità sul caso Harry Quebert.

Si tratta di una miniserie trasmessa in Italia da Sky e che tra i suoi protagonisti ha Patrick Dempsey, di ritorno in una serie tv dopo Grey's Anatomy. La storia che i dieci episodi ci raccontano è tratta dal libro di Joël Dicker del 2012, il quale dopo il grande successo in termini editoriali si appresta a trovare una conferma in questa nuova versione.

La verità sul caso Harry Quebert mescola elementi noti a colpi di scena a volte prevedibili e a volte no, riuscendo tuttavia ad essere un convincente racconto giallo. Harry Quebert è uno scrittore di successo e professore universitario, vive a Sommerdale, in una bellissima casa sull’oceano e nasconde dentro di sé solitudine e segreti. Siamo nel Maine, patria di Stephen King, con boschi e diner quali elementi distintivi della storia.

Marcus Goldman è un giovane scrittore, un tempo allievo di Harry Quebert ed ora, dopo un primo grande libro di successo, ha il classico blocco dello scrittore. Per riuscire a scrivere il suo secondo libro, ma soprattutto confermare il successo del primo, decide di frequentare nuovamente il suo mentore e amico Harry Quebert, facendogli visita per alcuni giorni a Sommerdale.

L’eccessiva curiosità di Marcus e il caso fanno riemergere nella mente di Harry Quebert un amore perduto e proibito, si tratta della quindicenne Nola Kellergan. Non è solo un ricordo, questo diventa realtà quando il corpo di Nola viene trovato nel giardino di Quebert con in mano una copia del libro che lo ha reso famoso: Le origini del male. Immediatamente l’arresto di Harry Quebert e quindi le ricerche di Marcus per cercare di scagionarlo.

La serie si svolge su due fronti: il presente, ambientato nel 2008, con il ritrovamento del corpo di Nola, l’arresto di Quebert e la stesura del libro di Marcus, il quale nel cercare di scagionare l’amico ritrova la sua vena creativa, a cui si alterna il passato, grazie ai numerosi flashback degli anni ‘70 con l’arrivo di Harry Quebert a Sommerdale, la storia d’amore tra lui e Nola e la successiva scomparsa della giovane. Trait d’union dei due livelli temporali è il mistero che avvolge il personaggio di Nola, la sua storia pregressa, l’amore proibito con Harry Quebert e quindi la sua sparizione.

La serie si pone così in quella branca del genere crime più vicina a storie come True Detective, senza arrivare ai suoi livelli chiaramente, Big Little Lies e The Affair. I toni del racconto e la sua narrazione rendono La verità sul caso Harry Quebert simile ai sopracitati crime, tenendola a debita distanza da altri titoli come Riverdale, il quale nonostante location simili è una serie tv meno raffinata ed orientata ad un pubblico più giovane.