Spezia-Genoa, proprio come un derby

La tensione per una partita uguale alle altre ma solo di facciata c’è eccome, ma la vigilia di Spezia-Genoa è ammorbidita dai sorrisi che intravedi qua e là compresi quelli di Fabrizio Preziosi e del vicepresidente Pastorello entrambi a bordo campo per assistere alla rifinitura. Clima mite grazie al sole primaverile e ambiente ovattato dal fatto che Rossi e compagni si allenano a porte chiuse, consuetudine settimanale peraltro adottata fin dall’inizio della stagione.
Insomma al Genoa apparentemente va di scena la normalità anche se il tecnico non dimentica i fattori di attrito tra le formazioni puntualizzandone le differenze con lo scorso campionato. Lo ha detto anche nello spogliatoio.
La sfida rossoblù non priva di rivalsa per la sconfitta di andata è infatti lanciata dall’alto di una classifica che consegna al Genoa 19 punti in più dello Spezia, ma dopo le ultime lezioni impartite da Guidetti il Genoa con lo Spezia fa esercizi convinti di umiltà anche se Gasperini non cambia filosofia cercando anche al Picco d’imporre il proprio gioco mettendo in conto le difficoltà che si troverà di fronte come ha ripetuto per tutta la settimana. La formazione? Letteralmente blindata. Gasparetto si è allenato col gruppo e pare un buon segnale, ma non è al meglio. Adailton scalpita ma non è detto che parta titolare. E allora sotto con le ipotesi che vanno da un Botta a formare un tridente con Di Vaio e Leon, ma Greco è ok, ad un Juric subito tra i titolari al posto di Coppola come a Crotone. In difesa Masiello è in vantaggio su Stellini. Dubbi o segreti? Solo Gasperini ha le risposte giuste ma se le tiene strette per se non volendo dare vantaggi ad Antonio Soda che dal canto suo farà comprensibilmente altrettanto. Arbitrerà Moranti di Ascoli Piceno.
Intanto i tifosi sono mobilitati con i duemila biglietti assegnati ai rossoblù praticamente polverizzati. Saranno almeno quindici i pullman in movimento da Genova per il Picco. Dal Genoa Club Verrina al «Savona», dall’Amt all’Acg fino al massiccio contributo del Bonilauri di Sestri Ponente sono centinaia i genoani che si spostano con i club. Altri andranno con il treno di linea e per chi deciderà di fare la trasferta in auto o con mezzi propri potrà contare su un servizio di bus navetta dal casello autostradale di La Spezia-Santo Stefano Magra fino allo stadio Picco. Al casello i genoani troveranno operatori della Polizia che forniranno precise indicazioni per raggiungere l’area di sosta presso la quale potranno lasciare i propri veicoli e salire a bordo degli autobus navetta diretti allo stadio. Gli aquilotti li aspettano.
Intanto è stato reso noto che la gara Genoa-Bologna si giocherà in anticipo venerdì 13 aprile alle ore 21.