Lo Spezia cattura un punticino ma adesso deve vincerle tutte

Parte bene, coglie un palo, subisce un gol che viene annullato per fuorigioco e poi controlla la partita portandosi via un punto che alla fine serve poco. Al San Filippo di Messina finisce 0 a 0 con gli aquilotti che fanno un timido passo avanti in classifica mentre le altre tornano a correre. Vibrante l'inizio. Al 4' Santoni salva su colpo di testa ravvicinato di Schetter. Replica Herzan al 9', tiro bomba e traversa. Poi Di Vicino prova il suo show: un paio di conclusioni da lontano e corner velenoso che dà l'impressione del gol. Nella ripresa ancora Herzan protagonista con una bomba dalla distanza. Brivido al 22' quando Lazzari coglie la traversa e poi viene annullato un gol di Degano per off side. Ha detto Roberto Quber, presidente dello Spezia. «La salvezza sul campo rimane un tassello determinante nell'operazione che stiamo attuando. Solo la permanenza in categoria potrebbe assicurare il futuro alla società bianca». Rimangono tre partite da vincere, altrimenti sarà serie C.
Santoni: 6.5 sicuro e tranquillo, sembra tornato quello di prima. Decisivo all' inizio sul tap in di Schetter.
Camorani: 6 il tuttofare torna in difesa anche se a centrocampo si esprime meglio.
Tedecshi: 4.5 per due volte scivola e per gli avversari si aprono ampie praterie. Per sua fortuna i compagni lo aiutano. Nella ripresa barcolla tremendamente.
Bianchi: 6 l'ammonizione gli costa la prossima partita e mezzo punto in pagella. Copre le amnesie di Tedeschi.
Gorzegno: 6 ha cercato di coprire e lo ha fatto molto bene. Un paio di volte è arrivato anche al tiro.
Herzan: 7 ha un conto aperto con la fortuna: una traversa a Verona e un palo a Messina. Deve continuare a provarci. (39' s.t. Fernandez: s.v. troppo poco tempo per lui).
Romondini: 6.5 in progressione. Quando la squadra soffre arretra in difesa e cerca di fare l'interdittore riuscendovi con successo.
Padoin: 6 si rivede dopo un lungo stop. Della sua esperienza lo Spezia ha sempre bisogno.
Di Vicino: 6.5 Soda lo schiera regista e nel ruolo sembra essere a proprio agio. Cerca sempre il gol con i suoi tiri dalla distanza. Ci prova anche dal corner.
Eliakwu: 5.5 i difensori del Messina devono aver studiato bene i dvd delle partite scorse. La sua corsa devastante ieri al San Filippo non si è vista. Era francobollato. Più reattivo nella ripresa e gli avversari puntano sulle sue gambe. (dal 23' s.t. Zizzari: 5.5 cerca subito il rigore e si busca un giallo. Nel finale cerca prova il tap in e il pallone è respinto sulla linea).
Guidetti: 5.5 la difesa del Messina lo imbriglia a dovere. Non sfrutta un bel pallone a metà ripresa.
Soda: 6.5 ruota uomini e moduli con disinvoltura. Ieri è tornato al rifinitore dando le chiavi del gioco a Di Vicino. La scommessa più grande era quella di "rigenerare" il gruppo dopo lo schiaffo di Verona, contro il Chievo. Sembra esservi riuscito, la classifica però resta da allarme rosso e il conto alla rovescia segna meno tre.