Spezia a Fermo per spiccare il volo

Enrica Suzzi

da La Spezia

Un'intera stagione negli ultimi 360 minuti. E una fetta da giocarsi contro una formazione già retrocessa.
Lo Spezia si prepara al rush finale cercando di capire se può conquistare quella serie B che manca dal 1951 direttamente nella regular season o se, ancora una volta, dovrà provare a farlo - ma in passato è sempre andata male - passando per i play-off. Lo Spezia, per tentare la prima strada, deve solo vincere, e lo sa. Per questo già stasera, al «Bruno Recchioni» di Fermo, contro una Fermana già in C2, è obbligatorio conquistare i tre punti.
Il tecnico Antonio Soda, che all'esordio in C1 ha già comunque raggiunto ottimi risultati ed è osservato speciale di società di seire B, predica la calma per questo testa-coda nel quale solo lo Spezia ha da perdere qualcosa.
«È controproducente dare per acquisisti i tre punti ancor prima di aver giocato, nelle giornate precedenti abbiamo speso molte energie sia fisiche che nervose, quindi occorrerà la massima concentrazione. Lo Spezia dovrà comunque scendere in campo con la stessa determinazione mostrata nelle ultime gare di campionato, Fermo è una tappa fondamentale per le nostre ambizioni».
Queste le ultime parole rilasciate dal mister ex Sanremese prima di partire per Fermo. Non scioglie, invece, i dubbi sullo schieramento. Rubini potrebbe essere confermato in porta per permettere il pieno recupero di Rotoli. In difesa probabile l'utilizzo di Bianchi, Fusco, Maltagliati e Groppi (quest'ultimo al posto dello squalificato Gorzegno). Saverino sarà il play-maker, con Giuliano e Ponzo sulle fasce. Alessi dietro le punte, Guidetti e Varricchio.
L'incontro, che avrà inizio alle 20,30, sarà diretto da Mannella di Avezzano. I tifosi al seguito saranno poche centinaia, vista la distanza e l'orario in giorno lavorativo.
Inutile dire che sarà una partita giocata con le orecchie tese verso «Marassi» dove gli aquilotti sperano che il Monza dell'ex bandiera spezzina Gianluca Coti tiri uno scherzetto al Grifone.