Per lo Spezia è già campionato Domani «incontra» la Juve

Luca Russo

da Pinzolo

Pinzolo sembra non accorgersi di loro tutta impegnata nei preparativi per l'arrivo della Juventus attesa per domani e così quando c'è in programma la sgambata mattutina in pineta sono in molti a chiedersi chi sono quei ragazzoni in pantaloni neri e maglietta bianca che corrono con cronometro al polso e cardiofrequenzimetro al petto. Loro, i giocatori dello Spezia, sanno che quest'anno proprio la Juve sarà una loro avversaria e così proseguono la preparazione con intensità.
Massimiliano Nardecchia, il preparatore atletico degli aquilotti, detta i tempi della corsa e alla fine dà i voti mettendo in vetta alla classifica Varricchio e Saverino che appaiono già tonici. Lo è un po' meno Alessi che deve fare i conti con una piccola ferita sotto un piede provocata da un riccio di mare fastidiosa traccia della sua vacanza balneare. Nessuna preoccupazione, il tempo per recuperare c'è tutto anche se già oggi i muscoli si cominceranno a scaldare con la prima amichevole. A Spiazzo Val Rendena, campo che ospita gli allenamenti, lo Spezia affronterà una rappresentativa della vallata per cominciare a rodare il gruppo. Poi il 26 luglio a Trento ci sarà un triangolare con i locali e il Verona quindi, il 30, tutti di nuovo a Spiazzo per affrontare la Pro Sesto e una rappresentativa di giocatori senza contratto che si allena a pochi chilometri dagli aquilotti.
Riflettori puntati sui nuovi che devono inserirsi in un gruppo capace nella scorsa stagione di un'impresa storica. E allora ecco il portiere Santoni, arrivato dopo una stagione altalenante a cavallo tra Palermo e Brescia e con tanta voglia di fare bene. E poi i difensori Scarlato (Crotone) e Rossi (Cremonese), il camerunese Boumsong (Inter), gli attaccanti Dionigi (Ternana), Bau (Triestina) e Russo (Inter). Da ieri poi è nuovamente con i compagni anche il nuovo mastino del centrocampo aquilotto. È Confalone che indossa la maglia bianca dopo una buona stagione ad Arezzo e che era stato costretto a fermarsi per qualche giorno per una forma influenzale e per espletare così le ultime visite mediche. «Sono qua per fare bene in un gruppo che mi sembra motivato e affiatato - dichiara il centrocampista di 31 anni - Certo la serie B è difficile e lo sarà ancora di più quest'anno, ma se lavoreremo bene potremo sorprendere». Inutile negare come le incertezze che pendono sulla cadetteria creino però qualche problema alla preparazione. «Siamo costretti a navigare alla giornata - spiega Nardecchia - non possiamo fare programmi di lungo corso perché non sappiamo con certezza se inizieremo a fine agosto o a metà settembre».
Mister Soda spesso a confronto con la sua nuova spalla, Stefano Maccoppi, in arrivo dalla Cremonese ma con un passato come allenatore della Primavera della Sampdoria, cerca di infondere sicurezza ai suoi. Già dai primi allenamenti chiede intensità. Guidetti e Varricchio in partitella cercano già il gol. Per le altre due punte Dionigi e Russo sarà difficile conquistarsi un posto da titolare.